Cerca

Si costituisce il pirata sciatore

E' un minorenne

Si costituisce il pirata sciatore
Si è costituito lo sciatore pirata di Obereggen: si tratterebbe di un minorenne. Il giovane si è costituito ai carabinieri del Comando provinciale di Bolzano, presentandosi negli uffici di via Dante. La mattina di Natale lo sciatore aveva investito e ucciso sulle piste di Obereggen il 51enne Artur Lantschner, 51 anni, mentre questi sciava in compagnia della figlia 12enne, rimasta illesa. Le indagini erano affidate ai carabinieri della locale stazione di Nova Ponente e del Comando provinciale di Bolzano che stanno effettuando ricognizioni sulle piste con militari sciatori e motoslitte.
La tragedia si è consumata attorno alle 11:10 sotto gli occhi della figlia della vittima, Carolin di 12 anni. Il padre e la figlia erano scesi dalla seggiovia con l'intenzione di sciare lungo la pista 6 dell'Absam, un tracciato di media difficoltà dove la pendenza massima tocca, ma solo nella parte superiore, il 35%. Proprio sul muro che porta alla malga Maierl a circa 100 metri dell'arrivo della seggiovia a sei posti si è verificato l'incidente.
Lo sciatore killer, dopo aver rischiato di investire Carolin, ha preso in pieno il padre che è rimasto immobile a terra. Successivamente il pirata, rotolato sulla pista per circa trenta metri perdendo anche uno sci, ha ripreso la sua marcia verso valle. Da una testimonianza di una turista italiana rintracciata la sera di Santo Stefano, sembra che l'investitore sia stato soccorso da altri sciatori, forse amici. La figlia, disperata vedendo il padre esanime sulla neve, ha cercato di chiedere aiuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco.behmann

    31 Dicembre 2008 - 11:11

    dopo, ma solo "dopo" essere stato identificato dai carabinieri, lo sciatore teppista si consegna alle forze dell'ordine si dichiara pentito etc etc ed alcuni media hanno già cominciato a perorare la sua causa; e la vittima? al solito : dimenticata in quattro e quattr'otto.

    Report

    Rispondi

blog