Cerca

Yara, autopsia complicata. Padre: "Il killer è tra noi"

Tempi lunghi per i risultati. Straziata da coltellate, si è difesa. Polemiche: "Ricerche blande". Parla l'uomo che ha trovato il corpo / FARINA

Yara, autopsia complicata. Padre: "Il killer è tra noi"
Nota: leggi il commento di Renato Farina: "Abbiamo voluto bene a quella bimba indifesa".

La piccola Yara, scomparsa il 26 novembre 2010 e il cui cadavere è stato ritrovato lo scorso sabato, si sarebbe difesa prima di essere uccisa a coltellate. Questi sono i primi dettagli che sono emersi dall'analisi del cadavere, mentre i risultati dell'autopsia tardano ad arrivare. Attesi per oggi pomeriggio, potrebbero essere resi noti nella tarda serata. Insieme ai resti della piccola, sono stati rinvenuti il suo portachiavi, la batteria del telefonino cellulare e l'iPod.

AGGRESSIONE - Secondo quanto ipotizzato dagli investigatori, Yara sarebbe morta per aver cercato di difendersi da un'aggressione, probabilmente di natura sessuale. L'efferato omicidio potrebbe essere avvenuto pochi istanti dopo la scomparsa della piccola, il cui cadavere ancora stringeva in mano un ciuffo d'erba.

PAPA': "ASSASSINO FRA DI NOI"
- Il padre di Yara, quando il questore di Bergamo gli ha riferito la notizia della morte della figlia, pare che abbia detto: "L'assassino è fra di noi". La frase non è stata confermata, ma filtra da ambienti investigativi. Gli inquirenti, comunque, sono convinti della stessa cosa: le indagini, dal momento del ritrovamento del corpo, puntano su qualcuno che appartiene alla comunità locale. Solo una persona del posto poteva sapere che in fondo alla strada senza sbocchi che porta all'area industriale di Chignolo d'Isola si trova un campo ideale per occultare un cadavere.

IL CELLULARE - Gli inquirenti cercano di spiegare anche il mistero del cellulare di Yara, che aveva agganciato la cellula di Mapello, il paese accanto a Brembate e fuori strada rispetto al solito percorso della piccola Gambirasio. Alle 19 del 26 novembre, la madre di Yara, Maura Gambirasio, chiamò sua figlia sul telefonino, ma l'apparecchio era già spento. Plausibilmente, l'aggressione era avvenuta a pochi passi dalla palestra, e l'omicida si è preoccupato di rendere irrintracciabile il cellulare di Yara dividendolo in pezzi (il "corpo" del telefonino non è ancora stato rinvenuto). Secondo le forze dell'ordine, il particolare è ancor più drammatico poiché testimonia come l'aggressione sarebbe stata programmata.

"RICERCHE POCO APPROFONDITE"
- Dopo il ritrovamento del cadavere di Yara, si era ipotizzato che il corpo fosse stato trasportato nel campo soltanto poche ora prima che venisse rinvenuto. Gli investigatori hanno però radicalmente cambiato opinione in merito. Con tutta probabilità, il corpo di Yara si trovava nel campo dal momento dell'omicidio. Rimangono però le numerose testimonianze, secondo le quali il campo di via Bedeschi era stato perlustrato dai volontari in ricerca di Yara più e più volte. Pare insomma incredibile che non fosse stato ritrovato. Sono esplose le polemiche perché, stando ad alcune indiscrezioni emerse nelle ultime ore, diverse fonti giudicano "poco approfondite" le ricerche compiute nella zona in cui è stato scoperto il cadavere.

AUTOPSIA - Lunedì 28 febbraio si terrà l'autopsia sui resti del corpo di Yara, dalla quale si spera che possano emergere tracce di dna dell'assassino. Inoltre, dall'autopsia si spera di capire se la piccola Gambirasio, prima di morire, avesse subito anche violenze di natura sessuale. L'autopsia avverrà all'istituto di medicina legale di piazzale Gorini a Milano, dove il corpo è arrivato sabato sera. Le operazioni cominceranno alle 14: si spera anche di risalire alla data del decesso. Dell'équipe medica farà parte anche la dottoressa Cristina Cattaneo, considerata tra i puù esperti antropologhi forensi.

PARLA L'UOMO CHE HA TROVATO IL CORPO
- "Pensavo di trascorrere un pomeriggio di distensione, invece la notte non ho dormito. Sono molto scosso, sto male". A parlare è Ilario Scotti, impiegato 48enne di Bonate Sotto, l'uomo che sabato pomeriggio verso le 15.30 ha trovato il corpo di Yara Gambirasio a Chignolo d'Isola. "E' stato solo un caso - ripete nell'intervista pubblicata oggi da L'Eco di Bergamo - un caso fortuito. Di solito faccio atterrare l'aeroplanino ai miei piedi, sull'asfalto, non nel prato. Ma l'aereo ha compiuto una traiettoria anomala, non volava bene così l'ho fatto scendere nel campo, per evitare che cadesse e si rompesse". Quel modellino è così finito a terra, a un metro di distanza dal corpo di Yara. "Mi sono addentrato nel campo per recuperarlo - spiega - e quando l'ho trovato, a circa un metro ho notato qualcosa tra le sterpaglie. La prima impressione è di aver visto un mucchio di stracci buttati lì da qualcuno. Ma appena mi sono reso conto che si trattava di una persona ho chiamato il 113". Ilario Scotti conosceva la storia di Yara, ma al momento non pensava fosse la 13enne scomparsa tre mesi prima da Brembate Sopra. "All'inizio credevo si trattasse di un ragazzo, solo dopo l'arrivo degli inquirenti mi sono reso conto che poteva essere lei". La zona è molto frequentata e gli uomini della protezione civile l'avevano già perlustrata: possibile che quel corpo sia rimasto lì tre mesi senza che nessuno lo vedesse? Per l'appassionato di aeroplanini sì. "Se il mio aeroplanino non fosse finito proprio in quel punto non l'avrei mai vista, era nascosta dalle sterpaglie".

RAI, "EVITARE ACCANIMENTO" - Il direttore generale della Rai Mauro Masi ha inviato ai direttori di rete una lettera in cui chiede di evitare l'accanimento mediatico sulla vicenda di Yara. Il dg ha invitato i tre responsabili dei canali a una maggiore attenzione verso i contenuti del Codice Tv e Minori. Il suo invito è rivolto in particolare ai programmi in onda in fascia protetta, ad esempio i contenitori pomeridiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • martacasile

    23 Maggio 2011 - 12:12

    è vero quello che dici.......ma lo vedi nessuno ascolta nessuno fa nnt :(

    Report

    Rispondi

  • yuva

    11 Marzo 2011 - 16:04

    Io credo che l'aggressione non sia stata per niente programmata, sbaglio o si era detto che quel giorno,in quel momento la ragazzina si trovava li per caso?? Il o I colpevoli vanno cercati nell'ambito della palestra, forse anche dei coetanei. Ma è quasi sicuro che Yara conosceva bene chi l'hà aggredita, forse un rancore o una rivalità che esisteva da tempo. Purtroppo sono tante le ipotesi.

    Report

    Rispondi

  • sentinella f

    05 Marzo 2011 - 19:07

    E' vero o no che Yara potrebbe essere uscita sul retro, dove il cane ha seguito una sua traccia, quindi indagini più sul personale della palestra....

    Report

    Rispondi

  • g740308

    04 Marzo 2011 - 13:01

    Ciao Yara, la notizia ha gettato sconforto nell'intera umanità, e per umani intendo tutti quelli che oggi vedono in te la nipote, la figlia, la sorella. Mi auguro che gli iquirenti riescano a fare piena luce sui fatti e ad individuare in maniera inconfutabile il colpevole. Siccome per fare questo occorrerà del tempo, non vorrei che il crimine mostruoso fosse in qualche modo mitificato nella sua mostruosità. Il magistrato dovrà tener conto non solo del male fatto a Yara ma di quello fatto ai suoi genitori, ai suoi parenti ed all'intera collettività

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog