Cerca

Le uova tedesche alla diossina anche in Italia

Ma il ministro alla Salute, Ferruccio Fazio, rassicura: "Sono poche e tracciabilie"

Le uova tedesche alla diossina anche in Italia
Il day-after l'allarme scattato in germania sulle uova alla diossina, emerge che l'Italia ne ha importato una limitata quantità dal Paese tedesco. Grazie all'etichettatura, però, è possibile rintracciarle guardando il marchio di produzione e provenienza. L'avviso è firmato dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, e arriva dopo che l'allarme sui prodotti contaminati da diossina si è diffuso in tutta europa.

IL MINISTRO RASSICURA - Il ministro ha quindi rassicurato sul fatto che le uova italiane, marchiate e tracciabili, "sono garanzia di sicurezza anche in Germania". Il dicastero ha poi inviato una lettera ai produttori italiani che importano latte tedesco con la richiesta di effettuare indagini specifiche per la diossina, mentre saranno effettuati controlli a campioni da Nas e regioni in tutta la Penisola. Nuovi test hanno inoltre indicato che i livelli di diossina nei grassi animali prodotti dalla ditta tedesca finita nel mirino, la Harles und Jentzsch, erano circa 78 volte sopra la norma

"PRODOTTI ITALIANI SICURI" - Il ministro della Salute ha disposto un doppio filtro per individuare l'eventuale presenza di diossina nei prodotti alimentari, con un controllo all'origine da parte delle aziende importatrici e un sistema di verifica al dettaglio. Fazio ha quindi rassicurato sul fatto che i prodotti italiani (latte, carne e uova) sono sicuri. La prossima settimana, il 12 gennaio, è prevista una riunione tecnica a Bruxelles. "E il 13 a Roma ho convocato una riunione con i tecnici che hanno partecipato all'incontro di Bruxelles, i Nas e le Regioni", ha concluso il ministro alla Salute. "Insieme si metteranno a punto modalità di controllo a campione per realizzare un secondo filtro». Per il latte a lunga conservazione e le carni suine, sui quali non è prevista l'etichetta che indica l'origine, spiega, potremmo contare «su questo doppio filtro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    09 Gennaio 2011 - 14:02

    Horum fortissimi sunt Belgae, però ci hanno mandato tale Fazio a fare il ministro della sanità. Con quali risultati sono sotto gli occhi de tutti

    Report

    Rispondi

  • blu521

    09 Gennaio 2011 - 13:01

    Vare,redde mihi legiones. Così Augusto dopo la battaglia di Teutoburgo. Germania, terra infida, secondo bobirons. Si tranquillizzi: perfino Kant avrebbe qualche difficoltà a farsi assumere come opinionista su questo giornale. Sta lì a strologare sul terremoto di Lisbona!

    Report

    Rispondi

  • vin43

    08 Gennaio 2011 - 23:11

    Non so di quale figlia parli nel tuo post. So soltanto che mai mi sarei aspettato un’accoglienza così civile e amichevole come quella ricevuta negli anni ’70, quando sono arrivato per la prima volta in Germania. Pernottai da un amico. La mattina dopo alle 8,00 mi recai all’ufficio del lavoro e senza conoscere alcuna parola di tedesco ne uscii alle 11,00 con casa e lavoro. Negli 8 anni vissuti lì, mai, e dico mai, ho avuto atteggiamenti d’intolleranza o di superiorità nei miei confronti. Anzi ho avuto rispetto e considerazione. Come pure di tutti gli italiani che erano prima di me, stando alle loro testimonianze. Integrarsi a loro non mi è stato difficile. Ho rispettato il loro modo di vivere, gustandone la compartecipazione a vicende sociali. Rispettando, soprattutto, gli impegni derivanti da un SI o da un NO, e la puntualità di tempo e di modo. Una stretta di mano sanciva inderogabili impegni vicendevolmente senza se e senza ma. Questo per me, è vivere civile.

    Report

    Rispondi

  • bidella volante

    08 Gennaio 2011 - 19:07

    Le uova alla diossina, le cozze alla vernice, mancano solamente i trimoni alla panna e stiamo apposto. Ce munn da pazz!!! Un saluto a tutti dalla provincia barese e buon anno ai gip, gup, Pm e avvocati comunisti vari.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog