Cerca

Roma, scritte contro i rom: "Meno quattro"

Frasi aberranti dopo il tragico rogo della scorsa settimana. La condanna delle istituzioni

Roma, scritte contro i rom: "Meno quattro"
Scritte orrende. Terribili, se si pensa che fanno riferimento a un gravissimo fatto di cronaca costato la vita a quattro bambini di pochi anni. Scritte come "Rom Raus" e "Rom -4" sono apparse, sabato mattina, su un muro di via della Pisana, a Roma, nel quartiere Bravetta. L'episodio, inquietante e vergognoso, è stato denunciato dal capogruppo del Partito democratico al XVI Municipio, Raffaele Scamardì. All'altezza del civico 64, sulle colonne della scalinata che porta a Vicolo del Fontanile Arenato, ignoti hanno usato uno spray nero per segnare sul muro queste scritte. "Non è il primo episodio del genere - spiega Scamardì - Già l'anno scorso vicino alle poste di via di Bravetta un’altra scritta antisemita prendeva come bersaglio Anna Frank. E’ una vergogna che va subito cancellata, e se non interviene immediatamente il decoro urbano, come la scorsa volta, lo faremo noi di nostro pugno insieme ai cittadini del quartiere. E’ ora di finirla di sottovalutare tali episodi. Sono gravi e le autorità devono riuscire a trovare i responsabili soprattutto in un momento delicato come questo", ha concluso l'esponente del Pd.

LE REAZIONI - Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha condannato l'episodio. "E' veramente aberrante che nella nostra città possano esistere delle persone, magari anche pochissime come penso, che possano scrivere cose così orrende - ha affermato il primo cittadino - E’ una cosa indegna e ovviamente abbiamo mandato subito una squadra di decoro urbano per cancellare queste scritte. Speriamo che gli inquirenti individuino anche chi compie queste azioni che sconcertano e indignano".

Le scritte razziste "sono senza anima e quel simbolo di triste memoria, responsabile di tante tragedie nel passato, non appartiene certamente alla cultura di Roma", ha dichiarato il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, secondo cui "non sarà il gesto isolato di pochi imbecilli a offuscare la memoria di quattro bambini innocenti".

Condanna senza appello anche dal Presidente della Regione Lazio Renata Polverini: "E' un gesto vergognoso che merita solo indignazione e la più ferma condanna e mi auguro vengano rimosse. Alla comunità rom e alla famiglia dei quattro bimbi deceduti nel rogo di domenica va tutta la mia solidarietà - ha detto la Polverini - Sono gesti inqualificabili - ha aggiunto - fatti da sconsiderati, insensibili persino di fronte alla morte di quattro bambini, razzisti e violenti che tutti abbiamo il dovere di isolare senza abbassare la guardia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucadagenova

    11 Novembre 2014 - 17:05

    e 10..100...1000 Nassiria ..non erano scritte aberranti??

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    04 Ottobre 2014 - 15:03

    Anche sui muri di Genova apparvero scritte di tal genere rivolte a 6 militari dell'arma fatti oggetto di un attentato in afganisthan..Nessuno fece alcuna denuncia.Per questi 4 straccioni si sta muovendo il mondo. Lerci.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    14 Febbraio 2011 - 12:12

    La prego di non confondere la Carità (che implica la Verità) col buonismo della sinistra! In una società veramente caritatevole tutte le persone sono uguali (in quanto figli di Dio), non solo nei diritti, ma anche nei doveri! La sinistra ci vorrebbe imporre il multiculturalismo e relativismo. Ritiene che il Santo Padre sia della stessa opinione? Naturalmente no! Vero?

    Report

    Rispondi

  • ubik

    14 Febbraio 2011 - 12:12

    prendetevela con alemanno che invece di mandarli via gli costruisce le case.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog