Cerca

L'arma di Gheddafi Da Libia sbarcano a Lampedusa in 760

Sbarcata una carretta del mare, a bordo 62 donne e 17 bambini. L'Europol: "Rischio di presenze di terroristi". E' la strategia del Raìs

L'arma di Gheddafi Da Libia sbarcano a Lampedusa in 760
Chiuso il conto con la Tunisia, si apre quello con la Libia. Intorno alle 14 è arrivato a Lamedusa un barcone con a bordo circa 760 immigrati, partito due giorni fa dalle coste libiche. Tra di loro 62 donne (molte incinte) e 17 bambini, alcuni dei quali neonati. Fino ad ora sono scesi a terra in 400, ma la stiva della "carretta", un vecchio motopesca in ferro di circa 25 metri, ne contiene ancora centinaia di persone.

ALLARME TERRORISMO - Non c'è pace, dunque, per Lampedusa, anche perché con l'arrivo di migranti ritorna lo spauracchio del terrorismo. Secondo l'Europol tra le migliaia di clandestini arrivati e in arrivo dal Nord Africa si potrebbero nascondere inflitrati del fondamentalismo islamico. E' il succo del rapporto annuale sulle minacce terroristiche che ha presentato questa mattina al Parlamento europeo l'agenzia di sicurezza: "Gli attuali e futuri flussi di migranti in provenienza dal Nord Africa potrebbero avere influenza sulla situazione della sicurezza in Europa - avverte l'agenzia europea di polizia -. Individui con obiettivi terroristici potrebbero facilmente entrare in Europa tra il gran numero di immigrati". L'Europol ha ricordato che nel 2010 sono stati arrestati in Europa 179 presunti terroristi islamici, il 50% in più rispetto all'anno precedente. E quasi la metà degli arrestati preparava attacchi in territorio europeo, contro il 10% di quelli bloccati nel 2009.

BARCONE DALLA TUNISIA - Nella notte, nel frattempo, è arrivato a Lampedusa anche un nuovo barcone proveniente dalla Tunisia. Dopo una tregua durata tre giorni dovuta alle cattive condizioni meteorologiche, intorno alle due la Guardia di Finanza ha soccorso 54 tunisini su una piccola imbarcazione al largo dell'isola. Tra loro ci sono molti minori e due donne. Proprio oggi si sarebbe dovuto svuotare il Centro d'accoglienza con il rimpatrio di 60 tunisini.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberocomment

    20 Aprile 2011 - 08:08

    e diciamo le cose come stanno. La frottolina che Gheddafi ci manda i clandestini non se la beve piu' nessuno. Semplicemente non li ferma piu' come faceva prima, non importa se perche' non vuole o non puo'. Di certo c'e' che non li fermeranno certo i ribelli. Unica vera soluzione al problema (e anche unica cosa dignitosa per l'Italia) e' ripristinare Gheddafi al suo posto e combattere quell'accozzaglia senza credi ne' futuro che sono i ribelli. E piantiamola per piacere di tirare fuori qualsiasi scusa per giustificare le scelte sbagliate del governo: lo abbiamo appoggiato su tutto, anche sulla giustizia. Ma questa guerra non sara' perdonata alle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    19 Aprile 2011 - 23:11

    Questo è proprio il punto focale. La destra sta mostrando tutti i suoi limiti, specie maroni e frattini, molto deludenti. Ma figuratevi quando saranno al timone i compagni (che temo ce la faranno), quanta di questa gentaglia arriverà, di sicuro ancora più di adesso e con grandi comitati di accoglienza. Siamo rovinati, a meno che in queste settimane qualcuno al governo prenda una decisione seria, ma chi??

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    19 Aprile 2011 - 20:08

    il Governo Italiano riveda la sua posizione sull'intervento in Libia, lo riveda come risposta al Rais facendo ciò che sta facendo la Francia. Gheddafi organizza gli imbarchi per farci arrivare i clandestini, magari facendosi pagare come il raket dei scafisti in Tunisia, noi gli sganciamo qualche bombetta vicino casa sua. Vuole fare il furbo ed approfittare dei clandestini, noi pattugliamo pure le coste Libiche insieme alla Francia e qualche bombetta vicino la tenda del Rais. Non credo ci possano essere altre soluzioni ne la possibilità di accordi, quindi si risponda per le rime al dittatore.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    19 Aprile 2011 - 18:06

    hanno frequentato corsi di terrorismo nelle scuole di gheddafi? quanti di questi possono essere sotto ricatto del mostro libico che potrebbe tenere in ostaggio parenti di questi disgraziati?gli italiani si sono rotti senza distinzione di appartenenza politica ; per le strade , dappertutto , la voce è univoca: basta con questa invasione selvaggia . Solo i politici senza più distinzione hanno calato il capo ed accettano questo sconcio solo per evitare di darsi battaglia su un altro argomento e rinfacciarsi accuse di razzismo ed altre str.... Attento governo ,è intenzione di molti disertare le urne , così si da fiato all'estrema sinistra che sa come allineare le sue galline e mandarle a deporre le uova.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog