Cerca

Russo camorrista per Saviano. Polizia lo sospende per 6 mesi

Il pugile debutta al cinema e le Fiamme Oro non gradiscono: "Oltre al contenuto, doveva chiederci il permesso per girare"

Russo camorrista per Saviano. Polizia lo sospende per 6 mesi
La Polizia non gradisce la sua performance per il grande schermo e lo sopende: questa la disavventura occorsa a Clemente Russo, pugile di Caserta vincitore della medaglia d'argento alle Olimpiadi di Pechino 2008 per la categoria pesi massimi. Russo sarà protagonista del film Tatanka scatenato, versione cinematografica di un racconto di Roberto Saviano ed ispirato alla biografia dello stesso pugile. Il racconto, contenuto nella raccolta La bellezza e l'inferno, trae il suo titolo proprio dal soprannome di Russo, ovvero Il bisonte - Tatanka.

CLEMENTE CAMORRISTA PENTITO - Nel lungometraggio, in uscita il 6 maggio 2011, Russo interpreta il ruolo di un giovane di Marcianise che grazie alla boxe trova la redenzione, abbandona la strada della camorra ed entra in polizia. Nulla di male, sembrerebbe. Eppure i colleghi di Clemente, in forza alle Fiamme Oro, non hanno gradito la performance. Sotto accusa, secondo la denuncia de Il mattino, alcune scene troppo sopra le righe, tanto esplicite da danneggiare l'immagine della Polizia.

POLIZIA: "IL FILM NON C'ENTRA, DOVEVA CHIEDERE IL PERMESSO" - Pronta è arrivata la smentita del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. All’origine del provvedimento non sarebbe il contenuto del film, bensì la mancata richiesta di autorizzazione a prendervi parte: "Il film in sè non c'entra - sostengono al Dipartimento -: Russo, al quale in passato fu permesso di partecipare al reality La Talpa, ha deciso di prendere parte ad un’iniziativa per la quale non era stato autorizzato". Dunque il motivo della sospensione sarebbe puramente comportamentale: "Russo è un assistente della Polizia di Stato in forza alle Fiamme Oro. Persegue i valori della legalità attraverso lo sport così come qualsiasi poliziotto fa lo stesso attraverso il proprio lavoro quotidiano. Chi vince una medaglia olimpica soggiace alle stesse regole comportamentali di tutti i poliziotti italiani. Si tratta di porre tutti sullo stesso piano: vincere una medaglia alle Olimpiadi - aggiungono al Dipartimento di Pubblica sicurezza- non rende nessuno di per sè 'legibus solutus' e  'autorizzazione la devono chiedere tutti, da Russo all’assistente anonimo di Polizia che magari si fa un anno di appostamenti per catturare un latitante".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giggino1977

    20 Aprile 2011 - 10:10

    ...E logico che dovevi informare i tuoi vertici no ? ...Vabbè tranquillo, il mosè d'Italia saviano & c. risolveranno tutto presto presto. P.S. spero che almeno ti hanno doppiato, perchè non ti si puo sentire parlare in Italiano.

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    20 Aprile 2011 - 10:10

    Bene hanno fatto i responsabili di Russo, e lo hanno fatto anche nell'interesse di Russo per fargli comprendere meglio il valore dell'appartenenza.

    Report

    Rispondi

  • roberto-1943

    19 Aprile 2011 - 19:07

    come qualunque tutore dell'ordine sa perfettamente che le leggi e i regolamenti sono fatti per essere rispettati, da tutti anche se vincitori di medagle al merito sportivo. Giusto che venga punito per quello che ha fatto

    Report

    Rispondi

  • cv

    19 Aprile 2011 - 18:06

    Le motivazioni devono ben fare riflettere: "chi è poliziotto non deve col suo comportamento creare nocumento all'immagine della polizia.... chi vince una medaglia soggiace alle stesse regole degli altri poliziotti e non è 'legibus solutus'." Ma che dire di Mr B che col suo comportamento privato e pubblico sta nuocendo all'Italia intera dandone un'immagine assai deleteria e che ritiene che essere eletto lo renda al di sopra di tutto e di tutti?

    Report

    Rispondi

    • jetstream

      26 Aprile 2014 - 12:12

      i cavoli a merenda : oggi il mio cane ha fatto la pipì contro un palo invece che contro un albero. ma che dire di Mr B che non ci dice dove Dudù fa la popo nuocendo così all'Europa intera.

      Report

      Rispondi

blog