Cerca

Lampedusa, dopo la rivolta il piano per evacuazione

Il Commissario: "Sei navi per svuotare l'isola". Prima la rabbia dei pescatori: bloccano il porto. Bagnasco: "Il problema è europeo"

Lampedusa, dopo la rivolta il piano per evacuazione
Quasi duemila clandestini sbarcati nelle ultime 24 ore, 3.721 negli ultimi tre giorni e 7.000 immigrati su un totale di 5.000 residenti locali. Nelle prossime ore ne arriveranno altri 250. I numeri dell'emergenza-Lampedusa parlano da soli. I clandestini ora vanno ben oltre i 2.000 ospitati dal centro d'accoglienza ormai al collasso. E così monta la protesta degli isolani sempre più esasperati. A far esplodere la pentola a pressione lampedusana è stata la frase di Vincenzo D'Ancona, presidente del Consiglio Comunale, che durante l'assemblea del comitato delle donne - alla presenza del governatore siciliano, Raffaele Lombardo - ha detto rivolto a loro: "Siete bestie". Nell'aula si è sfirotata la rissa. Alcune donne piangevano per la rabbia.  Successivamente, per protesta, i pescatori hanno trainato quattro barconi utilizzati dai migranti e poi sequestrati per posizionarli all'ingresso del porto. L'obiettivo, quello di impedire il transito alle motovedette che soccorrono gli immigrati. Dal molo alcune donne incitavano all'azione, e invitano altri uomini a partecipare alla protesta. Successivamente il blocco è stato rimosso.

UN NUOVO SBARCO - L'ostacolo improvvisato al porto dai pescatori non è comunque riuscito ad impedire l'approdo di un altro barcone di immigrati, arrivato al molo vecchio di Lampedusa intorno alle 17.30. Superato il "picchetto marino" delle carrette del mare dispiegate di fronte all'approdo, 47 migranti stipati in un piccolo motopesca che imbarcava acqua hanno messo piede sull'isola. Hanno riferito di provenire da Sfax, in Tunisia, e che la loro traversata è durata circa 17 ore. I nuovi arrivati, in festa, sono stati accolti dai loro connazionali.

"IMMIGRATI EVACUATI MERCOLEDI'"
- Dopo i primi segnali di vera e propria rivolta degli isolani, è arrivata una risposta precisa da parte delle istituzioni. Gli immigrati sbarcati a Lampedusa saranno completamente evacuati dall'isola a partire da mercoledì prossimo. L'annuncio è stato dato dal prefetto di Palermo e commissario per l'emergenza, Giuseppe Caruso, che durante la mattinata di lunedì ha firmato il noleggio di sei imbarcazioni private, che affiancheranno la nave militare San Marco, già attiva. "Avremo una capacità di accoglienza e di trasporto per circa 10mila persone - ha sottolineato Caruso - e quindi saremo in grado di fare cessare l'emergenza a Lampedusa". Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha poi confermato "quanto dichiarato dal commissario straordinario per l'emergenza a proposito del piano di svuotamento dell'isola di Lampedusa". Maroni ha poi sottolineato che "il piano, deciso dall'Unità di crisi del Viminale, verrà portato per l'approvazione al Consiglio dei ministri di mercoledì prossimo". 

DONNE E CONSIGLIERI INCATENATE - Sulla banchina la tensione è rimasta però altissima. In precedenza alcune donne e dei consiglieri comunali di centro-destra si erano incatenate per protestare contro l'invasione che sta squassando Lampedusa. Alla manifestazione avevano preso parte anche alcuni componenti del movimento di estrema destra Forza Nuova. Il problema rimane quello di trovare un alloggio per i migranti che affollano l'isola: le istituzioni promettono di trovare una soluzione entro lunedì sera. E' quanto sarebbe emerso da una telefonata tra il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, e il presidente della regione Lombardo, che si è impegnato in prima persona per individuare altri siti in Sicilia dove spostare i clandestini. Un ulteriore problema riguarda l'arrivo degli ispettori sanitari inviati dal ministero della Salute e dall Regione. I lampedusani ritengono che, nel caso in cui fossero riscontrati casi di particolari malatti, l'isola potrebbe essere messa in quarantena.

FURTO IN CASA
- Il caos è destinato ad estendersi all'intera regione, a tutto il Mezzogiorno e all'Italia. Nel frattempo, i clandestini si arrangiano come possono. A complicare ulterioremente la situazione ci si è messo un episodio di criminalità: nella notte tra domenica e lunedì una coppia di coniugi è stata aggredita da alcuni tunisini. I due sono stati assaliti la scorsa notte da sette tunisini. Luigi Solina, ex pescatore di 58 anni, e sua moglie stavano rientrando nella loto abitazione di Villa Ambra, a Cala Croce, quando hanno visto gli stranieri che erano già penetrati nella casa. Solina ha tentato di bloccarli, ma è stato picchiato. Dalla casa sono stati rubati oggetti preziosi e orologi. Al momento, tuttavia, non risulta che sia presentata una denuncia ai carabinieri.

SOLDI AI CLANDESTINI - Mentre sull'isola gli abitanti protestano e i nordafricani reclamano diritti e improvvisano cortei e scioperi della fame, il ministro degli Interni Roberto Maroni tenta di placare le polemiche e le proteste delle autorità siciliane. Innanzitutto, imponendo alle Regioni, che in settimana avevano detto sì al piano d'emergenza, di ospitare circa 50.000 profughi. "L'unica regione esclusa sarà l'Abruzzo - spiega in un'intervista al Corriere della Sera -, ma non si andrà oltre il rapporto 1.000 profughi ogni milione di abitanti". Dove sistemarli, li decideranno governatori in accodo con Province e Comuni, in caso di disaccordo "sarà il governo a imporre le aree". C'è soprattutto in problema Tunisia. Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha proposto incentivi di 1.500 dollari ai tunisini che vorranno ritornare in patria. Bossi si è detto decisamente contrario mentre Maroni si pone a metà strada: "Non si rischia il ricatto, come accaduto con la Libia. Però bisogna agire in accordo col governo di Tunisi. Se non ci sarà un intervento vero per fermare le partenze, chiederò di attuare la proposta di Bossi di procedere con i rimpatri forzosi", anche senza il nullaosta delle autorità di Tunisi. E intanto il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo non va per il sottile: "Qui si rischia un'epidemia, facciamo le tendopoli anche in Valpadana", ha detto, più o meno provocatoriamente, al telefono con il premier Silvio Berlusconi.

BAGNASCO: "AIUTIAMO LAMPEDUSA" - Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, esprime a nome della Chiesa la "cordiale ammirazione per la generosità e il senso dell’accoglienza che da sempre contraddistingue la popolazione lampedusana". Bagnasco chiede "ai Responsabili un ulteriore sforzo perchè, avvalendosi di tutti gli strumenti anche comunitari, si dia sollievo all’isola e ai suoi abitanti che non devono infatti sentirsi soli" a fronteggiare l’attuale drammatica situazione, nella quale "gli immigrati superano ormai la popolazione locale determinando involontariamente una condizione di generalizzato, profondo disagio", con il risultato che "l'attività lavorativa della piccola comunità rischia di finire seriamente compromessa, tra le crescenti preoccupazioni delle famiglie". I problemi conseguenti all'ondata immigratoria del Nord Africa "riguardano l’Italia alla stessa stregua con cui riguardano l’Europa, di cui siamo parte: i confini costieri della prima infatti coincidono con i confini meridionali della seconda". Secondo Bagnasco, "l'emergenza è comunitaria, e va affrontata nell’ottica di destinare risorse per uno sforzo di sviluppo straordinario, che non potrà non raccogliere poi benefici in termini di sicurezza complessiva". "Tutta l’Europa è non da oggi - ricorda Bagnasco - in debito verso l’Africa, e deve ora operare per non rendere fallimentari gli sforzi di questi popoli in cammino verso approdi più democratici e rispettosi dei diritti dell’uomo". E dunque, conclude il capo della Cei, "bisogna avere l’intelligenza della storia, e un senso del dovere commisurato alla svolta in atto al fine di corrispondere immediatamente alle sfide in maniera concreta e attraverso misure confacenti".

EMERGENZA SANITARIA - A Lampedusa "le condizioni igienico sanitarie sono drammatiche", anche se non c'è il rischio di epidemia. A dirlo è il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, a margine di un incontro all’Istituto nazionale dei tumori di Milano. Dopo l’allarme lanciato dal governatore siciliano, Raffaele Lombardo, Fazio ha spiegato: "Ieri ho parlato a lungo con l’assessore Russo, lui sta mandando due ispettori della Regione e della Asl e noi stiamo mandando i nostri del Ministero e un osservatore dell’Oms, che è già a Roma, proprio per questo motivo. Con loro c'è un rappresentante dell’Istituto dei migranti che dovrà valutare tutti gli aspetti inerenti alla copertura psicologica e sanitaria".   Il ministro, quindi, ha chiarito: "Non riteniamo in realtà che ci sia un rischio di epidemia, ma un problema igienico sanitario importante, che c'è adesso a Lampedusa e che potrebbe continuare in futuro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bimbomix

    29 Marzo 2011 - 19:07

    Eminenza, ho letto con attenzione tutte le Sue considerazioni. Forse per un'errata trascrizione non ho letto una cosa importante . Che in ogni provincia d'Italia siano messi a disposizione i seminari, ormai quasi deserti per mancanza di vocazioni , per ospitare i "profughi" sotto la responsabilità delle autorità religiose Il tutto per avviare un modello virtuoso che per emulazione spinga ciascuno e ognuno a fare la sua parte . Lei mi insegna che l'esempio è importante e con l'aiuto della Provvidenza sortisce effetti inaspettati. Altro non meno importante impegno sarebbe quello che il Vaticano prenda contatti diretti con il governo tunisino, per fare in modo di fermare questa marea di disperati, nell'interesse di tutti. Forza , è giunto il momento di fare!

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    29 Marzo 2011 - 08:08

    al Cardinale: no eminenza, il problema é anche suo se non vuole che s.Pietro diventi una moschea. a Errani che vuole scaricare in Emilia tutti gli scarti tunisini come se non ce ne fossere già anche troppi: Errani non senti il rumore della Lega che avanza anche in Emilia? Presto ne avrai un assaggio alle amministrative di maggio quando Bologna avrà un sindaco leghista.Non ci piace più la bandiera rossa la preferiamo verde. Visto che sei di Bologna fai un giretto alla Bolognina, al Pilastro, a Borgo Panigale, oppure la sera in centro ma senza scorta se hai il coraggio,vedrai quanti cosiddetti extracomunitari infestano già le nostre strade.

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    29 Marzo 2011 - 08:08

    Mi sono chiesto perchè tale invasione di nord africani non investa minimamente.. Malta, la Spagna ecc,..e mi sono dato una risposta convincente...In quei Paesi (più onesti, ragionevoli, realmente civili..) vige una normativa protettiva simile alla nostra, ma la grande differenza.. è che lì non esiste una dominante sciamannata cultura sinistramente catto-comunista messianica (ma anche molto settorialmente/subdolamente opportunista...volta essenzialmente/strumentalmente.. al dominio sul Paese...) che punta sull'esaltazione contorta dei continui (molto falsi ed ipocriti). sensi di colpa,...tentando di insinuare nella testa della nostra gente che gli immensi problemi di miseria della popolazione del sud del mondo,...verrebbero risolti attraverso l'(irresponsabile) accoglienza indiscriminata...Povera Italietta imbranata e...sottomessa all'idiozia imperante..!!

    Report

    Rispondi

  • smetre

    29 Marzo 2011 - 07:07

    C'è una legge dove il clandestino va rimpatriato. perchè non viene ripettata dai nostri governanti?Se l'emergenza di questi sbarchi non ci da la possibilità di identificare tutte queste persone, si manda l'esercito a lampedusa si caricano sui propi barconi,(penso che ormai sia un problema di smaltimento di quuei rottami puzzolenti pieni di olii e grasso) si trainano tipo trenino a pochi metri dalla costa Tunisina e si lasciano. Ci sarà qualcuno dei loro connazionali che se li tirano a riva e gli procurano il cibo,le cure mediche ,le sigarette ecc. Ma cavolo perchè votiamo sti c---i di politici?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog