Cerca

Italia-Francia, vertice a Milano. "E l'Europa dov'è?"

Emergenza clandestini, alle 11 Maroni incontra il collega transalpino. Il video-editoriale del vicedirettore di Libero de' Manzoni: "L'Ue non esiste" / LIBEROTV

Italia-Francia, vertice a Milano. "E l'Europa dov'è?"
L'Italia approva i permessi temporanei. L'Europa invita i Paesi dell'Unione a trovare un accordo sull'immigrazione. E la Francia? Chiude le frontiere. All'indomani dell'accordo tra governo e enti locali italiani sui migranti, la picconata alle misure d'emergenza varate dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, arriva dal governo di Nicolas Sarkozy, che in barba al trattato di Schengen ha diramato un regolamento molto rigido per l'ingresso in territorio francese. La decisione ha creato nuove tensioni tra Roma e l'Eliseo, che hanno seguito di pochi giorni la rottura diplomatica sul conflitto in Libia. Oggi alla Prefettura di Milano alle 11 Maroni incontrerà il collega transalpino Claude Gueant per un faccia a faccia atteso visti gli sviluppi delle ultime ore.

L'EUROPA CHE NON C'E'
- Come spiega il vicedirettore di Libero, Massimo de' Manzoni, nell'emergenza immigrazione "la Francia si fa parte attiva e respingerà i clandestini alla frontiera anche se dotati di permesso di soggiorno temporaneo, che secondo le regole di Schengen dovrebbe consentire la libera circolazione". La conclusione che si trae da questa vicenda è semplice: "L'Europa dal punto di vista politico non esiste più. Ne dovremo tenere conto quando Bruxelles cercherà di imporci qualche suo nuovo diktat".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FeO

    08 Aprile 2011 - 15:03

    sto leggendo da un pò i commenti sulla crisi immegrazione e sulla telenovele Italia/francia...porgo una domanda a tutti quelli che dicono su a berlusconi, maroni & C. Il centrosinistra, che sembra l'unica forza che può risolvere i problemi italiani, cosa farebbe in questa situazione? Comincerebbe a bombardare i barconi? Si porta a casa in mezzo a mogli e figli i tunisini? il problema è unico, non si è valutato prima di bombardare la Libia le possibili conseguenze, il colpevole non è il centrodestra ma bensì l'asse francia-inglilterra e usa....

    Report

    Rispondi

  • vin43

    08 Aprile 2011 - 10:10

    oppure è la nostra inefficienza e inattitudine a non saper cogliere le occasioni per rilancio dell’economia e del benessere sociale? Il commissario europeo alla politica regionale Johannes Hahn, durante una conferenza stampa tenutasi a Bari, ha detto che la Puglia rischia di perdere 5oo milioni e deve fare in fretta a spendere le risorse comunitarie «in scadenza» al 31 dicembre di quest’anno, pena il disimpegno da parte dell’Ue. La quota ancora da spendere è pari a 1 miliardo e 250 milioni di euro e deve spenderle bene! Credo che molte altre regioni saranno, forse, nella stessa situazione. Se tedeschi, francesi e inglesi “guadagnano” dall’UE, è perché sono più intelligenti di noi. Non si perdono in polemiche sterili e infantili. I soldi che noi non sappiamo spendere, vanno a quei paesi che sono in grado di spenderli e bene. Ricordate a Napoli 700 mila euro per festeggiamenti? Erano parte per l'immondizia! E gli altri soldi? Dovremmo piangere noi stessi!

    Report

    Rispondi

  • Dieguz99

    08 Aprile 2011 - 10:10

    Sarkozy blocca gli immigrati? Non è vero, i tunisini continuano ad entrare in Francia e lo faranno anche nei prossimi giorni e nei prossimi mesi, in barba a qualsiasi divieto. Per quale motivo li abbiamo fatti scappare da Manduria a migliaia, se non per farli andare in Francia? Pensate che, chi è disposto a rischiare la vita per espatriare, si fermi di fronte ad una barriera a Ventimiglia? Questa intransigenza francese è solo di immagine, a fini elettorali. Ai nostri leader non interessa dove vadano effettivamente gli immigrati, a loro importa solo quello che credono gli elettori. Ricordate la pagliacciata di Sarkozy con i Rom? - Sta di fatto, però, che la Francia all’occhio dell’opinione pubblica, si è dimostrata inflessibile e determinata, l’Italia, come al solito, pasticciona. – P.S. Stiamo attenti, non facciamoci influenzare troppo da questo antieuropeismo che, certa stampa, negli ultimi tempi, cerca di inculcarci in modo insistente. A mio avviso, è pericoloso!

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    08 Aprile 2011 - 10:10

    E' indubbio ormai che qui da noi si ragiona sempre al contrario. Per risolvere i problemi occorre tenersi i clandestini e dare invece permessi di soggiorno ai preti ed ai comunisti.Loro possono girare liberamente in Europa,e chissa che non gli venga l'idea di fermarsi in qualche altro stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog