Cerca

Gemelline viste vicino a Varese. Svolta nel caso?

A Cerignola ritrovato il gps di Matthias Schepp. Un'automobilista avrebbe notato Alessia e Livia tra Gallarate e Busto

Gemelline viste vicino a Varese. Svolta nel caso?
Alessia e Livia, le due gemelline svizzere rapire a fine gennaio, sono state avvistate in autostrada tra Gallarate e Busto su una Bmw di colore nero, diretta verso Milano. A notalre, poco dopo le 11 di ieri mattina, un'automobilista che ha in seguito segnalato il fatto  alla Polstrada di Varese. A riportare la notizia il quotidiano La Provincia di Varese, ricordando che "da allora delle due bambine, che l’uomo aveva sottratto alla moglie, l’italiana Irina Lucidi, nessuna notizia: o meglio, segnalazioni che si sono moltiplicate in giro per l’Italia".

IL RITROVAMENTO DEL GPS - Il caso delle gemelline si riapre anche a causa di un altro fatto. Il microchip del gps di Matthias Schepp è stato infatti trovato questa mattina lungo i binari della stazione ferroviaria di Cerignola campagna a quindici metri dal luogo dove l’uomo si era lanciato contro un treno in corsa.  Il microchip, che è stato trovato sotto alcune pietre, sarà inviato nelle prossime ore negli Stati Uniti dove si trova la casa madre che produce il navigatore satellitare: dalla memoria del microchip gli investigatori sperano di poter rintracciate elementi utili per capire tutto il viaggio fatto da Schepp fino a Cerignola e ottenere elementi sulla sorte delle due gemelline scomparse.

UN RAPIMENTO TRAGICO -  La vicenda di Alessia e Livia, due bambine di St. Suplice in Svizzera, è iniziata lo scorso 28 gennaio, quando le gemelline sono state rapite dal padre Matthias Kaspar Schepp, con la scusa di passare un weekend con loro. Una fuga finita in tragedia, visto che Schepp ha deciso di suicidarsi lo scorso 4 gennaio gettandosi sotto l'Eurostar Milano-Bari nella stazione di Cerignola. Un un lettera spedita alla madre, Schepp ha annunciato il suo suicidio dicendo che le bambine "ora riposano in pace". La frase ha fatto temere il peggio per la sorte delle due; ad ogni modo non si conosce ancora la sorte delle due bimbe: i carabinieri hanno setacciato l'area intorno alle stazione ferroviaria del paese, ma le ricerche non hanno dato alcun esito. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tonipier

    06 Marzo 2011 - 09:09

    Un complesso di desideri e di brame sollecitano l'uomo il quale, però, non è provveduto di capacità e di forze sufficienti ad assicurare l'integrale appagamento delle sue esigenze. Quasi quotidianemente l'uomo constata come l'aspirazione a fruire di tutto ciò che lo circonda o cade sotto la sua percezione e che potrebbe meglio contribuire all'affermazione completa della sua personalità, debba subire menomazioni, limitazioni di varia natura, ed è fuori di dubbio che conculcazioni di desideri e rinunzie pulsionali implicano mortificazioni, sacrifici, il forzato distogliersi dalla apprensione di ciò che potrebbe essere conseguito nel mondo circostante. la diversificazione delle risorse e dei modi di vita dell'ambito sociale nel quale si opera, delineano spesso la impossibilità di ottenere ciò che si desidera, la ineluttabilità di rapporti con ciò che non si desidera o non si ama, la inesorabilità della separazione o della dissociazione da ciò che si preferisce, si ama o si ricerca

    Report

    Rispondi

blog