Cerca

Madrid, dopo gli spot degli atei

quelli dei cattolici: Dio esiste...

Madrid, dopo gli spot degli atei

In Italia non hanno avuto il permesso: i cartelli degli atei con scritto "Dio non esiste" non saranno appesi sugli autobus della Liguria. In Spagna, invece, dopo quelli degli atei arrivano pure gli spot dei cattolici, con un messaggio opposto e contrario. Non solo su mezzi pubblici, ma anche su quelli privati.  Da lunedi a Barcellona, infatti, circolano due bus con la scritta «Probabilmente Dio non esiste, quindi rilassati e goditi la vita». E da ieri, invece, riferisce il quotidiano La Razon, a Madrid hanno iniziato a cricolare auto e moto con la scritta «Yo si creo in Dio y disfruto de la vida con El» («Io credo in Dio e godo della vita in Lui») incollata sui parabrezza. «Volevamo rivendicare l'orgoglio di essere cristiani, ma a livello individuale, senza rappresentare alcun movimento» ha spiegato al quotidiano la portavoce del gruppo, Paloma LLadò. I ragazzi hanno aperto anche un sito web, yoSIcreoinDios.com, dal quale può essere scaricato il proclama credente. «In due giorni abbiamo ricevuto centinaia di richieste», afferma Paloma, «e per la strada la gente ci ferma per chiedere dove può trovare la scritta», disponibile attraverso il sito anche in versione autoadesiva, in dimensione moto o auto. «Vogliamo fare arrivare a tutti, spiega Paloma, la buona notizia: che il Signore li ama». questo, dice, in modo del tutto «pacifico e senza intenzioni polemiche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enricosecondo

    17 Gennaio 2009 - 11:11

    Vivaddio, questa è democrazia seria, confronto e ognuno dica la sua. Io scrivo bianco e io scrivo nero: a chi legge giudicare. In Italia no, si grida allo scandalo per 2 autobus che dicono quello che sicuramente pensa una buona fetta di italiani e bastoni tra le ruote perchè questi autobus non girino. Nel Paese dove i diritti dei gay sono calpestati, la legge 40 è qualcosa di indecente, per ottenere il divorzio ci vogliono tempi biblici, non si rispetta chi vuole decentemente morire in barba a sentenze della magistratura, ma dove i preti vincono sempre. Non importa che mezza Italia sia nella morsa della criminalità, che siamo i più evasori d'occidenti, abbiamo strade zeppe di prostitute e viados, consumiamo cocaina e droghe varie, ma scherzi tutti buoni cattolici di facciata,r magari con 2 moglie figli a destra e a manca, amanti varii, ma guai a contraddire qualche vescovo o monsignore. Vizzissimi privati, ma pubbliche virtù. Evviva il cristianesimo all'italiana. Che pena!

    Report

    Rispondi

blog