Cerca

Casa Montecarlo, le sei off-shore che inguaiano Fini

Società a St. Lucia intestate a Tulliani per comprare l'immobile nel Principato. Gianfranco trema: "Io parte lesa"

Casa Montecarlo, le sei off-shore che inguaiano Fini
Sei società off-shore per comprarsi la casa di Montecarlo. E' il contenuto dei fascicoli che hanno indotto il gip di Roma Carlo Figliolia a non archiviare, per il momento, l'inchiesta su Giancarlo Tulliani e suo cognato, Gianfranco Fini.
 L’elenco delle sei società costruite nel paradiso fiscale di St. Lucia è contenuto nella nota riservata agli atti inviata dal premier di St. Lucia, Stephen King al ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini e da questi trasmessa alla procura di Roma. Di tutte le off shore, assicura il premier di St Lucia, "Giancarlo Tulliani era il titolare effettivo". Come scrive oggi su Libero Franco Bechis, erano sue la Printemps Ltd che acquistò da An per 300mila euro la casa di Montecarlo, e la Timara Ltd che per 330mila euro pochi mesi dopo acquistò la stessa casa da Printemps. Era di Tulliani anche la Jaman Directors Ltd a cui è stato dato all'inizio mandato per amministrare le due altre società. Così come erano del fratello di Elisabetta altre società di St. Lucia che si sono alternate nell'amministrazione e nella rappresentanza delle due prime off-shore acquirenti della casa nel Principato: la Corporate Management St Lucia Ltd, la Corporate Management Nominees Ltd e la Corporate Agent St. Lucia Ltd. Una mezza dozzina di società create appositamente per fare perdere le tracce sul reale acquirente dell'immobile. Il sospetto, però, è che fra i beni del partito, la nuova famiglia di Fini, i suoi collaboratori e altre società offshore ci possa essere stato un giro di affari ben al di là della casa di Montecarlo.
Fini, attraverso il suo legale, si è difeso dicendo che se davvero il presidente della Camera ha venduto la casa di An a Tulliani, questo è avvenuto a sua insaputa. Il leader Fli sarebbe, dunque, non il colpevole, ma la vittima. Non il truffatore, ma il truffato dal cognato, fintosi semplice mediatore. Una tesi difensiva fatta apposta per confondere le acque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bussirino

    04 Marzo 2011 - 14:02

    La magistratura non deve archiviare se non vuole creare due pesi e due misure. Se Fini ha veramente venduto a basso costo un appartamento di AN a suo cognato per favorire la famiglia FINI, allora la magistratura lo deve dire e condannare i fatto.

    Report

    Rispondi

  • rosvittorio

    04 Marzo 2011 - 07:07

    Nel tuo commento utilizzi la solita deprecabile e puerile tecnica che consiste nel tentare di minimizzare un reato additandone un altro presumibilmente più grave e perpetrato da uno schieramento avversario.L'argomento dei commenti deve essere quello che il tema dell'articolo indica ed ,in questo caso sono i presunti reati di Fini.Se,come tu dici,Berlusconi ne ha fatte di peggio con le sue off-shores,ciò non diminuisce la gravità di quello che presumibilmente Fini ha fatto.Vedi? Sei tu quello che indica la luna per fregare il portafoglio.Cambia sistema o continua a vedere "ballando coi lupi "

    Report

    Rispondi

  • nlevis

    03 Marzo 2011 - 19:07

    ai giudici interessano molte cose di Berlusconi, ma per il momento e da 17 anni hanno solo perso del tempo. Ripeto che se sarà un evasore lo deciderà il fisco, per il momento sappiamo che è il maggior contribuente italiano. Fini non ha eluso il fisco ha fregato un appartamento al suo partito: questo era il tema proposto in questo articolo. Le racconto una barzelletta. Uno studente all'esame di scienze aveva studiato solo gli elefanti ma il professore gli chiese di parlare dei vermi. Lo studente rispose che i vermi hanno un corpo lungo e tondeggiante come la proboscide degli elefanti...... gli elefanti sono....

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    03 Marzo 2011 - 18:06

    A me non risulta che costituire società off-schore sia illegale. Sbaglio? Quello che non capisco é come Tulliani abbia a disposizione tanto denaro ( sarà ricco di suo ) in un paese straniero, cioè Montecarlo.Visto e considerato che ci sono delle leggi sul transito di denaro dall' Italia all' estero, mi viene da chieder, e se tutto ciò sia normale. Può darsi, diversamente La Guardi di Finanza, sempre molto solerte verso altri, avrebbe indagato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog