Cerca

Uccise rapinatore, chiesti 9 anni di reclusione

Richiesta durissima dal pg di Milano contro il tabaccaio Giovanni Petrali. Castelli (Lega): "Accanimento"

48
Uccise rapinatore, chiesti 9 anni di reclusione
"Si è trattato di omicidio volontario e tentato omicidio". Con questa ricostruzione il procuratore generale Pietro De Petris di Milano ha chiesto una condanna a nove anni e mezzo di reclusione per Giovanni Petrali (nella foto), il tabaccaio che il 17 maggio 2003 uccise e ferì due rapinatori che tentavano un colpo nella sua attività. L'uomo colpì a morte il 20enne Alfredo Merlino e ferì Andrea Solaro, oggi di 24 anni. Secondo il pg, Petrali commise un omicidio volontario e un tentato omicidio, nonostante il tabaccaio fosse stato condannato, in primo grado, a un anno e otto mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena per omicidio colposo, lesioni colpose e porto illegale di armi (imputazione, quest'ultima, dichiarata prescritta).

CASTELLI, LEGA: "ACCANIMENTO" - Roberto Castelli, esponente della Lega Nord, dopo le richieste del pg ha commentato: "Perchè la magistratura italiana tende a lasciare liberi i criminali e si accanisce contro i cittadini aggrediti? Eppure l’articolo 101 della Costituzione recita 'La giustizia italiana è amministrata in nome del popolo'. Il popolo la pensa così? Io dico di no". Al di fuori del Tribunale una decina di persone ha dato vita a un presidio organizzato dal Carroccio: manifestavano la propria solidarietà a Petrali.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramsete75

    27 Febbraio 2011 - 00:12

    un marito premuroso in meno...chi lo sa chi ti trovi davanti????!!!se t trovi certa gente..nn c e amore che tenga a meno che nn 6 rambo...l uniko riskio e finire ammazzato la moglie stuprata sotto i tuoi occhi e magari pure la figlia...lo dico con umilta..certo,in certe situazioni nn si ha un manuale che insegna come comportarsi...ma se la vita dei propi cari e la nostra nn e in pericolo...meglio barricarsi in una stanza assieme ai e chiamare il 112...e se ve lo dice uno ke e stato nei paracadutisti (livorno 10/95 )quasi arruolato nella legione straniera...20 anni d palestra e arti marziali..ma dovete fare voi i rambo....e dopo si sente d tragedie... si reagisce solo se la vita vostra dei vostri cari e in pericolo..se vi trovate in casa gente dell ex jugoslavia ex militari...e ce ne sono in italia...tipo quelli d milosevic...ecco...pregate che vogliano solo i soldi...rambo e nei film,nella vita reale,si muore veramente

    Report

    Rispondi

  • rosvittorio

    26 Febbraio 2011 - 10:10

    L'altra sera stavamo cenando mia moglie ed io.Rumori in casa.vado a controllare e,nella camera sul retro trovo 2 ladri che ,dopo aver forzato la finestra,stavano rovistando.Spavento indicibile per mia moglie e crisi isterica per mia figlia,incinta di 8 mesi.Sono riusciti a fuggire perché io,inseguendoli sono caduto.Ho lavorato tutta la vita e sto ancora lavorando per dare benessere alla mia famiglia e serenità.Dei beni materiali mi importa poco ma relativamente alla tranquillità dei miei divento spietato nel senso che per difendere i miei andrei anche contro il treno.Delle leggi scritte da qualche legislatore pazzo o ubriaco e della folle interpretazione che i nostri sciagurati giudici adottano per le stesse,non mi importa niente e nemmeno delle conseguenze dannose sempre per la vittima che ne derivano.Se non fossi caduto giuro che al mondo ci sarebbero state 2 bestie in meno.

    Report

    Rispondi

  • Florian

    25 Febbraio 2011 - 19:07

    Sei un Komunista Ke non capisce un KaKKio...ah, ah, ah!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media