Cerca

Stupri a Roma, 20enne denuncia violenza

Donna aggredita da tre uomini nell'ex ambasciata somala. Terzo caso in pochi giorni nella Capitale

Stupri a Roma, 20enne denuncia violenza
Una 20enne italiana di origini croate ha denunciato ieri in tarda serata di essere stata violentata a Roma, all'interno dell'ex ambasciata somala, in via dei Villini, al Nomentano, da tre stranieri. Forse ubriaca, sarebbe entrata nello stabile in compagnia di un uomo con il quale avrebbe trascorso la serata, prima di subire la violenza. La giovane è stata trovata a Porta Pia seminuda: è stata soccorsa all'ospedale Umberto I.

L'AMBASCIATA ABBANDONATA - Abbandonata da quasi venti anni, nell'ex ambasciata somala di via dei Villini vivono circa duecento somali, profughi della guerra civile. L'edificio, fatiscente seppur in uno dei quartieri più esclusivi della capitale, è stato abbandonato dai diplomatici somali nel 2004, quando è caduto il governo di Mogadiscio. Da allora la struttura è occupata dai rifugiati, che non sono mai meno di duecento. Possiedono documenti italiani, registrati a Lampedusa o in Calabria, dove sono sbarcati, ma finora le autorità italiane non sono intervenute.

TERZO CASO - Con la violenza denunciata dalla 20enne ieri sera a Roma, salgono a tre gli stupri avvenuti  nelle ultime due settimane nella Capitale. Il 15 febbraio una turista americana di 27 anni, originaria della California, in vacanza a Roma, viene violentata all'interno di una cabina elettrica a Villa Borghese. L'aggressore, rintracciato dalla polizia il giorno successivo, è un 29enne romeno in Italia senza fissa dimora. E' stata la stessa vittima ad accompagnare i poliziotti sul luogo e a identificare lo stupratore.
Il 19 febbraio una ragazza spagnola di 23 anni denuncia di aver  subito una violenza sessuale la notte tra il 18 e il 19 febbraio in via San Sebastianello, nei pressi Trinità dei Monti, nel pieno centro  di Roma. La giovane racconta alla polizia di essere stata aggredita e   trascinata da due uomini tra due automobili in sosta e di essere stata  stuprata da uno di loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piertrim

    17 Aprile 2011 - 09:09

    Non clandestini, ma poveri rifugiati. A spese degli italiani con le mani in tasca (vedi foto).

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    28 Febbraio 2011 - 19:07

    I casi di stupro si susseguono senza sosta senza che nessuno prenda delle misure davvero efficaci. Chi di voi avrebbe il coraggio di girare da solo alla stazione termini al calare del sole? Io che la conosco come zona no, drogati, barboni, sbandati e altri piccoli delinquenti affollano la zona rendendola fra le più pericolose di Roma , dovrebbe essere il biglietto da visita di una delle capitali più amate nel mondo e invece è mantenuta nel più assoluto degrado. Cambiano i colori delle giunte ma i problemi rimangono sempre gli stessi da anni.Da anni i cittadini chiedono di bonificare le aree di degrado come l' ex ambasciata somala, da anni si denuncia la scarsa sicurezza delle donne oggetto di violenza anche in zone una volta considerate sicure. Cosa aspetta la politica a prendere provvedimenti risolutivi per questi problemi?

    Report

    Rispondi

  • lapolide

    28 Febbraio 2011 - 09:09

    E se invece di blaterare sempre a vanvera sulle colpe del Sindaco di Roma e sulla mancata sicurezza dell'Urbe , si chiedesse a quelle "femminucce vogliose", nostrane e straniere, che non conoscono cosa sia il pudore, di tenere le loro gambe ben più chiuse, senza "darla via " con tanta facilità e senza tanto ubriacarsi o drogarsi di sera in discoteca, per poi accoppiarsi con il primo che incontrano, rispettando almeno l'etica comportamentale, la dignità di essere donne ?; non sarebbe questo un principio di ritorno alla civiltà ? Perchè non cancelliamo la parola "Verginità" dai vocabolari ? Ponderate le vostre parole, prima di tradurle in futili pensieri scritti, soloncini da usa e getta. ......altro che chiedere poi la pietà postuma ! Ma...avranno, quelle femmine, una qualche famiglia ? lapolide

    Report

    Rispondi

  • raucher

    27 Febbraio 2011 - 19:07

    Capisco bene quanto dice, la ragazza sarà anche , come lei afferma "una cretina che se la è cercata" , ma le sembra logico che nelle nostre città scorrazzino branchi di questo genere? Che saltano addosso alla prima che capita? Potrebbe anche essere una persona per bene che esce tardi dal turno di lavoro e non " una cretina". E ' già successo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog