Cerca

'Ndrangheta: spuntano Lele Mora e Costantino

Milano, blitz contro cosche: 35 arresti, sequestrati beni per 2 milioni. Riunioni dei boss a 'Niguarda' e al 'Galeazzi'

'Ndrangheta: spuntano Lele Mora e Costantino
Nel corso della notte e delle prime ore di lunedì si è svolta a Milano una maxi-operazione contro la 'ndrangheta cittadina. I carabinieri del Ros hanno effettuato un sequestro di beni per due milioni di euro e trentacinque arresti su ordine di custodia cautelare. Molteplici le accuse per gli affiliati alle cosche della 'ndrangheta lombarda: associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, minacce, smaltimento illecito di rifiuti, spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione è il frutto di indagini coordinate dalla Dda di Milano, dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini, insieme ai pm Alessandra Dolci, Paolo Storari e Galileo Proietto. Il gip Giuseppe Gennari ha invece disposto le misure cautealari in carcere per gli indagati.

I NOMI - Tra gli arrestati ci sarebbero anche alcuni personaggi di spicco delle famiglie Papalia, Barbaro e Flachi, che avrebbero agito per creare contatti con esponenti politici milanesi e lombardi. Seconodo le indiscrezioni, dall'indagine sarebbero emersi contatti tra il boss della 'ndrangheta Paolo Martino e l'agente dei vip Lele Mora, ma anche il 'tronista' Costantino Vitagliano e Luca Casadei. Lo stesso esponente della criminalità organizzata sarebbe stato in contatto anche con l'avvocato Giuseppe Giuliante, primo legale di Ruby Rubacuori, per una trattativa legata ad un appalto edilizio. Sembra che Martino fosse in contatto, inoltre, con imprenditori che operano nel mondo dei locali notturni, tra cui l’imprenditore Vito Cardinale, comproprietario della nota discoteca Hollywood.

RIUNIONI NEGLI OSPEDALI
- Dalle indagini è emerso un altro particolare inquietante: i boss si riunivano negli uffici amministrativi di due funzionari definiti dagli inquirenti "di alto livello" negli ospedali Niguarda e Galeazzi di Milano. I boss in questione sono Giuseppe Flachi e Paolo Martino. A quanto si è appreso, i due funzionari non sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati.


CONTROLLO DEI 'PANINARI' E DEI BUTTAFUORI - Che la 'ndrangheta volesse controllare alcuni 'affari' di Milano è ormai cosa nota. Ma l'indagine odierna porta alla luce un nuovo giro su cui i boss volevo mettere le mani: quello dei paninari, i venditori ambulanti che si trovano per esempio fuori dallo Stadio San Siro o dalle discoteche. La 'ndrangheta voleva imporre, inoltre, i propri buttafuori dai locali e minacciava i gestori dicendo che, se questi non fossero stati accettati, alcuni "picchiatori" avrebbero creato problemi all'interno dei locali stessi. La magistratura ha fatto chiudere la discoteca De Sade e un night per spogliarellisti vicino alla Stazione Centrale.

CAMUSSO: "LA POLITICA NON POTEVA NON SAPERE" - "Da quelle che sappiamo per esperienza, nell’infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti, a partire dal ciclo del cemento per arrivare a quelli della pubblica amministrazione e dell’esternalizzazione, crediamo sia difficile che ci fosse chi non sapesse e chi non ha costruito aste che hanno permesso di intervenire": si è espressa così Susanna Camusso, segretario della Cgil, commentando l'operazione contro la 'ndrangheta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • incredula

    15 Marzo 2011 - 00:12

    Calma ragazzi, ognuno scrive, si esprime per quello che è.

    Report

    Rispondi

  • andrealazzarotti

    14 Marzo 2011 - 23:11

    Quando si parla di mafia, camorra e andrangheta difficilmente ci si sbaglia nelle indagini. Evidentemente ci sono prove, confessioni, atti e quanto basta per per fare arresti. Lei preghi che ci siano ancora pm che fanno il lavoro dovere, perchè loro sono l'ultimo baluardo rimasto contro la corruzione mafiosa politica in Italia. Una volta smantellati loro come penso presto succederà chi fermerà la classe politica dagli intrallazzi di potere? chi impedirà alla mafia di entrare in parlamento? io? lei? ci provi a pensare. Se lei mi cita Tortora io le cito MANI PULITE e tanti altri successi dei pm che hanno mandato via a calci in culo i corrotti come bettini craxi e molti della sua cricca.

    Report

    Rispondi

  • servitore

    14 Marzo 2011 - 21:09

    Quando a indagare sono i pm meneghini si sa già dove andranno a parare: alla fine si ripercuote tutto su Berlusconi, anche se per interposta persona. Stavolta, a quanto scrive il gip, parrebbe che un consigliere regionale del Pdl fosse in contatto con un boss che gli avrebbe assicurato i voti dei calabresi. Fossi calabrese mi infurierei come un drago e farei fuoco e fiamme. Tutti i calabresi residenti a Milano sono dunque collusi con la mafia? Oppure soltanto quelli del collegio dove si è candidato quel consigliere regionale azzurro? La seconda ipotesi finirà per prevalere, altrimenti il teorema non reggerebbe. I calabresi degli altri collegi elettorali, avendo votato per altri candidati (magari di sinistra), non possono essere mafiosi.

    Report

    Rispondi

  • chaika

    14 Marzo 2011 - 21:09

    La prego, non " afferrato grammaticalmente" ma, ferrato in grammatica. si afferra un concetto ma si e' ferrati in qualche materia. Saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog