Cerca

Catania, esplode fabbrica di botti. Almeno due morti. Difficili i soccorsi

La deflagrazione a Santa Venerina. Sul posto vigili del fuoco. Un testimone: "Frastuono terrificante"

Catania, esplode fabbrica di botti. Almeno due morti. Difficili i soccorsi
Due persone sono morte e un'altra è rimasta ferita nell'esplosione avvenuta in una fabbrica di fuochi d'artificio di Santa Venerina, nei pressi di Catania. La deflagrazione, seguita da un incendio,  è avvenuta poco dopo le 9.30 di lunedì 10 gennaio. Sul posto sono intervenute  numerose squadre dei vigili del fuoco, oltre a polizia e carabinieri.

MORTI DUE OPERAI - L'incidente è avvenuto in uno dei capannoni della "Pirotecnica Etnea" di Giovanna Consoli, in contrada Cosentini, alla periferia di Santa Venerina. I due morti sono entrambi operai della fabbrica. Uno di loro era un lavoratore romeno, l'altro era di Mascali. Il ferito, Gaetano Spina, figlio del titolare, è stato trasportato dall'elisoccorso neall'ospedale di Acireale. Le sue condizioni sono gravi. Secondo quanto si è appreso, la deflagrazione è avvenuta mentre le vittime stavano preparando una miscela esplosiva.

DIFFICOLTA' NEI SOCCORSI - "Il casotto dove è avvenuto lo scoppio non è ancora in sicurezza, stiamo aspettando l’ok dei vigili del fuoco per entrare dentro e quantificare i danni e i morti". Lo ha dichiarato Carlo Sciuto, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri che sta coordinando le operazioni dopo l'esplosione nella fabbrica. "Al momento - ha aggiunto - è ancora prematuro spiegare cosa sia successo perché dentro la situazione è a rischio di nuove esplosioni". Sul posto i vigili del fuoco stanno lavorando con molta prudenza: utilizzano poca acqua per evitare che la polvere di alluminio presente all’interno possa innescare nuove deflagrazioni.  

LA TESTIMONIANZA - Tra i primi soccorritori, il proprietario di un appezzamento di terreno che si trova al fianco della fabbrica dove è avvenuta l'esplosione: "Mi trovavio a cento metri dalla fabbrica nelle mie campagne - racconta - quando ho sentito un botto terrificante. A quel punto sono corso dentro, mi sono avvicinato all’edificio dove è avvenuto lo scoppio ma non ho avuto il coraggio di entrare dentro. C'era una scena terrificante, mi sono subito allontanato temendo che ci sarebbero stati ulteriori esoplosioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    10 Gennaio 2011 - 23:11

    sono i 'botti'. Ma normalmente (e per fortuna) gli scoppiano in mano. E io dovrei sentirmi italiano e unito a questi figuri che vanno contro legge ogni volta che si può?

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    10 Gennaio 2011 - 19:07

    mi dispiace immensamente per i poveri morti,per il resto non dovrebbero nemmeno esistere secondo me tali attività in italia,adesso la magistratura aprrà un fascicolo e verrà scoperto che le norme di sicurezza.............! ?!? fino al prossimo botto.

    Report

    Rispondi

blog