Cerca

In cinque rapinano coppietta

Picchiano lui, violentano lei

In cinque rapinano coppietta
Li hanno sorpresi mentre si erano appartati, li hanno rapinati, quindi in cinque hanno violentato ripetutamente la ragazza. È accaduto a Guidonia Montecelio, in provincia di Roma. Mentre stupravano la fidanzata, i cinque hanno chiuso il ragazzo nel bagagliaio dell'auto, dopo averlo aggredito e picchiato.
 due giovani, lei 21, lui 24 anni, erano fermi in auto in una stradina un po' isolata di Guidonia. Non è ancora chiaro se gli aggressori siano arrivati e scappati a piedi o in auto. I carabinieri del gruppo di Frascati e della compagnia di Tivoli stanno effettuando controlli e perquisizioni in campi abusivi, baracche e appartamenti abitati da stranieri per individuare i responsabili. Dalle prime informazioni sembra che il branco fosse costituito da cittadini dell'Est.
Nella zona tra Tivoli e Guidonia sono circa 10 gli obiettivi sui quali si stanno concentrando i controlli dei 150 militari mobilitati. La zona controllata in questo momento è frequentata sostanzialmente da romeni e albanesi. La giovane coppia, intanto, sta per essere nuovamente ascoltata dagli investigatori dell'Arma e da personale specialistico in grado di fare "un ascolto assistito" che non costringa i due ad un nuovo trauma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    24 Gennaio 2009 - 15:03

    Toccante,questa ondata di sdegno che leggo sul blog,ma purtroppo,come l'esperienza insegna è solo fine a se stessa.Mi riferisco in particolare al post di number1 che si lamenta del degrado della zona in cui vive.Egli penso saprà che la polizia è spesso impotente,e se ferma qualcuno dei clandestini delle favelas avrà solo delle rogne e pressioni a lasciar perdere,vi ricordate la vicenda delle impronte?Quindi girano al largo,finchè non avviene il crimine,e allora tardivamente intervengono,essendo un obbligo di legge,ma solo a reato avvenuto.Ebbene,a questo punto è evidente che è il popolo che deve reagire per riappropriarsi della sua libertà e dei suoi diritti,lesi da questi delinquenti.Come? Ma Come hanno fatto a Napoli,rendendo la vita impossibile a questa gente,dedita al furto e alla delinquenza,bruciando le baracche se necessario,ricettacolo di sporcizia ed escrementi,naturalmente quando dentro non c'è nessuno,non vorrei essere accusato di apologia di reato,ma questo è l'unico modo per dare una sveglia a chi tentenna troppo.Naturalmente,per i buonisti benpensanti e perdonisti,io sono un razzista,xenofobo,fascista,e ancora...ista...ista...ista.Ma a loro non succede mai qualcosa di simile a questo?

    Report

    Rispondi

  • ninoscollo

    24 Gennaio 2009 - 11:11

    Popolo cosa vi siete messi in testa nell'onda della rabbia. Tanto quelli anche se presi e li prenderanno, cosa rischiano? Escono subito dalla prigione grazie ai benefici che noi popolo sovrano elargiamo. Tanto tutto questo non capita alla maggioranza degli italiani. La ultra minoranza...... Siamo fatti così e non nascondiamoci dietro un dito. Nino

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    23 Gennaio 2009 - 19:07

    le nostre periferie sono invase da predoni:rubano, stuprano, spacciano etc etc. Quando cominceremo a fare le "posse", come nel far west? Si, perchè ormai è chiaro che, dalle "autorità preposte" possiamo aspettarci solo chiacchere, anche perchè, se osassero prendere qualche provvedimento, subito interverrebbe il "commissario europeo per i diritti delle minoranze", magari bacchettandoci, perchè, in fin dei conti, se qualche sbandato extracomunitario stupra, poverino, anche lui è pure un uomo, ed ha le sue esigenze......

    Report

    Rispondi

  • lucvit69

    23 Gennaio 2009 - 19:07

    quando sento parlare di libertà e democrazia 'oggi' mi viene da VOMITARE!!! io sono una prs perbene e ho la coscienza a posto, non ho paura di nessun controllo e presenza delle forze dell'ordine!! più c'è ne sono e meglio é!! chi non le vuole sono sempre i soliti comunisti!! (che poi non esistono certo in italia) in questi casi ci vorrebbero delle squadre speciali che agiscano senza dire niente a nessuno!! la libertà dovrebbe essere un'altra cosa!! propongo anche di cambiare la scritta che si trova nelle aule dei tribunali in: ''la legge dovrebbe essere uguale per tutti'' almeno non siamo ipocriti!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog