Cerca

Bagnasco: "Attoniti per intolleranza"

Presidente della Cei parla delle violenze religiose subite dai cristiani: "Discriminati perché parlano di uguaglianza?"

Bagnasco: "Attoniti per intolleranza"
"Insieme al Santo Padre Benedetto XVI siamo attoniti davanti all’intolleranza religiosa e a tanta violenza, e ci chiediamo addolorati: perché"?. Questo l'interrogativo che si è posto l'arcivescovo di Genova e presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il cardinal Angelo Bagnasco, stamani nel corso dell'omelia per la messa dell'Epifania nella messa di San Lorenzo. Non si tratta di una "domanda retorica e non nasconde nessun desiderio di rivalsa", ha continuato il porporato,  ma "è sincera e nasce dal sangue di tanti cristiani, dalle loro sofferenze e dà voce al brivido interrogativo che sale da tante parti della terra: perchè?".

COMUNITA' EUROPEA - Bagnasco ha poi auspicato un intervento dell'Europa: "La comunità internazionale, a cominciare dall’Europa, faccia sentire una voce forte e una parola chiara perchè il diritto alla libertà religiosa sia osservato ovunque senza eccezioni". Il porporato ha poi invitato i cristiani "a pregare per i persecutori, perchè aprano gli occhi alla luce. Preghiamo per le anime dei defunti per i loro familiari nel dolore, per tutti i cristiani che in tante regioni del mondo ci danno l’esempio" perché "non possiamo, non vogliamo rimanere insensibili".

"NON ARROGANTI MA LUMINOSI" - Poco prima il cardinale aveva invitato i fedeli ad "essere missionari del Vangelo" perché "non si tratta di essere arroganti ma luminosi. L’esempio di tanti nostri fratelli nella fede, che rischiano e danno la vita per Gesù e la Chiesa", ha affermato, "ci scuota dal torpore delle cose facili, dalla tiepidezza sempre alle porte, dalla facilità indolente di seguire la corrente del mondo".

"DIGNITA' E UGUAGLIANZA" - I cristiani nel mondo sono perseguitati perchè parlano di "dignità, di uguaglianza, di libertà di coscienza, di Stato di diritto": è un altro passo dell’omelia del cardinal Bagnasco. "Forse", si è domandato il porporato cercando le motivazioni delle persecuzioni", i cristiani sono discriminati e perseguitati proprio perchè, in nome di Cristo, parlano di dignità e di uguaglianza di ogni persona, uomo o donna che sia? Di libertà di coscienza? Perchè predicano l’amore anche verso coloro che si pongono come nemici? Perchè parlano di perdono, rifiutano la violenza e operano come costruttori di pace? Perché predicano la giustizia e lo Stato di diritto? Forse è per questo che qualcuno li giudica pericolosi e inaccettabili, oggetto di intolleranza, meritevoli di persecuzione e di morte?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    08 Gennaio 2011 - 14:02

    ha scritto un bel libro chiarendo, senza paura, che cosa sia un certo Islam. Aveva ragione: l'Europa ha paura dell'islam e così cerca di ingraziarselo facendo grandi disquisizioni sull'integrazione. L'integrazione avviene solo se esiste il rispetto delle regole del paese ospitante.... non mi pare che i cristiani ottengano lo stesso trattamento riservato ai mussulmani. Con grande rispetto per tutte le religioni e per tutte le persone corrette e di buona volontà di tutto il mondo queste metastasi sparse nel nostro corpo sociale devono essere bloccate ed eliminate con l'espulsione. Non può interessare una cultura che ci fa ritornare a secoli addietro. Dobbiamo evolverci non involverci, dobbiamo migliorare non peggiorare.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    07 Gennaio 2011 - 13:01

    Lo so,questo verbo ora sembra una bestemmia. Non ci crederà, ma proprio a quello si riferisce! Si guardi dai finti amici

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    07 Gennaio 2011 - 00:12

    In questa Europa, ci sono pochi Stati nin grado di poter fermare l'intolleranza fondamentalistica coranica dell'Islam. Tra queste Nazioni, per l'assunzione di impegni a ferrmarer questa mattanza di umani intollerabile cè la sempre e onnipresente Inghilterra, chge è garanzia delle libertà e l'attuale Russia con a capo il Presidenter Putin di fede Cattolkica Ortodossa. Basterebberon queste due realtà a muoversi in difesa di tuttui i Cristiani per trascinarsi dietro molti altri Paesi. In politica come in economia,non ci possono essere mistificazioni e pertanto, se si vogliono fermare i fondamentalisti,penso che in questa vecchia Europa la motrice contro l'Islam fondamentalista sono le nazioni citate. Eminenza, sembra uno scherzo del destino.

    Report

    Rispondi

  • lorisvioni

    06 Gennaio 2011 - 23:11

    Eminenza, quando Lei dice Europa, intende dire quel carrozzone che manteniamo fra Strasburgo e Bruxelles? Cioé la UE? Allora, Eminenza, lasci perdere: quando c'é un problema serio da risolvere, non si può contare su quel gregge di pecoroni burocrati. Glielo dico io, lasci perdere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog