Cerca

In coma 13enne presa a sassate dal fidanzatino

Orrore a Reggio Calabria: dopo un litigio riduce l'amichetta in fin di vita. Lui ha 16 anni. Si è costituito in Questura

In coma 13enne presa a sassate dal fidanzatino
Una ragazzina di appena 13 anni rischia la vita: il suo 'fidanzatino' la ha ridotta così a colpi di pietra. Nel pomeriggio di giovedì i due - lui ha 16 anni - avevano raggiunto la strada che unisce Reggio Calabira con la località montana di Gambaria d'Aspromonte, dove secondo quanto è stato accertato dagli uomini della squadra mobile, i due hanno preso a litigare.

LA DINAMICA - All'apice della lite, il ragazzini ha preso una pietra ed ha colpito la bimba più volte, lasciandola a terra in una pozza di sangue. Il ragazzo si è allontanato di corsa dalla zona subito dopo. La piccola, soccorsa da alcuni automobilisti che inizialmente pensavano ad un incidente stradale, è stata trasportata in rianimazione. Ora si trova in coma. Dopo i primi accertamenti, mentre gli investigatori cercavano di ricostruire l'accaduto, il 16enne si è presentato in Questura insieme ai genitori, dove ha confessato il gesto. Secondo quanto disposto dalla procura per i minorenni, il ragazzo si trova ora in stato di fermo ed è stato trasferito in una struttura di prima accoglienaza per tentato omicidio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo44

    09 Aprile 2011 - 19:07

    L'ha anche coperta con una lastra di pietra per nasconderla e lasciarla morire. Non merita perdono, ma 30 anni di galera .

    Report

    Rispondi

blog