Cerca

Risarcimento ai familiari vittime di Nassiriya

La Cassazione dà il suo via libera annullando, con rinvio alla Corte d'Appello Civile, la sentenza del 24 novembre 2009

Risarcimento ai familiari vittime di Nassiriya
La Cassazione ha dato il proprio via libera ai risarcimento per i familiari delle 19 vittime italiane della strage di Nassiriya, in Iraq, del 12 novembre 2003. Lo ha stabilito la prima sezione penale della Consulta annullando, con rinvio alla Corte d'Appello Civile di Roma, la sentenza con cui, il 24 novembre 2009, erano stati negati gli stessi risarcimenti.

ASSOLTI I DUE GENERALI - Le assoluzioni dei generali dell'esercito Bruno Stano e Vincenzo Lops, emerse dalla Corte militare di Roma in appello, erano già definitive perché la procura militare di Roma non aveva presentato alcun ricorso in Cassazione. La Suprema Corte, dunque, si è allineata alla richiesta del procuratore militare che lo scorso 30 novembre aveva richiesto, nella sua requisitoria, di accogliere il ricorso dei familiari delle vittime.

IN PRIMO GRADO LA CONDANNA DI STANO - Il generale Stano, in primo grado, aveva ricevuto una condanna dal gup del Tribunale militare a due anni di reclusione per non avere adottato tutte le misure necessarie alla difesa di base Maestrale a Nassiriya (nella foto), quartier generale dei carabinieri nonché luogo in cui si verificò il devastante attentato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bassu2

    22 Gennaio 2011 - 12:12

    dove erano Bossi e Berlusconi visto che erano assenti al funerale di Sanna ?

    Report

    Rispondi

  • prodomoitalia

    21 Gennaio 2011 - 08:08

    " è cosa buona e giusta e ....doverosa" E al povero Fabrizio Quattrocchi .....niente ???

    Report

    Rispondi

  • blu521

    21 Gennaio 2011 - 06:06

    I tuoi deliri sulla Magistratura possono far sorridere, ma servirsi dei morti per la patria è quanto di più abietto si possa compiere. Tu li hai uccisi due volte solo per assecondare il tuo animo distorto, senza provare nemmeno un intimo moto di censura. Parce sepulto non ti appartiene, tutto è buono per poter scagliare sugli altri la bassezza e la pusillanimità che ti contraddistingue. Verrebbe da dire :vergognati, ma è tempo perso. Sei solo un poveraccio

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    20 Gennaio 2011 - 19:07

    meno male che questa volta,l'ultima parola l'hanno avuta dei Magistrati capaci e seri.

    Report

    Rispondi

blog