Cerca

Europa: "Profughi sono un problema di tutti noi"

Il commissario Barroso a Berlusconi: "Vi aiuteremo". Il premier: "Si rischia uno tsunami umano, pronti 100 rimpatri al giorno"

Europa: "Profughi sono un problema di tutti noi"
"Lampedusa è un problema dell'Europa, non solo dell'Italia". Il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso ha rassicurato il premier Silvio Berlusconi con cui oggi ha avuto un colloquio a propostio dell'emergenza immigrazione. Berlusconi, che lunedì prossimo sarà a Tunisi, ha ribadito a Barroso la necessità di trovare soluzioni comuni a quello che lo stesso Cavaliere, questa mattina ha definito uno "tsunami umano". E Barroso, dal canto suo, ha ribadito l'impegno della Commissione a una più fattiva solidarietà verso l'Italia.

CENTO RIMPATRI AL GIORNO - E' la notizia lieta che chiude una giornata tumultuosa sul fronte immigrazione. Una giornata iniziata con la riunione della cabina di regia a Palazzo Chigi, con Berlusconi, il ministro degli Interni Roberto Maroni e i rappresentati delle Regioni a Palazzo Chigi, e proseguita con il caos di Manduria, dove centinaia di immigrati sono fuggiti dalla tendopoli. Per il premier l'obiettivo è il "rimpatrio di 100 tunisini per volta con dei ponti aerei". Il summit di Palazzo Chigi doveva raggiungere un'intesa su dove dislocare i siti per l'accoglienza degli irregolari, ma l'incontro è stato aggiornato a martedì prossimo. Ogni Regione, ha spiegato Berlusconi, dovrà mettere a disposizione un sito per l'accoglienza dei migranti, secondo le indicazioni che fornirà il governo, ovvero - è stato poi ribadito in conferenza stampa - in modo "proporzionale al numero di abitanti di ogni singola regione". Qualora il sito scelto dall'esecutivo non dovesse essere gradito dall’autorità locale, quest’ultima dovrà presentare una controproposta. Per far fronte all'emergenza sono pronte 7mila tende, per sei posti ciascuno, che verranno allestite nelle prossime 48 ore.

LA RISPOSTA DELLE REGIONI - A chiudere la porta all'eventualità delle tendopoli è stata, per prima, il governatore Pdl della regione Lazio, Renata Polverini. Al termine della riunione a Palazzo Chigi ha dichiarato: "Nessuno di noi le vuole". La Polverini ha sottolinato come le Regioni non vogliano che le decisioni "imposte dall'alto" possano creare tensioni sui territori. Respinte le tendopoli, le Regioni hanno buttato sul tavolo una controproposta. I governatori avrebbero chiesto un'accoglienza morbida, distribuita sul territorio ma che non si concretizzi nella creazione di accampamenti che potrebbero creare problemi legati all'imminente stagione calda e alla gestione della sicurezza. L'incontro con le Regioni è stato aggiornato a martedì perché l'esito del vertice del giorno precedente a Tunisi, che potrebbe accogliere 100 persone al giorno, potrebbe cambiare le carte in tavola.

FONDI ALLA TUNISIA - L'Italia si impegnerà anche a prevenire gli sbarchi grazie ad accordi diretti con la Tunisia. "Ci siamo impegnati - spiega Berlusconi - in linee di credito e equipaggiamenti a forze di polizia impegnate nel controllo dell'immigrazione per un valore vicino ai 100 milioni dalla metà del mese di aprile" a fronte dell'impegno di Tunisi a "fermare l'uscita illegale di loro cittadini dal loro Paese". Altro canale sarà la richiesta di sostegno all'Europa: "Continuiamo le pressioni sulla Commissione europea - precisa ancora il premier -, ho appuntamenti telefonici con i commissari e il presidente". Infine, per chi è già in Italia, "daremo permessi di soggiorno temporanei. Molti di questi immigrati hanno manifestato la volontà di rincongiungersi con famigliari in Francia o Germania, ma anche in altri Paesi. In base all'articolo 20 queste persone hanno la possibilità di circolare, per ricongiungimenti famigliari, liberamente in Europa e daremo loro permessi di soggiorno temporanei per farlo".

"EUROPA EGOISTA" - Berlusconi, è trapelato dalla riunione della cabina di regia, non ha digerito "l'egoismo generalizzato molto negativo" da parte dei capi di Stato nel Vecchio Continente, che ci hanno messo pochi giorni a dimenticare la vocazione europeista, e hanno lasciato sola al suo destino l'Italia nel gestire l'emergenza clandestini. In particolare, i rapporti diplomatici sono tesi con la Francia, che ha operato molteplici respingimenti a Ventimiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Enry74

    02 Aprile 2011 - 20:08

    quindi se quasi quasi stavo ripensando al fatto di tornare a votare, lega per la precisione visto il buon lavoro che stava svolgendo proprio lui, mi riprendo la responsabilità di non andare a votare, il voto per governare il paese è un valore troppo grande per buttarlo in certi irresponsabili. A tutti i politici, che in questi anni son stati al governo rinciuciandosi tra di loro, con che coraggio ed orgoglio andate a festeggiare il 150mo, fare proclami etc... se poi non avete mai fatto nulla per proteggere il nostro territorio e per tutelare ogni singolo cittadino italiano, a sto punto regalategli la nazionalità italiana così avrete altri 20mila voti da spartirvi, tanto per voi l'Italia rappresenta solo un voto non una cultura. Mi chiedo in america come fanno a respingere l'immigrazione clandestina, qual terribile arcano ci sarà mai sotto? e perchè tutti questi sbarcano in italia e non grecia, spagna e francia(visto che poi vogliono andare la)?

    Report

    Rispondi

  • Enry74

    02 Aprile 2011 - 20:08

    Non abbiamo tutele, dobbiamo solo pagare e fare sacrifici perchè i nostri capi politici non sanno cosa sia la politica. Vanno a piangere da mamma europa perchè han voluto governare un paese ma non sanno cosa sia il territorio. Maroni (lega nord), uno dei punti di riferimento della lega grande formazione politica che predicava gli sperperi dello stato a favore del sud e inneggiava alla secessione, butta via i nostri soldi provenienti anche da veneto , lombardia , piemonte per dare i buoni ai clandestini (quindi illegali) , vogliono pagare la tunisia (con i nostri soldi) per riprendersi i loro cittadini, soldi per cibo poi rifiutato da questi perchè spazzatura, dice che li portano nei centri d'accoglienza dove poi li rimpatriano, ma come houdinì spariscono da soli, (bisognerebbe dare il premio nobel a quel genio che ha deciso l'altezza delle reti), in più , e questo è l'assurdo, vuole il federalismo e si lamentano perchè le regioni, in modo autonomo e simil federale, non vogliono quest

    Report

    Rispondi

  • raucher

    02 Aprile 2011 - 16:04

    Dove , nel testo dell'articolo o nelle parole riportate di B . Lei ha letto la parola profughi? Non c'è e non è stata usata .

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    02 Aprile 2011 - 15:03

    Mi dispiace contraddirla , Cav, ma non si tratta di profughi ma di CLANDESTINI!!!!! Non vengono da paesi in guerra ma arrivano perchè questo è il paese del bengodi dove non esiste giustizia, il paese dove possono fare quello che vogliono senza alcuna punizione. Non si vergogna a prendere in giro i cittadini? Non ha guardato come arrivano, con giubbini di pelle o firmati, con scarpe firmate, con telefonini; ma profughi di cosa? Sarebbe ora che ci vergognassimo e spendessimo i soldi dei contribuenti per gli Italiani!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog