Cerca

Jamila, battaglia vinta: lunedì torna a scuola

La ragazza pakistana sequestrata a Brescia da 15 giorni perchè voleva vivere all'occidentale. Famiglia convinta da console e polizia / CARIOTI

Jamila, battaglia vinta: lunedì torna a scuola
Pare essersi conclusa a lieto fine la storia di Jamila (pseudonimo), la 19enne pakistana 'segregata' in casa dai familiari  perchè troppo bella.  Lunedì, Jamila tornerà tra i banchi di scuola. Almeno, così promettono la madre e i  fratelli dopo l'incontro di sabato mattina in Questura. Determinante è stato l'intervento del console pakistano, che è riuscito a convincere i fratelli che non avrebbero violato nessun principio dell'Islam se avessero accettato di far frequentare le lezioni a Jamila.  "La famiglia, che considerava disonorevoli le attenzioni ricevute dalla giovane e riteneva di doverla tutelare, si è molto stupita delle parole del console ma allo stesso tempo si è sentita rasserenata - spiega il dirigente della squadra mobile di Brescia - e alla fine ha accettato".  Prima di scomparire, Jamila aveva detto:" Non voglio finire ammazzata". Un déjà-vu che ci ricorda come la libertà delle ragazze musulmane sia anche la nostra. Nel 2009 Sanaa Dafani, marocchina di 18 anni, è stata uccisa dal padre perché voleva vivere con il fidanzato italiano a Pordenone. Nel 2006, a Brescia, Hina Saleem è stata sgozzata dal padre pakistano perché troppo occidentale. Ora, un'altra ragazza rischiava di essere sacrificata all'intolleranza e al fondamentalismo. 

Leggi l'editoriale di Fausto Carioti pubblicato su Libero, nell'edizione di sabato 16 aprile.

Con la stessa determinazione che in questi mesi li ha spinti a ripetere ogni giorno lo stesso sermone sul corpo della donna umiliato dal Sultano Berlusconi, le compagne femministe e i sessantottini convertiti al moralismo si preparano a ignorare la storia di Jamila. Che è un bel po’ più triste e assai più comune di quella di Ruby, ma non fa notizia. Perché ciò che interessa davvero non sono mica i diritti delle donne: il punto è Silvio Berlusconi. Se non serve a sputtanare lui, la questione femminile smette di essere un confine di civiltà. Specie se per affrontarla bisogna avere il coraggio di ammettere che l’origine dello scandalo, in questa come in tante altre vicende, è la medioevale cultura islamica da cui proviene la famiglia della ragazza: esercizio complicato per chi sa dire solo che le culture sono tutte uguali.
Succede a Brescia, non nei sobborghi di Islamabad. Jamila (il nome è di fantasia, bisogna proteggerla) ha 19 anni ed è stata chiusa in casa dai propri genitori e fratelli, musulmani provenienti dal Pakistan. Decisione adottata perché la ragazza ha la grave colpa di attirare gli sguardi dei coetanei maschili. Oltre ad essere carina, Jamila ha un cervello di prima categoria, ma rischia comunque di perdere l’anno scolastico a causa delle assenze. Questo può far scadere il suo permesso di soggiorno: se ciò accadesse, Jamila sarebbe costretta a tornare in Pakistan, dove ad attenderla ci sarebbe probabilmente un matrimonio combinato dai familiari con un uomo che ha il doppio dei suoi anni. Per una che ha visto da vicino la libertà concessa a tanti ragazzi italiani, sarebbe una condanna al carcere a vita. L’unica che s’indigna pubblicamente è Souad Sbai: la deputata del Pdl di origine marocchina denuncia «l’ennesimo scandalo causato dal buonismo multiculturale moderno, che tutto permette e tutto giustifica, sulla pelle della seconda generazione immigrata in Italia». A sinistra, solito silenzio: le uniche donne maltrattate sono quelle che accorrono alla villa di Arcore per mungere le tasche del premier.
Il caso di Jamila non è isolato. Percosse e abusi ai danni delle ragazze da parte dei familiari sono pratica diffusa tra gli immigrati di certe nazionalità. Lo scorso novembre, nel modenese, una ragazza marocchina di 15 anni si è rifugiata al posto di polizia per fuggire dal padre, che l’aveva picchiata ritenendola «troppo occidentale». Un mese prima a Novi, sempre in provincia di Modena, Shahnaz Begum, una madre pakistana che voleva sottrarre la figlia a un matrimonio combinato, è stata ammazzata dal marito mentre la ragazza, per la stessa ragione, veniva pestata dal fratello. Prima, a Fano, era toccato ad Almas, una diciassettenne pakistana: i genitori l’avevano rapita dal centro d’accoglienza al quale la magistratura minorile l’aveva affidata per sottrarla alle botte del padre. Anche Almas si comportava troppo «all’occidentale» e pretendeva di sottrarsi a un matrimonio combinato. Prima ancora c’erano state Saana Dafani, marocchina di 18 anni, uccisa in provincia di Pordenone dal padre perché voleva stare col fidanzato italiano, e la povera Hina Saleem, sgozzata nei dintorni di Brescia dal padre pakistano, che non sopportava di vederla così poco rispettosa della tradizione islamica. E per un omicidio che finisce sulle pagine di cronaca, ci sono migliaia di maltrattamenti di cui non si saprà mai e centinaia di matrimoni combinati che ragazze, talvolta bambine, sono costrette ad accettare per paura.
Un paese che ogni anno riceve decine di migliaia di nuovi immigrati dovrebbe avere il coraggio di spalancare le porte delle case dove vivono Jamila e le altre. Dovrebbe vedere cosa succede in quelle stanze e intervenire quando serve. In Italia si segue invece la strada opposta: si finge che il problema non esista - nemmeno quando è noto a tutti, come nel caso di Jamila - e si abbonda in retorica quando ci scappa il morto. Per poi continuare a commettere gli stessi errori. È il modo migliore perché gli immigrati di seconda generazione non si integrino e crescano come estranei nelle città italiane, finendo per riconoscersi solo nelle prediche di qualche imam fondamentalista. E dalle case ai quartieri il passo è breve: un palazzo dopo l’altro, in Francia e Regno Unito, intere aree del territorio nazionale sono state sottratte al controllo delle leggi dello Stato per finire governate dalle consuetudini islamiche. Salvare Jamila, darle la stessa libertà che abbiamo noi, è anche salvare un pezzo dell’Italia di domani: c’è qualcuno, in parlamento, al governo o altrove, che ha voglia di farlo?

di Fausto Carioti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doris

    18 Aprile 2011 - 08:08

    Questa storia e' a lieto fine? Vorrei sapere quando si spegneranno i riflettori se questa ragazza avra la possibilita di decidere della sua vita:credo proprio di no.Sono pessimista,ma sospetto che fra qualche maese quando i riflettori si saranno spenti, lei sposera quel ragazzo che il padre e i fratelli le hanno destinato.....e niente cambiera'.Abitudini cosi' radicate ci vuole ben altro per cambiarle.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    17 Aprile 2011 - 23:11

    La fine dell'ISLAM avverrà quando le donna prendera' coscenza dell'essere DONNA.

    Report

    Rispondi

  • montecatria

    17 Aprile 2011 - 19:07

    ha ragione l'autore dell'articolo:l'ipocrisia è il vizio peggiore...Jamila dovrebbe tornare in patria se perdesse l'anno scolastico perchè,ormai maggiorenne, perederebbe il diritto al permesso di soggiorno,legato a motivi di studio... Maggiorenne...le 18enni,in base alla Bossi/Fini, perdono il diritto al soggiorno in Italia,se non ci sono per studio,per lavoro,o per poche altre situazioni... , anche se il resto della famigia ha diritto di restarci. Ipocrisia...,visto che ci sono delle 18enni che restano in Italia anche senza queste motivazioni... per es. Karima al-Qualcosa,già nipote di Mubarak:che ci fa ancora in Italia quella donna?E' MAGGIORENNE.va ESPULòSA! In fondo,ci interessiamo di B. perchè lui, proprio lui,non rispetta le leggi che lui e suoi hanno voluto,votato ed approvato,perchè,con la sua condotta,OBBLIGA troppi magistrati ad occuparsi di lui.Ecco perchè detiene la prima pagina,rubandola a notizie più importanti, su Jamila ed altri.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    17 Aprile 2011 - 12:12

    Questo è il risultato dell'avere accettato tra di noi gli islamici. La loro fede fanatica non si esplica solo in dettati religiosi ma in precisi dettati di comportamento sociale, tra i quali la sharia. Violare questi comportamenti per loro vuol dire violare la loro fede fanatica. E' per questo motivo che non si integrano con nessuno nè mai si potranno integrare, non riconoscono alcuna validità nè alle nostre leggi, nè alla ragonevolezza perchè hanno l'obbligo di sottomersi al dettato coranico e non hanno alcun libero arbitrio di coscienza, tant'è che spesso uccidono anche i loro stessi figli che trasgrediscono, nè ci considerano degni di nessun rispetto ma solo dei futuri dhimmi da conquistare e distruggere. In pratica abbiamo degli invasori in casa che aspettano solo il momento giusto per farci la festa e applicare in toto tutto il loro fanatismo, e a nostre spese. Vanno rimandati tutti quanti nelle loro nazioni o i nostri figli si troveranno nei guai causati dalla ns. stupidità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog