Cerca

L'accusa chiede di ridurre la pena a Cuffaro

Il pg: "Per l'ex governatore della Sicilia vanno escluse aggravanti di favoreggiamento a Cosa Nostra"

L'accusa chiede di ridurre la pena a Cuffaro
Ridurre la pena dell'ex governatore della Sicilia Salvatore Cuffaro, condannato in appello a 7 anni di reclusione per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio emessa nell'ambito del processo talpe alla Dda. È questa la richiesta del sostituto procuratore generale Giovanni Galati ai giudici della seconda Sezione penale.

ESCLUDERE LE AGGRAVANTI - Il pg ha sostenuto che devono essere esclusse le aggravanti che avevano fatto crescere la pena di Cuffaro dagli iniziali cinque anni a sette. Secondo la Procura deve essere annullata l'aggravante che era stata inflitta lo scorso 23 gennaio dalla Corte di Appello di Palermo a Totò Cuffaro circa il favoreggiamento nei confronti di Mimmo Miceli e di Guttaduro. Rimarrebbe così in piedi il reato di favoreggiamento, che risale al 2001, nei confronti di Aiello, reato senza aggravanti e che cadrà in prescrizione ad aprile. Se quindi la suprema Corte accoglierà le richieste della pubblica accusa, la Corta d'Appello di Palemro dovrà rideterminare notevolmente al ribasso la pena nei confronti del senatore Cuffaro.

"BATTAGLIA FINO ALLA FINE" - "Siamo parzialmente soddisfatti della requisitoria del Pg della Cassazione Galati", così l'avvocato Nino Mormino, che difende in Cassazione l'ex governatore della Sicilia. "Noi daremo battaglia fino alla fine con tutti i nostri motivi di ricorso, non solo su quelli relativi all'aggravante mafiosa: ma il giudizio del Pg, che ha ritenuti inesistente il favoreggiamento a Cosa Nostra, è già un bel risultato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • XIIIFelix

    21 Gennaio 2011 - 15:03

    questo e' il massimo si vede che le toghe rosse adesso amano udc visto che sta per nascere la grande coalizione nazionalsocialista fino a ieri cufaro era l'amico di Berlusconi tanto da farlo passare come un esponente del partito di Berlusconi mentre come mele veniva eletto nell'udc curiosa sta cosa comunque se questi signori pensano di rifilarci sto nazionalsocialismo becero vecchio di fascimo e comunismo be allora signori sara battaglia a 360 gradi della serie muore Sansone con tutti i filistei capito signori di bologna

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    21 Gennaio 2011 - 14:02

    chi sta tirando i fili del pupo siciliano e lo blocca senza farlo ballare?? Prima l'accusa ha speso e fatto spendere (pardon) migliaia di euro per costruire le prove d'accusa e ora , dopo aver ricevuto i cannoli, si tira indietro?? Di sicuro le spese sono andate a carico dell'accusatore, poverello!!!!

    Report

    Rispondi

blog