Cerca

Ciccio e Tore, la mamma: "Riapriremo il caso"

Rosa Carlucci interviene a "Mattino 5": "Abbiamo le prove di chi ha spinto i miei figli nel pozzo"

Ciccio e Tore, la mamma: "Riapriremo il caso"
La loro storia aveva sconvolto tutto il Paese. Erano finiti in fondo a una cisterna e lì erano morti di fame. Ora il caso di Ciccio e Tore Pappalardi, i due fratellini di 13 e 11 anni di Gravina in Puglia scomparsi il 5 giugno 2006 e trovati morti venti mesi dopo, il 25 febbraio 2008, potrebbe riaprirsi. E' quanto ha affermato nella trasmissione Mattino Cinque la mamma dei due ragazzini, Rosa Carlucci: "Riapriremo il caso. Abbiamo gli indizi di colpevolezza di chi ha spinto i miei figli nel pozzo", ha affermato la donna.

"CADUTA ACCIDENTALE" - Ciccio e Tore furono ritrovati in fondo alla cisterna per l'acqua nella parte interrata di una casa padronale abbandonata. Nelle settimane successive al ritrovamento, le indagini portarono alla conclusione che i ragazzini erano caduti nel pozzo mentre stavano giocando all'interno della casa abbandonata. La caduta, secondo gli inquirenti, sarebbe stata dunque accidentale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog