Cerca

Roma violenta: stupro, scontri ultras e spari

Capitale sotto assiedo tra l'assalto dei tifosi giallorossi a Trigoria, una resa dei conti in discoteca e violenza sessuale

Roma violenta: stupro, scontri ultras e spari
Non c'è pace per Roma. La capitale è stata oggetto fra ieri sera e stamattina di alcuni episodi di violenza: in particolare una sparatori a Ciampino, uno stupro a Trinità dei Monti e alcune violenze tra tifosi a Trigoria.

SCONTRI TRA ULTRAS - Lo scontro tra ultras e forze dell'ordine è avvenuto nei pressi dell'ingresso del centro sportivo di Trigoria. Lo riferisce l'emittente televisiva Sky Sport, secondo cui c'è stato anche un lancio di bombe carta tra supporters. Circa 200 giallorossi si sono radunati fin dal mattino nel piazzale di fronte l'ingresso del centro sportivo e poi èm cominciato il lancio di petardi e fumogeni. Quattro tifosi sono stati fermati e un agente è stato ferito in maniera lieve. L'allenatore della Roma, Claudio Ranieri, ha dichiarato che nonostante le contestazioni non abbandonerà "la nave, perché le sfide mi piacciono e lo spogliatoio è forte e determinato"

STUPRO IN PIENO CENTRO - Ieri notte la Capitale ha anche fatto da sfondo a un tragico caso di stupro. Una ragazza spagnola di 23 anni è stata aggredita e violentata intorno alle 2 della scorsa notte in via San Sebastianello a Trinità dei Monti, in pienissimo centro. A quanto si apprende la giovane sarebbe stata aggredita da due ragazzi uno dei quali ha abusato di lei. Sulla vicenda sta indagando la polizia.

SPARATORIA IN DISCOTECA - Come se non bastasse, ieri sera alle 23.30 circa c'è stata pure una sparatoria, in via Forgarella, tre uomini albanesi sono entrati al 'Vox Maris' e hanno esploso tre colpi contro un loro connazionale di 25 anni e si sono poi dati alla fuga. La vittima è stata colpita da un solo colpo al gluteo destro ed è ora ricoverata al Policlinico Casilino di Roma. Non è in pericolo di vita. Durante la sparatoria sono rimasti lievemente feriti anche un trentenne romeno e un trentanovenne romano, medicati sul posto. Il locale, generalmente frequentato soprattutto da stranieri, è stato posto sotto sequestro dopo l'episodio. Sono in corso indagini della tenenza dei carabinieri di Ciampino e della compagnia di Castelgandolfo per rintracciare gli autori della sparatoria. Ancora sconosciuti i motivi del gesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobirons

    07 Marzo 2011 - 18:06

    Con buona pace di quelle persone che, ad un'ipotesi simile, avevano reagito corporativamente tacciando lo scrittore di razzismo anti femminile. Ma ci voleva poi così tanto a ragionare con un minimo di buon senso ? Perfino uno sciocco,ma con gli occhi aperti, doveva sospettare che la ragazza raccontava balle. Con questo, in casi di vero stupro, ai colpevoli, se e quando li prendono, una bella castrazione chimica sarebbe già un'indulgenza. Alla ragazza, una bella serie di calci nel fondo schiena, magari fino a Teruel.

    Report

    Rispondi

  • just69

    24 Febbraio 2011 - 17:05

    ma dove vive? Ha forse dimenticato l'immobilismo delle giunte Rutelli (nonostante i miliardi del giubileo) e Veltroni (capace solo di inventarsi la notte bianca)? Non metto in dubbio che nel Suo municipio non si sia fatto alcunchè, ma in quello dove abito io ed in quelli che frequento per motivi lavorativi, personali, familiari et cetera le cose vanno decisamente meglio cento volte meglio che nei precedenti quarant'anni. Ogni qualvolta chiamo i vari servizi (AMA, Polizia municipale, Municipio, Atac et cetera) anche attraverso il call center 060606 od il sito www.comune.roma.it riscontro cortesia, disponibilità, efficienza, professionalità e tempestività d'intervento molto più che in passato. Avendo un'età non più giovanissima ricordo che scandaletti od episodi più o meno violenti nella nostra città e nel circondario (spesso si parla di Roma riguardo ad episodi avvenuti nei paesi limitrofi della provincia) sian sempre frequentemente avvenuti, ma raramente ne parlavano giornali e tv...

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    21 Febbraio 2011 - 16:04

    diventa sempre più marcia ? Niente perchè la colpa è un poco di noi tutti.

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    21 Febbraio 2011 - 13:01

    Prima cosa diamoci del lei, che le confidenze le riservo agli amici conosciuti e stimati. Capitasse a mia figlia, da persona equilibrata e non in preda ad isterismi di qualsiasi genere, la rimprovererei per essersi messa in pericolo scioccamente e poi, avesse raccontato una balla, le darei anche due scapaccioni, anche se è ormai vicina alla quarantina. Dopodichè, da padre amoroso, la prenderei fra le braccia e cercherei di farle capire quello che, evidentmente, arrivati a quel punto non ho saputo comunicare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog