Cerca

Querela a Libero: chiamare Santoro costa 150mila euro

Pubblicato il suo numero di telefono, Michele chiede il risarcimento per 48 ore di turbamento: "Squillava di continuo"/ SENALDI

Querela a Libero: chiamare Santoro costa 150mila euro
Quando, come Michele Santoro, si guadagnano 650mila euro l’anno è automatico avere una considerazione di se stessi molto alta, spesso forse eccessiva. Così capita per il proprio tempo che, come recita il detto, è denaro. Se poi  la ricetta per accumulare tanti soldi consiste nella rielaborazione capziosa dei fatti, nell’esasperazione dei toni e nell’abbandono delle virtù della moderazione e dell’equilibrio, il soggetto corre decisamente il  rischio di perdere il contatto con la realtà.
È il primo pensiero che ci è venuto in redazione quando ci è stata recapitata la richiesta del giornalista di 150mila euro a titolo di risarcimento danni per aver pubblicato su «Libero» il numero del suo cellulare aziendale. Una “marachella” che abbiamo confezionato l’indomani della puntata di Annozero dedicata al caso Ruby in cui, associando le immagini di due servizi diversi,  veniva di fatto reso pubblico in tv il numero di telefono privato di Silvio Berlusconi. Ma Santoro non ha gradito il nostro modo di intendere la par condicio. Nella citazione in cui  per lesa maestà ci chiede l’equivalente di sei anni di stipendio lordo di un operaio, si lamenta con noi per avergli procurato «48 ore di comprensibile turbamento dello stato d’animo in quanto il suo telefono squillava ininterrottamente per ricoprirlo di ingiurie e minacce».  Il costoso collega ci mette in conto anche lo sforzo fatto per «richiedere alla Rai l’attribuzione di una nuova utenza» e ci addebita  «i due giorni spesi per rendersi nuovamente reperibile alle persone con cui voleva rimanere in rapporto e per individuare il numero di persone che avevano lecitamente il precedente numero  e informarle dell’accaduto». Non ci resta che ammirarlo. Ecco uno che sa farsi pagare: 150mila euro per chiedere all’azienda di cambiargli utenza e inviare poi ad amici, colleghi, ospiti e “fonti”  un sms con su scritto “Signori, il mio nuovo numero è questo: 335…”. A molti di noi è toccato farlo, magari anche a spese nostre, e non ne abbiamo fatto un dramma.
Altrettanto ammirevoli sono la freddezza e il cinismo del collega, caratteristiche tipiche del giornalista di razza. Ogni   settimana il conduttore di Annozero mette in  scena a rotazione il dramma delle famiglie operaie in cassa integrazione che vivono in quattro con mille euro al mese, quello dei precari che a quarant’anni ne guadagnano 800 senza nessuna prospettiva per il futuro o quello degli immigrati clandestini che si riversano sulle nostre coste senza una lira in cerca di libertà e trovano solo porte chiuse. Ma è il primo a non farsi turbare dai collegamenti sul campo dei suoi inviati e dai diseredati che convoca in studio. Nessun racconto, nessuna tragedia è  riuscita a impressionare  l’uomo d’oro della Rai,  a persuaderlo che  i soldi non si trovano sugli alberi e fargli pensare che forse ne guadagna già abbastanza. Lui è una star, e come tale si comporta. Pagarlo dev’essere un onore.
Non ci è noto se Santoro si sia scusato per aver spiattellato in tv il numero del presidente del Consiglio. Magari lo avrà fatto in privato. Dubitiamo comunque che qualcuno gliene abbia chiesto conto in giudizio. Per parte nostra, ci battiamo il petto per i contrattempi che gli abbiamo procurato ma restiamo sbigottiti dalla richiesta. Nemmeno le Olgettine, la cui situazione economica forse interessa e colpisce Santoro più di quella delle tute blu, pretendono tanto. E comunque, a quanto ci è dato sapere dai resoconti dei Bunga Bunga sui quali Annozero ha fatto le sue fortune quest’anno, Ruby e compagne sembrano sudarsi il contante un po’ di più di lui. Almeno in questa circostanza.

di Pietro Senaldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino pierino

    27 Luglio 2011 - 22:10

    Io sono uno di quelli che appreso il numero telefonico del divino Santoro(cosi si crede ) detto pure il bed.....no premetto che ci ha rotto il czz per anni con la sua partigianeria sinistra dalla TV pubblica pagata anche da chi non è affatto d'accordo con le sue teorie schierate ed allora ho provato a chiamarlo per dirgli come la pensavo su di lui e sui progranmmi farsa che presentava .,Invano il suo telefono era perennemente staccato adesso vuole fare causa per andare a grana querelando Libero e il Tempo ?è proprio un del......te siamo noi cittadini che dovremmo fargli causa e chiedere un rimborso gigantesco per tutte le porcherie che ha detto e fatto in maggior parte fasulle dalla TV pubblica

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    27 Luglio 2011 - 15:03

    piu nessuno gli vuole fornire il paracadute quindi i soldini li deve trovare da solo.Volgliamo la privatizzazione della rai e l' azzerramento dei privilegi politici(questo non entra nel tema ma non dobbiamo dimenticarlo).

    Report

    Rispondi

  • CICCI1938

    14 Aprile 2011 - 11:11

    forse il telefono squillava perchè qualche italiano voleva dirgli di averne le scatole piene di vederlo in TV.

    Report

    Rispondi

  • zioBilio

    13 Aprile 2011 - 18:06

    San toro, il santo protettore dei compagnucci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog