Cerca

Caso Yara, Procura sommersa dai dubbi Ma il pm pensa allo show anti-Cavaliere

In conferenza stampa il procuratore Meroni usa i disegni sulla giustizia del premier per contestare la riforma / FOTO

Caso Yara, Procura sommersa dai dubbi Ma il pm pensa allo show anti-Cavaliere
Le foto di Berlusconi che mostra, tramite un disegno, come vuole riformare la Giustizia italiana sono state riprese da tutta la stampa nazionale. Martedì, invece, il sostituto procuratore di Bergamo Massimo Meroni - che si sta occupando del caso di Yara Gambirasio - ha espresso i propri dubbi sulla riforma usando la stessa "arma" del Premier, un disegno. Berlusconi aveva mostrato i piatti di una bilancia allo stesso livello: ecco come dovrebbe essere una giustizia sana, senza la "dittatura" dei pubblici ministeri, con i cittadini e i giudici sullo stesso piano. Meroni, invece, ha proposto una bilancia "sbilanciata", con i cittadini da una parte e giudici e pm dall'altra, per fare più peso. "L'ho riattualizzato al caso di Yara - ha detto - e pende dalla parte di magistrati e giudici perché loro sono quelli che scoprono chi commette i reati e rappresentano le vittime. Dall'altra ci sono i cittadini e tra di loro anche i presunti colpevoli". Insomma, la bilancia pende dalla parte di pm e Yara, la vittima, e "se il processo iniziasse oggi quindi - secondo il procuratore - la magistratura che rappresenta Yara avrebbe più peso rispetto al cittadino-assassino".

SOLO UN ANNO FA... - Ma, attenzione, non è una frecciatina alla riforma della Giustizia presentata dal Cav. Eppure lo avevamo pensato. Alla luce anche del fatto che Meroni non è nuovo a queste uscite "sorprendenti". Già un anno fa, all'inizio del 2010, c'erano state scintille tra il pm (a quei tempi al lavoro a Milano) e l'avvocato del premier Niccolò Ghedini. Meroni aveva parlato anche di "accompagnamento coattivo" del legale che non voleva presentarsi come teste nell'inchiesta circa la telefonata fra Fassino e Consorte sulla scalata Unipol. Per la cronaca, la richiesta fu revocata dalla stessa procura milanese, ma l'avvocato presentò un'interrogazione al ministro della Giustizia Angelino Alfano, chiedendogli di inviare in procura, a Milano, degli ispettori per i "comportamenti inqualificabili" di Meroni. E no, quella odierna non è assolutamente una frecciatina alla riforma della Giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    18 Marzo 2011 - 12:12

    sono i poliziotti che vanno a cercare gli indizi, che scovano i sospetti; e quando hanno qualcosa dsi concreto li passano al PM, il quale valuta la concretezza degli elementi raccolti e richiede, se del caso, ulteriori indagini. Non è lui che fa pedinamenti, appostamenti, ricerche sui tabulati telefonici: a lui li portano i poliziotti. Ma voi pensate che il Pm non esorti gli agenti a cercare piu profondamente? le ricerche in cantriere, con i sonar ed aggeggi vari, le intercettazioni, i controlli, le perquisizioni, secondo voi chi li ha autorizzati? il sindaco? Ma per piacere!!!

    Report

    Rispondi

  • vitali vanna

    17 Marzo 2011 - 12:12

    Si vergogni questo p.m. che con le sue vaghezze, i suoi non so,i" e lei cosa pensa?,"più che dimostrare interesse per il caso della piccola uccisa,si interesa del suo caso,mostrando,senza pudore,lo schema sintetico della riforma della giustizia. Il tutto condito con un sorriso supponente,snobbando le domande che gli venivano rivolte. E' stato uno spettacolo brutto e doloroso.Speriamo che i genitori di Yara non l'abbiano visto

    Report

    Rispondi

  • flavio640

    17 Marzo 2011 - 12:12

    Una sola parola... Pagliaccio, vai a lavorare in miniera.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    16 Marzo 2011 - 16:04

    cosa volete che dica una persona come quel PM che in questa circostanza se ne è andata in ferie.Di nuovo colpa di Berlusconi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog