Cerca

Contro il premier in campo anche la mafia. "Un disegno per farmi fuori"

Berlusconi accerchiato. Spunta anche il pentito: "Firenze, Roma e Milano: c'è lui dietro le stragi del 1993".

Contro il premier in campo anche la mafia. "Un disegno per farmi fuori"
E' un attacco su più fronti quello che si sta consumando in queste ore al Premier. Dopo le dichiarazioni del premeri ("Non mi dimetto, c'è un disegno per farmi fuori"), martedì 18 gennaio sono arrivate anche le rituali accuse sulle stragi di mafia. A parlare è il pentito Giovanni Ciaramitaro, ascoltato come teste nel processo a Francesco Tagliavia per le stragi di mafia del 1993 a Firenze (nella foto, l'attentato in via dei Georgofili), Roma e Milano. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento, sul premier si è scatenato il fuoco incrociato di pm, giudici, pentiti e aule giudiziarie, in un attacco la cui intensità ha pochi precedenti.

"BERLUSCONI SARA' PREMIER E ABOLIRA' IL 41 BIS" - "Alcuni politici ci avevano suggerito di fare le stragi per fare abolire il 41 bis, il carcere duro ai mafiosi, la legge sui pentiti", dice il mafioso, includendo chiaramente tra i politici proprio il Premier, a quei tempi (siamo agli inizi degli anni '90) non ancora sceso in campo con Forza Italia. Secondo Ciaramitaro, il boss Francesco Giuliano gli assicurò che "ci stava questo politico che all’epoca non era in politica, ci si stava avvicinando, mi pare fosse il 1993, un politico che quando diventerà presidente del consiglio mano a mano abolirà queste leggi, il 41 bis, il carcere duro, la legge sui pentiti. Con Giuliano poi siamo stati quattro mesi latitanti insieme a Misilmeri e lì mi disse che questo politico era Berlusconi".
Sempre Ciaramitaro, la cui attendibilità è tutta da verificare, ha spiegato che "la ragione delle stragi era l'abolizione del 41 bis. Le bombe le mettevano per scendere a patti con lo Stato. C'erano dei politici che indicavano quali obiettivi colpire con le bombe, come le opere d'arte".

DI FILIPPO: "HO SEMPRE VOTATO PER BERLUSCONI" - Ma non è tutto. Le conicidenze dell'orologio della giustizia non sono finite. Contro il Cavaliere si scaglia anche un altro pentito, Pasquale di Filippo. Il teatro è il medesimo: il processo celebrato nell'aula bunker del tribunale di Firenze. Di Filippo ha raccontato: "Da quando avevo vent'anni mi hanno sempre detto cosa dovevo votare politicamente, io e tutti gli altri. Nel '94, quando ci sono state le votazioni, in Sicilia abbiamo votato tutti per Berlusconi - dice - perchè Berlusconi ci doveva aiutare: doveva far levare il 41 bis, cosa che in quel periodo non è successa e quindi io mi sono lamentato con Bagarella personalmente e gli ho detto guarda che là ci stanno ammazzando a tutti", riferendosi evidentemente ai carceri di massima sicurezza di Pianosa e l'Asinara, dove i detenuti avrebbero subìto maltrattamenti. "Perchè ancora non ha fatto niente? - riferisce di Filippo - Lui mi ha risposto, in siciliano, 'in questo momento lascialo stare perchè non può fare niente'. Mi ha fatto capire - prosegue il pentito - che c'erano altri politici che gli giravano intorno, nel senso di vedere quello che lui faceva e quindi lui non si poteva esporre più di tanto. 'Comunque appena c'è la possibilità, lui ci aiuterà'".

"STRAGI DEL '93, RICATTO CONTRO IL 41-BIS" - Secondo il pentito, dunque, gli attentati mafiosi del 1993 erano "un ricatto della mafia allo Stato sul 41 bis", e per far arrivare il messaggio a destinazione "sicuramente c'era un intermediario. Nessuno me ne ha mai parlato, ma ci arrivo a logica". Di Filippo racconta anche di essere stato scelto - da Francesco Grigoli e Antonino Mangano - per "individuare l'abitazione di Martelli perchè lo dobbiamo uccidere, ha fatto qualcosa contro di noi", mentre l'attentato a Maurizio Costanzo era stato fatto "per vendetta, per una trasmissione che aveva fatto".Dopo l'arresto di Totò Riina, aggiunge di Filippo, "Bagarella è il numero uno di Cosa Nostra. E’ vero che ci stava Provenzano fuori ma per me, per quelle che sono le mie conoscenze, per come lo vedevo agire, per me Bagarella era il numero uno".

LE "SPATUZZATE" - Inseroabile, nelle aule dei tribunali si continua a recitare un testo già scritto e interpretato in precedenza dal pentito Giuseppe Spatuzza, le cui sparate contro Berlusconi erano state giudicate infondate. Il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone, ha commentato: "Le spatuzzate sono già fallite una volta, ma si ritenta di mettere in circolo follie e veleni. Va detto che così non si offende solo chi è oggetto di questa falsità, ma la giustizia stessa, oltre a rinnovare il dolore dei familiari delle vittime. Sarebbe l'ora che qualcuno avesse l'intelligenza di fermare questa oscena macchina del fango".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    21 Gennaio 2011 - 22:10

    Lo stanno perseguitando da 17 anni.Tra accuse di mafia,violenze sessuali,corruzione,favoreggiamento della prostituzione minorile o meno,,pentiti ed escort,stampa e media lo stanno massacrando in maniera maniacale.E questo anche un P**LA lo avrebbe capito da tempo.E se continua a vincere lo fa anche per una sinistra ottusa,becera e fuori da ogni schema che vive in un'epoca virtuale ormai finita...E piu' vince piu' lo massacrano.In un paese che si ritiene civile questo non è normale.Saluti.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    20 Gennaio 2011 - 12:12

    ed allora facciamo l'ipotesi che per un qualsiasi motivo, di salute ad esempio (non auguro certo la sua morte!), lui debba lasciare l'attività politica, a lei ed a tutti quelli che la pensano come lei, domando: sarà possibile una vita senza Berlusconi? ci suicideremo in massa come hanno fatto gli ebrei a Masada?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    20 Gennaio 2011 - 12:12

    La fotocopia dell'assegno, risalente agli anni 80, è in mano dei PM Nino Di Matteo e Paolo Guido, assieme ad annotazioni del marito, che parlano pure di altri 25 milioni in contanti. Ciancimino avrebbe incassato altri contanti da G. Ciarrapico e G. Caltagirone, sempre allo stesso scopo: "acquisto tessere periodo '79-'83...."Io, Dell'Utri e Berlusconi siamo figli della stessa lupa", si legge in una pagina dattiloscritta attribuita, ma non c'è certezza, da Massimo Ciancimino al padre ... I PM si muovono comunque con cautela: "Altro materiale su cui la Procura sta lavorando...altri versamenti per le elezioni del 2001...l'anziana vedova ha ricordato presunti incontri tra il marito e Berlusconi negli anni '70". Ed a di là di tutto, Berlusconi si è portato in casa un amfioso già pluricondannato, come stallliere ma di cavalli nemmeno l'ombra. Secondo voi Berluscones, vorrà dire qualcosa?

    Report

    Rispondi

  • igna08

    20 Gennaio 2011 - 10:10

    Sicuramente domani qualche pentito dirà che i terremoti sono causati da Berlusconi, siii, anche le piogge , le inondazioni e chi più ne ha, più ne metta , e noi poveri italioti, abbocchiamo ...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti