Cerca

"Berlusconi nazista"

Di Pietro attacca Silvio

"Berlusconi nazista"
Di Pietro ancora una volta contro Berlusconi. Dopo la questione delle 'intercettazioni' (mercoleì il leader dell'Idv aveva chiesto al Quirinale di non firmare la legge presentata dalla maggioranza), Antonio Di Pietro torna a scagliarsi contro il presidente del Consiglio, tacciandolo di "ricalcare le orme del nazismo". E così si rivolge ancora una volta al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e lo fa attraverso una lettera aperta: dopo il "massiccio" ricorso a decreti legge e fiducie, aver "occupatol'informazione pubblica e privata in totale conflitto di interessi, mortificato", con il Lodo Alfano "il principio dell'uguaglianza della legge", Silvio Berlusconi si appresta ora a varare un "poker di porcherie", di fronte al quale il presidente della Repubblica non può restare inerte.
Di Pietro si scaglia in particolar modo contro la nomina dei componenti del Cda Rai, la modifica dell'organo di autogoverno della Corte dei Conti, la limitazione delle intercettazioni telefoniche, la modifica dei regolamenti parlamentari (il "poker di porcherie degno del peggior modello argentino"). "Occupando la Rai, i cittadini non potranno più sapere quel che accade nelle segrete stanze del potere e non potranno più esercitare alcun controllo democratico. Modificando i componenti della Corte dei Conti - che ha il compito specifico previsto dalla Costituzione di controllare i conti della pubblica amministrazione - si mette anche tale organismo sotto il controllo dell'esecutivo che, quindi, potrà falsificare a proprio piacimento i bilanci dello Stato senza che nessuno possa impedirglielo. Limitando indiscriminatamente le intercettazioni telefoniche si impedisce alla magistratura di fare il proprio dovere e di contrastare efficacemente la criminalità organizzata. Stravolgendo i regolamenti parlamentari si impedisce all'opposizione di esercitare i suoi diritti costituzionali e si riduce il parlamento a un semplice zerbino dell'esecutivo. Quello che sta avvenendo nel nostro Paese, a opera dell'attuale governo, sembra ricalcare più le orme del partito nazionalsocialista tedesco degli anni '30 che quelle di una democrazia fondata sul diritto. Ciò premesso, le chiediamo di non rimanere in silenzio e di intervenire per evitare questo scempio della democrazia. Prima che sia troppo tardi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ALBERTOCOLOM

    06 Febbraio 2009 - 12:12

    Ma chi gliel'ha data a Di Pietro la patente del moralizzatore? Dice Trilussa (da "Er testamento de Meo der Cacchio") Lascio er pudore de li tempi antichi a un vecchio professore moralista che pe' coprì le porcherie più in vista spojava tutti l'arberi de fichi, e a la fine, rimasto senza foje, lasciò scoperte quelle de la moje. Non capisco come si possa dar credito ad uno di siffatta specie. Al Free

    Report

    Rispondi

  • oroverde

    06 Febbraio 2009 - 11:11

    x suum cuique...... " pare che abbia studiato diritto..." Ma quanto mai???? il tonino nazionale ha cavalcato la tigre del manipulite perchèqualcun altro ( Borrelli: quello si aveva studiato diritto) lo imboccava continuamente, tant'è che si è dovuto dimettere dalla magistratura non appena " il caso" accennava a prendere pieghe diverse.........vivacchiando per un pò a spalle di cun personaggio(ing. ant. d'adamo) che lui aveva inquisito...... e non è neppure un buon poliziotto, fortuna che sia andato via dalla polizia, ne sarebbe stato il disonore. La prova? Tanto per tenere le mani pulite ha fatto eleggere il proprio figliolo alla provincia di Cb perchè potesse tenere le mani in pasta.... adesso spero che gliele mettano dentro due bei braccialetti....

    Report

    Rispondi

  • oroverde

    06 Febbraio 2009 - 11:11

    " Il potere logora chi no ce l'ha" Il famoso motto di GIULIO il grande è attuale più che mai. il bifolco molisano spara a zero nella speranza che intorbidendo le acque non si vedano le schifezze fatte da suo figlio, da lui stesso e da altri componenti del suo partito. Farebbe cosa saggia a tornare in quuel di bisaccia e rimettersi a cesellare le zolle.... per quello non ci vuole intelligenza, con un pò di applicazione ci può riuscire pure un dipietro.

    Report

    Rispondi

  • fioresalvo

    06 Febbraio 2009 - 10:10

    perchè scrivi stupidaggini, scrivi anche sul blog de "Il Mattino" e direi che non sei affatto un elettore di Berlusconi...Sei proprio di sinistra riesci a mentire anche su un blog tanto "LIBERO".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog