Cerca

Via Poma, Pm: "Ergastolo per l'ex di Simonetta"

L'omicidio di 21 anni fa: invocato il carcere a vita per Raniero Busco. Lui: "Sono innocente"

Via Poma, Pm: "Ergastolo per l'ex di Simonetta"
Per l'ex fidanzato di Simonetta Cesaroni, Raniero Busco, la requisitoria del pm al processio di via Poma si è conclusa con la richiesta dell'ergastolo. Il pm Ilaria Calò ha chiesto il massimo della pena ritenendo le prove a carico di Busco, accusato dell'omicidio avvenuto il 7 agosto di 21 anni fa nella Capitale. Il processo è in corso davanti alla III Corte d’assise da undici mesi; la sentenza è attesa per il prossimo 21 gennaio.

"PROVE SCIENTIFICHE" - Ad uccidere Simonetta Cesaroni, il 7 agosto 1990, secondo il pubblico ministero Calò, non può che essere stato l’ex fidanzato Raniero Busco e tale tesi è suffragata da prove scientifiche. Per la pubblica accusa, non c'è spazio per spiegazioni alternative.  "Ci vorrebbe una identità incorporea", ha detto il pm Calò nel corso della requisitoria davanti alla terza corte d’assise del tribunale di Roma, "che è in grado di dare un morso alla Cesaroni senza lasciare traccia. Una identità incorporea che dà 29 coltellate alla vittima senza lasciare traccia di sudore sul corpetto e sul reggiseno, dove è stato trovato solo il dna di Busco. Non è possibile una ipotesi di omicidio commesso da qualcun altro. Non c'è nessuna spiegazione alternativa, nè logica nè lecita. Bisognerebbe pensare che nello stesso contesto Busco ha dato un morso a Simonetta e quindi qualcun altro senza lasciare tracce ha commesso l’omicidio".

"SONO INNOCENTE" -L'imputato venerdì 7 gennaio non era in aula, ma nelle numerose udienze degli scorsi mesi ha sempre seguito il dibattimento e proclamato la sua innocenza. Prima della pausa di Natale la rappresentante dell’accusa aveva parlato per quattro ore con l’obiettivo di dimostrare la colpevolezza dell'uomo che all'epoca del delitto era fidanzato con la Cesaroni.

LA VICENDA - Simonetta fu assassinata con 29 colpi di tagliacarte nell'ufficio dove lavorava, in via Poma. La richiesta di una pena severa ai giudici togati e popolari era scontata. Dato che il capo d’accusa è omicidio volontario aggravato dalla crudeltà, Busco rischia dai 24 anni di carcere all’ergastolo. É anche vero però che il difensore e gli avvocati di parte civile devono ancora parlare. Toccherà a loro a partire dall’udienza successiva, quella del 14 gennaio.

INCERTEZZE NEL CASO - L’avvocato di Busco, in particolare, dovrebbe puntare sulle numerose incertezze emerse nel dibattimento, anche in relazione al segno del morso sul seno di Simonetta, che il pm ritiene "perfettamente" sovrapponibile all’arcata dentaria di Busco mentre tecnicamente si può parlare anche, soltanto, di "compatibilità". Dopo le arringhe gli avvocati, il 21 gennaio, per Busco sarà l’ora della verità: i giudici entreranno in camera di consiglio per una decisione storica, comunque vada a finire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SBonfiglio

    09 Gennaio 2011 - 17:05

    Questi nostri magistrati fanno veramente schifo. Non ci sono prove reali, se non il fatto che i due - che erano amanti - hanno avuto rapporti (forse). E allora ? Dove sono le prove dell'omicidio ? Dov'è l'arma del delitto ? Ci sono le solite convizioni, i soliti "è probabile", le solite congetture. Questo nostro sistema deve evolvere, o non ci sarà mai civiltà. Queste porcherie possono colpire tutti. Io, voi, tutti! I giudici vogliono pubblicità. Sono delle primedonne alla ricerca di notorietà. E ci vanno di mezzo i poveri disgraziati. E, soprattutto, loro non pagano mai per gli errori che commettono. E' ora di finirla.

    Report

    Rispondi

  • just69

    08 Gennaio 2011 - 14:02

    non posso far altro che concordare con voi e far notare che è possibile che il "succhiotto" sul seno della ragazza ed il residuo di saliva del suo fidanzato sul corpetto della stessa potrebbero esser stati lasciati in tutt'altro momento. Spero che anche in Italia si applichi il criterio di condannare qualcuno se e solo se la sua colpevolezza fosse dimostrata "oltre ogni ragionevole dubbio" e che si approfondiranno seriamente le indagini sulla reticente famiglia del portiere e sul "suicidio" (definirlo anomalo è un eufemismo) dello stesso Vanacore...Bisogna trovare IL colpevole e non UN colpevole: in questo come in altri casi. Se non si riesce a trovarlo noi umani, ci penserà il Signore che saprà esser assai più giusto e severo nel comminargli la punizione eterna.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    07 Gennaio 2011 - 18:06

    di lusso.

    Report

    Rispondi

  • cesare46

    07 Gennaio 2011 - 17:05

    Ma è da 21 anni che ci rompono i maroni, con questa e altre storie ma basta con le solite notizie bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog