Cerca

D'Alema: "attaccato dal Pd

ma non sono io il demonio"

D'Alema: "attaccato dal Pd
D'Alema non ci sta: non è lui il demonio del Pd. In un momento di caos come questo il suo contributo andava apprezzato, non combattuto. Lo dice proprio lui, in un'intervista a Red Tv. «Anzichè demonizzare i miei convegni ci si doveva occupare di governare il partito», ha detto il presidente di Italianieuropei. che si dice anche «amareggiato» dalle polemiche interne al Partito democratico. D'Alema parla di «confusione, mancanza di responsabilità in diversi», e, a proposito della tregua invocata da Veltroni fino alle europee, dice: «Io sono unilateralmente impegnato in questo da tempo». Ma il presidente di Italianieuropei c'è rimasto male soprattutto per il clima di astio riservato, a suo giudizio, alle sue iniziative degli ultimi mesi: «È stato sbagliato, anzichè affrontare i problemi del partito, alimentare una campagna per cui il Pd si trovava in una situazione splendida tranne D'Alema. Oggi è giusto chiamare a raccolta le maggiori personalità del partito per vedere cosa si può fare per rilanciarlo». A giudizio dell'ex ministro degli Esteri, sulla fondazione del Pd c'è stata una discussione «confusa intrapresa con ritardo e incertezze. Spero che il processo fondativo trovi un momento di rilancio con la conferenza programmatica. Io resto pronto, nono ho ricevuto chiamate, sono disponibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    14 Gennaio 2009 - 19:07

    Mi chiedo e chiedo se : a leggere i giornali,...le dimissioni Nicolais (segretario PD napoletano) siano derivanti dalle indecisioni dell'on.Veltroni, che qualche settimana prima lo aveva incaricato di "annullare" quella Giunta. Iervolino e Bassolino,insieme, fanno opposizione con il successivo, si direbbe,"placet" di Veltroni. Da qui le note dimissioni di Nicolais. Il caso Pescara, sembra non discostarsi molto per criticabilità dei vertici. Amen,...si dovrebbe dire: la confusione regna !!! Orbene, con queste premesse di lucida padronanza della sua "maison" sul territorio nazionale,...dobbiamo, poi, prendere atto di dover sentire l'on. Veltroni, insieme al com...(pardon !) collega D'Alema, disquisire, dissertare...con possibili consigli sul da fare...dell'intricatissima e sempre più delicata situazione medio-orientale !!! Ma Vi pare possibile ?? Quel Veltroni, poi, che continua ad accusare l'attuale Premier di essere perennemente in campagna elettorale ...dimenticandosi delle sue continue "uscite" giornaliere ?? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • olga.antonelli

    12 Gennaio 2009 - 16:04

    Oggi, in TV ho visto il M. D'alema mentre scendeva una scalinata di (...non so dove) attorniato da vari portaborse adoranti. Il noto politico, con atteggiamento volutamente teatrale, sembrava la Vanda Osiris d'altri tempi. Mi sono sempre chiesta (e non ho trovato risposta) cos'è che induce quest'uomo - malgrado i suoi numerosi ticks, a sentirsi tanto.... "tutto".

    Report

    Rispondi

blog