Cerca

Ferrara, trovati in ospedale sacchi con ossa umane

Femori, braccia di adulti e l'intero scheletro di un bambino stipati in quattro contenitori di carta. Avviate le indagini

Ferrara, trovati in ospedale sacchi con ossa umane
Sacchetti con ossa umane: è questo il macabro ritrovamento fatto sulle scale di un ospedale di Ferrara. Il fatto è avvenuto lunedì mattina, al reparto di Ematologia del Sant'Anna, quando una donna delle pulizie si è ritrovata davanti a ben quattro sacchi di carta bianchi pieni, fino all’orlo, di ossa umane. All'interno femori, braccia di adulti e un intero scheletro di un bambino di pochissimi anni. Subito è scattato l 'allarme alla direzione dell’ospedale e agli inquirenti. E’ quanto riporta il Resto del Carlino. Sul posto sono arrivati gli agenti della Scientifica, della Mobile e i colleghi del Posto di polizia del Sant'Anna, informato anche il pm di turno.

 LE INDAGINI - I sacchi sono stati trasportati in Questura per le prime analisi, nelle prossime ore dovrebbero essere trasferite in Medicina legale per nuovi accertamenti. Si potrebbe trattare di ossa utilizzate dalla facoltà di Medicina, anche se nessuno ne ha mai segnalato la scomparsa nei laboratori. Oppure, visti i lavori in corso proprio nel reparto di Ematologia, potrebbero essere resti spuntati dal sottosuolo, trovati da qualche operaio e lasciati sulle scale per evitare problemi. O ancora potrebbero provenire da qualche parte lontano dall’ospedale. Saranno le indagini a scoprire che ci facevano quelle ossa nei sacchetti e soprattutto chi e perché li ha abbandonati lì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sgangemi

    05 Aprile 2011 - 17:05

    Credo si sia raggiunto il più infimo livello di civiltà. Siamo diventati così noi italiani? Ho paura di si! Anche il rispetto per i morti è andato in malora: che squallore!

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    05 Aprile 2011 - 17:05

    Infatti per quanto riguarda le ossa del bambino il mistero non sussiste. Si tratta senza ombra di dubbio dei resti del pranzo di un comunista. Stupisce invece la presenza di arti di adulti.

    Report

    Rispondi

blog