Cerca

Alitalia sposa Air France

Malpensa hub strategico

Alitalia sposa Air France
Alitalia ha scelto il suo partner. Lo  ha fatto durante il Cda della Cai: è Air France il prescelto. "Abbiamo raggiunto obiettivi al di là delle nostre attese", ha detto il presidente Roberto Colaninno durante la conferenza stampa in cui è stato annunciato il via libera al partenariato. "L'intesa con Air France porterà sinergie per 720 milioni di euro nei prossimi tre anni".
Il gruppo francese aveva già detto sì venerdì, toccava solo a Cai fare l'ultimo passo per siglare l'intesa. Il primo decollo Alitalia è previsto per domani. Alle 6 e 10, il volo Az205 in partenza da Londra Heathrow per Roma dovrebbe dare inizio ai collegamenti della nuova compagnia di bandiera italiana.  Ma le ultime ore saranno concitate. Restano infatti ancora i nodi relativi al ruolo che rivestirà Malpensa (e il sindaco di Milano Letizia Moratti ha chiesto intanto più tempo) e alla vertenza sindacale fino agli adempimenti istituzionali per il rilascio della licenza di operatore aereo.
E a proposito di Malpensa, Colaninno ha confermato "la priorità strategica". Per i prossimi anni è previsto, previo ridimensionamento di Linate come city airport specializzato nella tratta Milano-Roma, un aumento delle rotte internazionali da 3 a 14. Lo scalo a nord di Milano è destinato dunque ad essere l'hub di riferimento per il business nella Pianura padana. Alitalia e Air France svilupperanno insieme una strategia multi-hub, in cui Fiumicino e Malpensa saranno protagonisti con "pari dignità" rispetto a Parigi e Amsterdam. L'accordo prevede l'ampliamento dell'offerta di voli nazionali, europei e intercontinentali da e per Roma e Milano, e il miglioramento della qualità e dell'efficienza del servizio. Per Fiumicino, in particolare, c'è l'impegno di massimizzare le rotte verso il Mediterraneo, l'Estremo Oriente e il Sud America.
Deluse, dunque, le aspettative della Lega e del sindaco di Milano Letizia Moratti, la quale proprio stamattina aveva urlato a gran voce: "C'è anche Lufthansa".
Ilprimo cittadino del capoluogo lombardo auspicava "che il cda di Cai non sancisca una partnership internazionale senza avere prima esaminato altre proposte. Berlusconi due giorni fa ha detto che avrebbe chiesto a Cai di aspettare l'offerta di Lufthansa, voglio pensare che il cda di Cai non si prenda la responsabilità di proseguire nei suoi passi visto che dal Governo ha avuto - aggiunge la Moratti - forti facilitazioni e quindi non può non fare l'interesse del Paese. Lufthansa viene per investire, altri vengono solo per comprarci, e io lotterò fino alla fine".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog