Cerca

De Magistris (Idv) nei guai: rinvio a giudizio

Nell'inchiesta Why Not, l'eurodeputato del partito di Di Pietro avrebbe acquisito in maniera illecita dei tabulati telefonici

De Magistris (Idv) nei guai: rinvio a giudizio
Grane (giudiziarie) per un esponente dell'Idv. Anzi, per una delle due anime del partito "tutta legalità" di Antonio Di Pietro. La comunicazione è arrivata tramite Facebook. Il testo: "Prendo atto della richiesta di rinvio a giudizio avanzata nei miei confronti dalla Procura di Milano. La firma in calce è quella dell'eurodeputato dell'Italia dei Valori, Luigi De Magistris. Nei suoi confronti, l'accusa dei magistrati romani è quella di "abuso d'ufficio, nello specifico per aver acquisito i tabulati telefonici di alcuni parlamentari senza averne richiesto l'autorizzazione preventiva alla Camera" nell'ambito della cosiddetta inchiesta "Why Not".

ACCERTAMENTI IRREGOLARI - L'inchiesta riguardava presunti illeciti nella gestione di fondi pubblici in Calabria, e risale ai tempi in cui De Magistris era pm a Catanzaro. Nel procedimento vennero coinvolti Romano Prodi e Clemente Mastella, ma le loro posizioni furono successivamente archiviate, poiché era stato evidenziato che dagli accertamenti compiuti dal Ros era emerso che il consulente di De Magistris, Gioacchino Genchi, aveva "elaborato i tabulati di traffico telefonico di utenze riconducibili al Senato, alla Camera, alla Presidenza del Consiglio, a Ministri, alla Direzione nazionale antimafia, a direzioni di partiti politici, ad amministratori comunali e finanche a numerazioni private di magistrati".

DE MAGISTRIS: "SONO SERENO" - "Mi recherò in tribunale", ha proseguito l'eurodeputato del partito di Di Pietro, "e davanti ai giudici mi difenderò con una disposizione d'animo assolutamente serena perché sono certo della correttezza del mio operato e perché credo nella giustizia". De Magistris prosegue: "Proverò che il reato contestatomi non ha nessun fondamento di verità. Solo un magistrato suicida, infatti, avrebbe potuto pensare di acquisire i tabulati telefonici di alcuni parlamentari senza autorizzazione della Camera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diocleziano48

    04 Aprile 2011 - 11:11

    Che bella notizia.. come sono contento...

    Report

    Rispondi

  • cleto arrighi

    23 Febbraio 2011 - 20:08

    pazienza caro De Magistris.Se condannato sicuramente si adotteranno le misure usate con il dott.Travaglio:impunità per scadenza termini a condanna emessa!

    Report

    Rispondi

  • bimbomix

    23 Febbraio 2011 - 12:12

    Qualcuno sostiene che indagare DeMagistris sia la prova provata che la magistratura non è di sinistra. A me pare invece che qui si indaghi su qualcuno che ha perso completamente il senso della misura e che pur di provare laqualunque , utilizza mezzi non del tutto leciti, in un delirio di onnipotenza che non prevede il dubbio. E questo tipo di atteggiamento ce l'hanno solo i trinariciuti.De Magistris è una scheggia impazzita: i colleghi glielo stanno dicendo in tutti i modi, poi lo abbatteranno nel perfetto stile da scuola moscovita.

    Report

    Rispondi

  • zuccherodicocco

    20 Gennaio 2011 - 09:09

    Ma nell'IDV sono tutti così, gente pronta ad applaudire se viene indagato il Berlusca! Peccato che anche loro non siano meno inguaiati, sinceramente i loro capi e capetti non mi sembrano di specchiata virtù, prova ne sia che pure De Magistris abbia qualche patata bollente tra le mani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog