Cerca

Violentava le nipoti, Arrestato nonno ad Avellino

L'uomo finito in manette abusava delle due ragazzine di 11 e 16 anni

Violentava le nipoti, Arrestato nonno ad Avellino
Due minori, una di 11 e l'altra di 16 anni, sono state violentate dal nonno paterno. E’ successo nell’avellinese e lo stupratore è stato arrestato dai Carabinieri del Comando provinciale di Avellino. Era la più piccola delle due ragazze, in particolare a subire le violenze dal nonno, mentre la sedicenne sola in una circostanza sarebbe rimasta vittima dell’uomo. Le due minori hanno subito senza mai dire nulla ai loro genitori ma la situazione è cambiata quando la madre e il padre della più giovane delle ragazze si sono accorti che la loro figlia si trovava molto spesso in uno stato d’ansia ed era afflitta da crisi di panico.

IN CARCERE - La ragazzina alla fine ha ceduto e ha raccontato che il nonno da molto tempo la costringeva a subire violenze sessuali. I genitori sono  subito andati in caserma ad Ariano Irpino a denunciare l’accaduto. I militari del Comando provinciale hanno avviato le indagini e hanno scoperto che quasi ogni giorno la piccola era costretta a subire le violenze. Anche la sedicenne alla fine ha raccontato ai militari che il nonno in una circostanza l’aveva sottoposta a violenza. All’alba di oggi i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice dell’indagini preliminari su richiesta della locale Procura con l’accusa di violenza sessuale continuata nei confronti di minorenni. Il nonno è stato arrestato e portato nel carcere di Ariano Irpino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • occhio

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    Questo nonno avra' imparato dal nostro presidente del consiglio ad andare con le minorenni

    Report

    Rispondi

  • stellalpina

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    Forse pensava di essere berlusconi

    Report

    Rispondi

  • tonipier

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    La pletorica e contradditoria proliferazione normativa deliberata dal potere esecutivo e dal potere legislativo ha assecondato la crescita della delinquenza a tutti i livelli pittosto che circoscriverla. Nella odierna Italia pseudo- democratica non soltanto l'eccesso di permissivismo, di garantismo, ma anche le comodità carcerarie, l'inerzia benefica, assicurare ai reclusi rappresentano il correlato negativo dei fini di emenda, di correzione, di riabilitazione morale, di rieducazione sociale che dovrebbero ispirare e caratterizzare l'applicazione della sanzioni penali, in modo particolare la detenzione.

    Report

    Rispondi

  • robertooo

    29 Gennaio 2011 - 10:10

    come si fa ! a violentare le nipoti , la vera giustizia non sara´ quei porci magistrati di sinistra; ma la fara´ i detenuti. io gli auguro al nonno di essere appeso in una cella e lo aprono in due come un maiale, il maiale.

    Report

    Rispondi

blog