Cerca

Le Pen-Borghezio a Lampedusa. 1.800 libici respinti

Proteste contro la visita dei due politici, alcuni striscioni in aeroporto. Avvistati altri 21 barconi. Viminale dice no a nave con quasi duemila persone

Le Pen-Borghezio a Lampedusa. 1.800 libici respinti
Una nave con a bordo circa 1800 cittadini libici è stata respinta nel primo pomeriggio dalle autorità di Malta, e dopo aver virato verso l'Italia è stata respinta anche dal Viminale. La nave, secondo quanto ha raccontato la tv araba Al Jazeera, è un traghetto marocchino partito da Misurata: non è chiaro dove attualmente si trovi e, in particolare, se abbia fatto ritorno verso il nord Africa.

ARRIVANO LE PEN E BORGHEZIO - A Lampedusa, intanto, esplode la polemica politica. Originata dalla visita di Marine Le Pen e Mario Borghezio, che si sono recati presso
il centro d'accoglienza temporanea di contrada Imbriacola. Una piccola folla s'era radunata nell'isola siciliana per "dare loro il degno benvenuto", aveva detto Paola La Rosa, dell'associazione Askavusa, che aveva spiegato ancora: "Non vogliamo che l'immagine dell'isola sia legata a un personaggio che ha fatto del razzismo e dell'intolleranza la matrice della propria azione politica". Paola La Rosa fa riferimento, con le sue parole, sia alla Le Pen, figlia del leader dell'estrema destra francese Jean Marie, sia all'europarlamentare leghista Borghezio. Nell'aeroporto erano stati esposti degli striscioni che con scritto "madame Le Pen non sei la benvenuta" e "il mondo è a colori fatevene una ragione".

ANCORA SBARCHI - Intanto nel porto dell'isola continuano gli sbarchi. Nella mattinata di lunedì è arrivato un barcone con 71 immigrati - tutti uomini - a bordo. La Guardia Costiera, inoltre, ha avvistato altre venti carrette del mare ancora in acque internazionali ma dirette verso l'Italia: la più vicina è a poche miglia a sud dell'isola. Complessivamente sui ventuno barconi ci sarebbero più di mille persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    16 Marzo 2011 - 18:06

    ...mi permetto e non me ne voglia,di non citare così facilmente,parabole,passi evangelici etc.,prima di una minima riflessione."La via dell'Inferno è lastricata di buone intenzioni".La Religione Cristiana non ammette il suicidio di massa;ammette sempre il male minore,non Le pare? Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    16 Marzo 2011 - 18:06

    ...ed una riflessione verso coloro che...rispecchiano tanta magnanimità, addossando però ad altri, tutti i disagi ed i pericoli del caso,di un arrembaggio selvaggio tanto frettoloso,di masse prive di documenti.Mi viene in mente la parabola del buon S.Martino,che potè fare una buonissima azione,in quanto divise a metà il suo mantello e diede metà delle sue vivande,ad un viandante ignudo ed affamato.Ebbe però,a mio avviso tantissima fortuna di averne incontrato soltanto uno...Cosa sarebbe successo se ne avesse trovato almeno alcuni?Non sarebbero forse morti tutti,di freddo e di fame,compreso il generoso S. Martino?

    Report

    Rispondi

  • berodo

    16 Marzo 2011 - 15:03

    Non credevo che in Italia ci fossero così tanti razzisti senza Dio. Ma non importa, con il coraggio e la Fede riusciremo a convertire pure loro.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    15 Marzo 2011 - 08:08

    Dissento da quanto scrive. Innanzitutto questi che pagano profumatamente per venire qui non vengono per cercare lavoro, dato che non è nella loro mentalità quella parola non esiste o non è come la intendiamo noi. Secondo dovrebbe almeno contestare il rifiuto degli abitanti di Lampedusa di ospitare Borghezio, poiché non è possibile pensare che sia andato là solo per mangiare un piatto tipico (come qualcuno ha scritto) ma forse per dare una mano a risolvere il problema. Borghezio è uno che, piaccia o meno, si guadagna quanto percepisce come onorevole e si dà da fare per risolvere le situazioni, per quanto possibile in questo Paese pieno di comunisti e sinistri confusi nelle loro squallide idee. Aggiungo che non è un dànno essere cristiani, anzi. Se fossimo atei dovremmo buttare bombe sulle imbarcazioni, ma quest'idea è angosciante, non trova? basta rifocillarli e rispedirli dove sono partiti, senza troppi problemi e senza sbraitare. L'unico problema sono le varie Turco e Bindi e amici..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog