Cerca

Scomparsa a maggio, trovate le sue ossa

Ascoli: sotterrate in un campo a pochi metri di profondità, sono i resti di Rossella Goffo. Un indagato

Scomparsa a maggio, trovate le sue ossa
A Colle San Marco, nei pressi di Ascoli, sono state ritrovate delle ossa: si tratterebbe dei resti di Rossella Goffo, funzionaria della prefettura di Ancona sparita lo scorso maggio. Il marito della donna, il medico Roberto Girardi, ha riconosciuto il braccialetto e la giacca della moglie scomparsa, che gli sono stati mostrati in fotografia. Lo ha reso noto l'avvocato della famiglia Girardi, Claudio Sartori.

L'UNICO INDAGATO - La tetra scoperta è avvenuta grazie a un cane che stava passeggiando con il suo padrone: le ossa erano nascoste a pochi metri di profondità. Gli inquirenti da subito avevano sospettato che si trattasse di Rossella Goffo, per la cui scomparsa c'è un solo indagato. Si tratta di Alvaro Binni, poliziotto 41enne della Questura di Ascoli Piceno. L'uomo, che conosceva la Goffo e con la quale potrebbe avere avuto una relazione, è indagato per omicidio. Le infruttuose ricerche della donna si erano più volte concentrate nell'ascolano.

BRANDELLI DI VESTITI - Accanto ai resti ritrovati c'erano anche brandelli di vestiti. I capelli della donna erano lunghi proprio come quelli di Rossella Goffo. I tecnici della Scientifica hanno quindi repertato i resti umani. La parte superiore del corpo era praticamente ridotta a scheletro, mentre la parte inferiore presentava ancora parte dei tessuti.

SCARSA PROFONDITA' -
Il cadavere era interrato a una scarsa profondità: è probabile che la pioggia in questi mesi abbia scavato il terreno, riportando ancora più in superficie i resti. Il corpo è stato ora portato via da un furgone di un'impresa di pompe funebri, e trasferito nell'obitorio dell'ospedale di Ascoli.

FASCICOLO PER OMICIDIO - Dopo il ritrovamento delle ossa, la Procura della Repubblica di Ascoli ha aperto un fascicolo sul caso. Inizialmente si trattava di un fascicolo diverso rispetto a quello aperto per l'omicidio della donna, ma dopo il riconoscimento dell'ex marito i due procedimenti sono stati unificati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog