Cerca

Benigni è un disco rotto: un altro 'Dante' anti -Cav

Il comico-giullare legge la Commedia e fa il brillante su Ruby, giustizia e Lampedusa: " Torino? Compro casa qui"

Benigni è un disco rotto: un altro 'Dante' anti -Cav
Ennesimo Benigni show, mercoledì sera per l'inaugurazione della Biennale democrazia a Torino. Il Dante Alighieri di giornata e poi, tanto tanto Silvio. Che he fa sempre ridere. Lui. In novemila hanno assistito allo spettacolo dell'attore toscano che all'esegesi del VI canto del Purgatorio alternava continui e puntuali riferimenti all' attualità, con tanto di battute al curaro per il premier Silvio Berlusconi e i suoi ministri.

LA PREGHIERA AGLI ITALIANI - C'è stato anche tempo per rivolgere un appenno agli italiani (accorato, ovviamente): si impegnino e aprano gli occhi sulla realta. "Mamma mia come era impegnato Dante - ha detto - gli voleva bene a questo Paese, lui. Voleva lottare per la democrazia e la libertà. Pensava fosse utile che un galantuomo scendesse in politica, perché c'era un bel casino in quel tempo, parlamentari che si vendevano e passavano da una parte all'altra, e cose di questo genere, roba da Medioevo".

 IMMIGRATI ED EUROPA - "Maroni ha ragione, l'Europa dovrebbe aiutarci e portarci via un pò di tutte queste persone che creano problemi. Per esempio perché non si porta in Francia La Russa? Ma anche, magari Frattini e Cicchitto? Perché dobbiamo tenerceli tutti noi scusate tanto?". E perchè mai? Poi, "
Prima di venire qui ho pensato: cosa posso fare per dimostrare l'amore per Torino? Allora sono andato su internet e ho trovato una villa, palazzo Madama. Ho detto 'la compro', dietro ci faccio un campo da golf. Poi ho visto palazzo Reale e ho detto 'i' ci faccio casino royal...". Cos', Benigni ha parafrasato le frasi del presidente del Consiglio su Lampedusa.

RUBYGATE - Sulla vicenda giudiziaria che tiene banco da mesi, l'attore ha così ironizzato"Berlusconi ha detto che ha dato 45mila euro a Ruby per comprarle un laser depilatorio per non farla prostituire... Ma costa cosi tanto una pinzetta, come si chiama, una ceretta? Ma poi darle 45mila euro per non farla prostituire è come mandare una torta a Ferrara per farlo dimagrire".

GIUSTIZIA -  Su quanto avveniva a Montecitorio, infine, ha detto:  "sul processo breve i parlamentari non stanno votando una legge per liberare Berlusconi, ma per liberare loro stessi da lì... han detto che dopo la mezzanotte prendono mille euro, e fino al mattino cinquemila".





Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • limbara

    17 Aprile 2011 - 10:10

    caro benigni ,alla fine ci farai odiare anche dante

    Report

    Rispondi

  • doblone

    15 Aprile 2011 - 08:08

    I giullari fanno i giullari,ma i politici che fanno solo i loro interessi riescono a infastidirsi anche dalle parole di un giullare

    Report

    Rispondi

  • fslm-milano

    15 Aprile 2011 - 02:02

    Ma per vivere è costretto a fare il comico. E' la mia lettura della laurea "honoris causa" in lettere moderne conferitagli qualche anno addietro da una o anche più università italiane.Con buona pace dei discendenti Gasman , dei Proietti , degli Albertazzi e perfino Dario Fò, tanto per citare qualche analfabeta.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    14 Aprile 2011 - 23:11

    Credo che sia quello di coloro che vogliono farsi passare per colombe quando invece sono peggiori degli altri. I calunniatori; gli untori; gli avari; i mendaci; i narcisi; i lussuriosi e dulcis in fundo i superbi. pensaci bvene - Infine,se Dante classificò questa nostra Italia un bordello, rammenta che anche Tu sei figlio di questo bordello.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog