Cerca

Sollecito: errore giudiziario

Il diario di Amanda agli atti

Sollecito: errore giudiziario
«Mi ritengo vittima di un errore giudiziario. Mi sembra tutto irreale anche perchè sono del tutto estraneo alla vicenda». È quanto ha detto Raffaele Sollecito, prendendo la parola per rilasciare dichiarazioni spontanee nel corso della seconda udienza che si sta svolgendo questa mattina davanti alla Corte d'Assise di Perugia per l'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa tra l'1 e il 2 novembre del 2007. «Io con questa situazione - ha proseguito Raffaele - non c'entro nulla, non sono una persona violenta e non mi è mai venuto neanche in mente di fare male a qualcuno».
Raffaele ha inoltre affermato di non aver mai conosciuto l'ivoriano Rudy Herman Guede, condannato a 30 anni per il delitto. «Con Amanda Knox avevo un rapporto sentimentale appena cominciato - ha spiegato - Non c'era una conoscenza tale da far pensare a chissà che. Umilmente chiedo di esaminare tutto quello che c'è da dire con attenzione per accertare la verità».
Ilntanto il diario di Amanda farà parte del processo contro di lei.
Lo
 ha deciso la Corte d'Assise di Perugia, respingendo così la richiesta dei legali della ragazza. 
Il memoriale, scritto da Amanda il 6 novembre del 2007 poco dopo il suo arresto, tre pagine e mezza in inglese e poi tradotte in italiano, è stato acquisito agli atti. Nel documento la ragazza dice di essere stata confusa dai carabinieri, che le facevano troppe domande. «E' stata proprio per questa pressione, e dopo tutte le ore di confusione, che dalla mia mente sono venute fuori queste risposte. Nella mia mente ho avuto dei flash in cui vedo Patrick in immagini confuse. L'ho visto vicino al campetto di basket. L'ho visto vicino alla porta di casa. Mi sono vista rannicchiata in cucina con le mani sopra le orecchie perché nella mia testa ho sentito Meredith gridare, ma ho detto questo molte volte in modo da chiarirlo a me stessa». Tutte cose che, aggiunge, «mi sembrano irreali, come un sogno, e non sono sicura se siano realmente successe o siano soltanto dei sogni che la mia mente ha creato per tentare di rispondere alle domande che avevo in testa e alle domande che mi sono state poste. Ma la verità è che non sono certa della verità». «C'è una cosa che dentro di me penso sia vera, ma c'è anche un'altra possibilità che potrebbe essere vera e, onestamente, non posso dire con certezza quale sia quella giusta. Sto cercando veramente di farlo perchè ho paura per me stessa. So di non aver ucciso Meredith. Questo è quello che so per certo». 
«A questo punto - scrive ancora - la mia testa è piena di idee contrastanti e mi dispiace di essere incapace di gestirle. Tutto quello che ho detto riguardo il mio coinvolgimento nella morte di Meredith, sebbene contrastante, è la migliore verità che io sono stata in grado di pensare. All'inizio ero spaventata, offesa e confusa - aggiunge - ma, con il tempo, sono sopraggiunti lo shock e il panico e ho cominciato a cercare di pensare ad altre spiegazioni ed è perchè devo pensare in questo modo che mi sento in contrasto con me stessa».
 «Mi mancano ancora delle parti, e so che questo non mi aiuta. Ma questa è la verità e questo è ciò che penso in questo momento. Vi prego, non prendetevela con me - scrive ancora, rivolgendosi agli inquirenti - perché ciò mi rende soltanto più confusa e non giova a nessuno. Capisco quanto sia grave questa situazione, e proprio per questo voglio che queste informazioni siano più chiare possibili. Se ci sono ancora parti che non hanno senso, per favore chiedetemele. Sto facendo del mio meglio, proprio come voi. Vi prego, credetemi almeno in questo, sebbene vi capisco se non lo fate. Tutto quello che so è che non ho ucciso Meredith e quindi devo temere soltanto le bugie».
«Il mio ragazzo mi accusa di aver detto cose che io so che non sono vere. So di avergli detto che non dovevo lavorare quella notte. Ricordo quel momento molto chiaramente. Non gli ho mai chiesto di mentire per me. Questa è veramente una bugia. Ciò che non comprendo - scrive - è perché Raffaele, che è stato sempre così premuroso e gentile con me, dovrebbe mentire riguardo a questo. Che cosa ha Raffaele da nascondere? Non penso che abbia ucciso Meredith, ma penso che sia spaventato come me. Si è trovato in una situazione in cui non avrebbe mai pensato di trovarsi e forse sta tentando di trovare una via d'uscita prendendo le distanze da me. Onestamente capisco che questa sia una situazione spaventosa».
Amanda ricostruisce poi ancora una volta la giornata del 1° novembre, cambiando nuovamente versione. Ad esempio quando parla della cena con il suo fidanzato. «Una delle cose di cui sono sicura che sono accadute la notte in cui Meredith è stata uccisa è che io e Raffaele abbiamo mangiato abbastanza tardi, penso circa alle 11, anche se non posso esserne certa perché non ho guardato l'orologio». E a proposito di quella sera aggiunge: «Dopo cena ho notato un po' di sangue sulla mano di Raffaele, ma ho avuto l'impressione che si trattasse di sangue proveniente dal pesce».

«Chi è il vero assassino? Questo è particolarmente importante perché non credo che io possa essere usata, in questo caso, come testimone che condanna. Nei flashback che sto avendo - scrive - vedo Patrick come l'assassino, ma il modo in cui la verità appare nella mia mente non c'è modo per me di appurarla, perché non ricordo con certezza se io fossi a casa mia quella notte».

Poi cambia argomento e dice: «Le domande che necessitano di una risposta, almeno per quello che penso io, sono: perché Raffaele ha mentito? Perchè penso a Patrick? E' affidabile la prova che io mi trovavo a quell'ora nel luogo del crimine, e, se così è, che cosa dire dei miei ricordi, sono affidabili? Ci sono prove che condannano Patrick o un'altra persona?». E poi l'ultima: «Chi è il vero assassino?».

La sera dell'omicidio di Meredith, Amanda sostiene di essere stata a casa di Raffaele Sollecito, il suo fidanzato, ma non ricorda a fare cosa: «Forse ho controllato la mia e-mail, forse ho letto o studiato o forse ho fatto l'amore con lui». Nel documento dice di aver visto Meredith «giovedì 1° novembre per l'ultima volta a casa mia quando è uscita intorno alle 3 o le 4 del pomeriggio. Raffaele era con me in quel momento. Noi, io e Raffaele, siamo rimasti a casa un po' più a lungo e, verso le 5 di pomeriggio, siamo usciti per andare a vedere il film "Amelie" a casa sua. Dopo il film ho ricevuto un messaggio da Patrick, per il qualelavoro al pub "Le Chic". Nel messaggio mi diceva che non era necessario che andassi a lavorare quella sera perché non c'era nessuno. Adesso ricordo anche di avergli risposto con il messaggio: "Ci vediamo. Buona serata!", e questo per me non significa che lo avrei incontrato immediatamente. In modo particolare perché ho detto: "Buona serata"».

«Ciò che è successo dopo non concorda con ciò che dice Raffaele, ma questo è quel che ricordo», prosegue,  e poi: «So che Raffaele ha fornito prove contro di me, affermando che sono uscita da casa sua la notte dell'omicidio. Ho detto a Raffaele che non dovevo andare a lavorare e che potevo restare a casa la sera. Dopo questo credo che ci siamo un pò rilassati insieme nella sua stanza, forse ho controllato la mia e-mail, forse ho letto o studiato o forse ho fatto l'amore con Raffaele. Infatti penso di aver fatto l'amore con lui».

«Tuttavia ammetto che in questo lasso di tempo è tutto piuttosto strano perché non sono del tutto sicura. Ho fumato della marijuana con lui e potrei essermi addormentata. Di queste cose non sono sicura e so che sono importanti sia per il caso che per aiutare me stessa, ma, in realtà, non penso di aver fatto molto. Una cosa che ricordo è che ho fatto la doccia con Raffaele, e questo potrebbe spiegare come abbiamo trascorso il tempo. In realtà non ricordo esattamente che giorno fosse, ma ricordo che abbiamo fatto la doccia e ci siamo lavati per parecchio tempo. Lui mi ha pulito le orecchie, mi ha asciugato e spazzolato i capelli».

Nel memoriale aggiunge di essere sicura di aver cenato con Raffaele «abbastanza tardi, circa alle 11», e che «dopo aver mangiato, Raffaele ha lavato i piatti, ma i tubi sotto il lavandino si sono rotti e l'acqua ha allagato il pavimento. Ma siccome non aveva un mocio ho detto che avremmo potuto pulirlo il giorno dopo perché noi (Meredith, Laura, Filomena e io) abbiamo un mocio in casa. Ricordo che fosse abbastanza tardi perché eravamo entrambi molto stanchi (sebbene non possa dire l'ora). La cosa successiva di cui mi ricordo è quando mi sono svegliata, la mattina di venerdì 2 novembre attorno alle 10, e ho preso una busta di plastica per riportare i vestiti sporchi a casa mia. E' stato allora che io sono arrivata a casa da sola e ho trovato la porta di casa spalancata e tutto questo ha avuto inizio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    06 Febbraio 2009 - 13:01

    se avesse pensato meno con il proprio organo riproduttivo ed avesse usato la testa prima di frequentare amanda non sarebbe in questa situazione. E se è in questa situazione deve ringraziare tutti quelli che l'hanno difeso fino adesso per il buon nome della sua famiglia.

    Report

    Rispondi

blog