Cerca

"Niente gita per il ragazzo down". I compagni di scuola rinunciano

Vicenda incresciosa in un istituto di Catanzaro: "Ma c'è un segnale di cambiamento per una generazione spesso criticata"

"Niente gita per il ragazzo down". I compagni di scuola rinunciano
La dirigenza della scuola si è impuntata: "No, il ragazzo down non può andare in gita. Anzi, i professori non devono metterlo al corrente delle date delle uscite didattiche". I compagni di classe del ragazzino, per tutta risposta, hanno rinunciato alla gita, dando un segnale di solidarietà fortissimo. E' accaduto in un istituto di Catanzaro. A rendere nota la vicenda è Ida Mendicino, responsabile del coordinamento per l'integrazione scolastica e Consulente legale nazionale dell'Associazione Sclerosi Tuberosa. La donna ha spiegato che i genitori del ragazzo, affetto da sindrome di down e iscritto al terzo anno della scuola media, "hanno dovuto ricorrere all’autorità di Polizia per far rispettare il diritto allo studio del proprio figlio, in linea con la normativa di riferimento, in particolare con le note Ministeriali le quali espressamente asseriscono che 'le gite rappresentano un’opportunità fondamentale per la promozione dello sviluppo relazionale e formativo di ciascun alunno e per l'attuazione del processo di integrazione scolastica dello studente diversamente abile, nel pieno esercizio del diritto allo studio'".

DECLINATO L'INVITO CHOC - Nonostante le regole ministeriali, però, la dirigente scolastica ha insistito chiedendo ai compagni di classe del ragazzino di "non portare a conoscenza del ragazzo le date delle future gite ed uscite in programmazione, motivando tale richiesta con la scarsa capacità dello stesso ad apprendere a causa della sua infermità genetica". Gli amichetti del ragazzo hanno "declinato l'invito", affermando che avrebbero preferito rinunciare tutti alle gite piuttosto che veder discriminato il proprio compagno di classe.

"VERA SPERANZA DI MATURAZIONE" - E' una storia che viene raccontata "volentieri" dalla Mendicino "in quanto segnale importante di cambiamento in una generazione spesso tacciata di eccesso di individualismo e di scarso senso di solidarietà - aggiunge la donna - Un plauso ai ragazzi dell’istituto comprensivo di Catanzaro che si sono dimostrati vera speranza di maturazione del tessuto sociale rispetto agli esempi che spesso provengono dal mondo dei 'grandi'".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Acquastanca

    24 Febbraio 2011 - 20:08

    Bravi i ragazzi, imbecilli professori e preside.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    24 Febbraio 2011 - 18:06

    la motivazione del dirigente scolastico, fosse quella, sarebbe da denuncia o da segnalazione al ministero competente; detto questo, vedo che lei ha centrato il problema. Si sarebbe dovuta trovare una madre "caritatevole" o solamente disponibile che potesse accompagnare il ragazzo in questa avventura. La cosa migliora sarebbe stata la presenza dei o di un genitore del ragazzo ma posso anche capire che, e qui non voglio fare classismo regionale ma solo dare una motivazione ulteriore, probabilmente non fossero in condizioni di permettersi il viaggio anche loro; vuoi per lavoro, o economico. Purtroppo questi ragazzi se da un lato sviluppano un forte senso di protezione in chi gli sta accanto li rende oltremodo difficili come persone, come "gestione" intendo. Cordiali saluti

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    24 Febbraio 2011 - 18:06

    E' vero. Fare partecipare un ragazzino down, in questo caso, o altri con notevoli carenze fisiche, presenta delle difficoltà,ma non insormontabili. Sarebbe sufficente avere la collaborazione di qualche madre sensibile ai problemi, come avviene in qualche scuola. Probabilmente , nell' istituto in questione, ciò non é avvenuto. Quello che trovo grave é ciò che ha dichiarato il preside( sempre che ciò sia vero) ..." con scarsa capacità dello stesso ad apprendere A CAUSA DELLA SUA INFERMITA' GENETICA." Veramente la sensibilità l' ha messa sotto i piedi!

    Report

    Rispondi

  • cgluschi

    24 Febbraio 2011 - 14:02

    Altro consiglio, se Le può far comodo: "bisnonna!" è una signora in "gambissima", anche se non si troverà d'accordo con lei, segua le sue indicazioni, sono sempre interessanti e soprattutto a fin di bene! Cordiali Saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog