Cerca

Maroni: vietato pregare

fuori dai luoghi di culto

Maroni: vietato pregare
Dentro sì, fuori no. I musulmani potranno pregare solo all'interno dei luoghi di culto. Non su strade e marciapiedi. Lo ha stabilito il ministro Maroni, che ha preparato una direttiva apposita: «Verrà inviata a tutti i prefetti affinchè fatti come quelli avvenuti davanti al Duomo di Milano non abbiano a ripetersi». Il ministro dell'Interno lo ha detto rispondendo ad un'interrogazione al question time alla Camera in merito alla preghiera che centinaia di cittadini di religione islamica hanno tenuto davanti al Duomo nel corso della manifestazione pro Gaza. Il ministro ha poi ribadito che l'obiettivo è quello di «meglio regolare le manifestazioni, garantendo il diritto di manifestare e allo stesso tempo il diritto dei cittadini a fruire pacificamente degli spazi della propria città». E quanto agli incidenti che si sono verificati con alcuni esponenti dei centri sociali - «gruppi isolati vicini alle frange anarchico-insurrezionalisti che tentano ancora di strumentalizzare momenti di aggregazione per recuperare visibilità» - Maroni ha sottolineato che la «responsabilità d'intervenire spetta all'autorità giudiziaria». «Le forze dell'ordine - ha concluso - garantiscono il diritto di manifestare, sempre nel rispetto della legalità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • olga.antonelli

    07 Febbraio 2009 - 18:06

    GRAZIE MINISTRO MARONI PER QUANTO STA FACENDO. LEI E', SE NON L'UNICO, UNO DEI POCHI POLITICI CHE RISPETTA NOI, POVERI CITTADINI ITALIANI ORMAI OGGETTO DI RAZZISMO DA PARTE DI TUTTI COLORO CHE LE REALTA' CORROTTE STANNO RIVERSANDO SULLA NOSTRA TERRA. MERITA NON UNO, MA MILLE GRAZIE !!!!

    Report

    Rispondi

  • sebrisi

    22 Gennaio 2009 - 11:11

    Finalmente azioni che possano mettere il bavaglio alla canea.. con il sedere per aria. Forza, proseguiamo nell'interesse di tutti noi.

    Report

    Rispondi

  • giornali

    22 Gennaio 2009 - 11:11

    Bravo Maroni. Invece delle scuse dopo imparino a rispettarci prima.

    Report

    Rispondi

blog