Cerca

Della Valle, 25 milioni per il Colosseo. Bondi: "Accordo storico"

Il patron Tod's finanzia un piano per il restauro. Letta: "E' un moderno mecenate". Alemanno: "Fine di un incubo"

Della Valle, 25 milioni per il Colosseo. Bondi: "Accordo storico"
Sarà Diego Della Valle a finanziare il restauro del Colosseo. L'accordo è stato siglato venerdì mattina ed è stato presentato nel pomeriggio dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, dai sottosegretari Gianni Letta e Francesco Giro e dal patron della Tod's. Assente il ministro della Cultura Sandro Bondi, che non nascondendo la vis polemica ha spiegato: "Su di me pende una mozione di sfiducia individuale che non ha precedenti nella storia del Parlamento italiano". Questo il motivo dell'assenza, anche "per rispetto alle istituzioni e ai cittadini", ha sottolineato.

BONDI, "ACCORDO STORICO "
- Bondi non ha comunque fatto mancare un suo commento all'iniziativa, arrivato tramite un messaggio e letto dal sottosegretario Giro alla conferenza di presentazione. "Si tratta di un accordo storico che sarà decisivo per il restauro integrale del monumento". Così il ministro della Cultura, che conclude: "Ringrazio Diego Della Valle che conferma così l'importanza del ruolo dei privati".

PIANO DA 25 MILIONI - Della valle e la Tod's si sono impegnati a finanziare un piano di interventi mettendo a disposizione 25 milioni di euro. Il pagamento sarà erogato alle imprese appaltatrici sulla base dello stato di avanzamento dei lavori approvati alla Sopraintendenza. Lo sposnsor si impegna a finanziare la realizzazione del piano degli interventi, la cui liquidità sarà assicurata attraverso una o più fideiussioni. Il contributo verrà versato a rate, di entità che sarà stabilita con il procedere dei lavori, e direttamente alle imprese appaltatrici.

ALEMANNO, "UN GRANDE REGALO" -
"Per me è la fine di un incubo. Oggi Della Valle fa un grande regalo all’Italia. Vorrei esprimere una gratitudine importante perchè 25 milioni spesi in un periodo di crisi economica sono un fatto eccezionale ed un segnale". Così il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha commentato l’intesa tra il Mibac e la Tod’s.  "In passato, quando passavo qua davanti", ha spiegato il primo cittadino della Capitale, "e vedevo i tubi Innocenti al posto delle cancellate e lo stato dell’immagine del Colosseo mi sono sempre chiesto cosa pensavano i turisti. Allora ho lanciato l'idea del restauro ed ho pensato che il modo per fare il restauro fisse una sponsorizzazione".

LETTA, "UN MECENATE MODERNO" -
Per il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, Della Valle "non è uno sposnor, ma un mecenate moderno. Questo è un ottimo esempio di collaborazione tra pubblico e privato. Il Colosseo appartiene all'umanità. Oggi", ha concluso Letta, "il primo esempio della collaborazione è solennizzato nella maestà del Colosseo e vede come protagonista uno dei primi imprenditori italiani". Della Valle, da par suo, si schernisce: "Io un mecenate? Sono parole grosse...Mi fa piacere che il Colosseo", ha chiosato il patron di Tod's, "al più presto riavrà lo splendore che si merita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    09 Febbraio 2011 - 19:07

    ...soldi buttati!!!! Con tutti questi milioni di euro D.D Valle su Roma può costruire un'altro anfiteatro sul modello del colosseo..................................................

    Report

    Rispondi

  • alg115577

    24 Gennaio 2011 - 19:07

    Grazie Diego Della Valle per la donazione fatta per il restauro del colosseo. Naturalmente c'e' chi anche di fronte a tanta generosita' trova il modo di criticare,disapprovare e consigliare altri tipi di donazione.Ma chi da del suo sara' almeno libero di elargire a chi gli pare e piace? Qualcuno ipotizza che magari ci ha guadagnato.Strano Paese e' l'Italia.Ci sono tanti imprenditori che nonostante la crisi continuano a guadagnare: perche' non seguono l'esempio di detto imprenditore anche loro? Come italiano, nel mio piccolo esprimo tanta riconoscenza.

    Report

    Rispondi

  • Mak

    23 Gennaio 2011 - 11:11

    ...il Signor Della Valle non è un ingenuo quindi ha fatto i suoi calcoli tra detrazioni e comunicazione, ma intanto i callosi lo ha fatti e vi garantisco che si è preso un bel rischio, quindi bravo, questa è cosa normale in altri paesi, adesso consiglio il Signor Alemanno di attuare lo stesso sietam per il verde pubblico e e il decoro urbano che sappiamo essere un dramma a Roma

    Report

    Rispondi

  • globettrotter.com

    23 Gennaio 2011 - 05:05

    Un grande imprenditore e un grande italiano. Grazie

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog