Cerca

Vallanzasca: "Datemi la semilibertà"

Il "bel Renè" chiede al tribunale di sorveglianza di Milano il beneficio per il reinserimento sociale

Vallanzasca: "Datemi la semilibertà"
Renato Vallanzasca ha chiesto la semilibertà. Il "bel Renè", protagonista della mala milanese negli anni Settanta, condannato a quattro ergastoli e a un totale di 260 anni di carcere, si è rivolto al tribunale di sorveglianza di Milano con un'istanza, chiedendo il beneficio della semilibertà. Se la ottenesse potrebbe partecipare ad attività lavorative utili o di reinserimento sociale fuori dal carcere. L'udienza sull'istanza di Vallanzasca si è tenuta giovedì ed è stata rinviata ad altra data per la mancanza di alcuni documenti.

Le "gesta" di Renato Vallanzasca vengono raccontate in un discusso film, diretto da Michele Placido (con Vallanzasca, nella foto), che è nelle sale proprio in queste settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Pluto-X

    04 Febbraio 2011 - 19:07

    ...se invece di essere un banale rapinatore, avesse dichiarato di essere un combattente per il comunismo e che le rapine servivano solo per finanziare la causa, a quest'ora se la godeva e magari le davano pure la pensione (vedi Toni Negri), altro che semilibertà!

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    04 Febbraio 2011 - 18:06

    Al limite cosa facevano. Perché da circa 100 anni la forca (purtroppo) è stata smantellata. La corda (all'occorrenza) si tendeva il 2° ed il 4° mercoledì del mese. A parte l'evasione fiscale, che era severamente sanzionata, tutti gli altri erano reati che nel bel tempo che fu non si conoscevano. Per quanto riguarda la violenza carnale normalmente il reo veniva trovato già giustiziato all'arrivo dei gendarmi. Ma erano altri tempi. Infine: la vedo molto calda sugli argomenti-barzelletta che i rovina-italia stanno utilizzando in questo periodo. Non ci faccia molto affidamento. Come sempre sarà una bolla di sapone ed i 4 bolsceviko-magistrati di Milano rimarranno con il solito paio di mosche in mano. Si informi. D'Alema sta già pensando alle prossime mosse per screditate Berlusconi. Oramai questa sceneggiata è fallita.

    Report

    Rispondi

  • migpao

    04 Febbraio 2011 - 17:05

    propongo di "reinserirlo" nella società esportandogli tutti gli organi sani idonei ad essere reimpiantati su persone bisognose. vale anche per molti altri carcerati di pari "livello".

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    04 Febbraio 2011 - 17:05

    non so e non mi interessa cosa abbia fatto Vallanzasca, ma so che chiede gli vengano applicate le leggi vigenti che ci sono dopo otto anni di governo di Silvio e Umberto B. Ma mi dica, cosa gli fanno in quella piazza a quelli che abusano di minorenni e le inducono alla prostituzione, corronpono giudici, falsano bilanci, nominano amici parenti e prostitute nelle istituzioni, evadono le tasse e sono complici di mafiosi ???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog