Cerca

Cuffaro, i giudici: "Accordo col boss per farsi eleggere"

La Cassazione deposita le motivazioni della sentenza. Guai in vista per il ministro Romano: "C'era anche lui a chiedere aiuto ai mafiosi"

Cuffaro, i giudici: "Accordo col boss per farsi eleggere"
"Salvatore Cuffaro sapeva di aver stretto un patto con la mafia". Questo si legge nelle 215 pagine di motivazioni depositate mercoledì 19 aprile dalla Cassazione per spiegare la sentenza dello scorso 21 febbraio. In tale data, giudici della Suprema Corte hanno reso definitiva la condanna a 7 anni di reclusione per l'ex-governatore della regione Sicilia, accusato di favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra.

CASSAZIONE: "ACCORDO MAFIA-POLITICA" - Totò Cuffaro aveva dato vita ad un "patto mafia-politica" e gli episodi nei quali è rimasto coinvolto dimostrano che "in più occasioni ebbe modo di agevolare l’organizzazione mafiosa". Nelle sue motivazioni, la Cassazione parla di un "accordo criminoso ben preciso" fra settori corrotti dell'amministrazione pubblica ed organizzazioni malavitose locali al fine di favorire l'elezione di un politico compiacente.

"CON CUFFARO E I MAFIOSI C'ERA ANCHE ROMANO" - La sentenza 15583, sposando in pieno la tesi sostenuta dalla Corte d’appello di Palermo il 23 gennaio 2010, ha tenuto a precisare che agli incontri di Cuffaro con esponenti mafiosi sarebbe stato presente anche il neo-ministro dell’Agricoltura, Saverio Romano. In particolare, riferendo degli incontri con Angelo Siino, la Cassazione sottoscrive il giudizio dei colleghi in merito alla campagna elettorale per le elezioni regionali del 1991 nelle quali Cuffaro era candidato. "In tale occasione Cuffaro - ricorda la Corte - ammetteva di essersi recato, insieme a Saverio Romano, dal Siino per chiedergli sostegno alla propria candidatura".  Tra l’altro, annota ancora la Cassazione, "Angelo Siino,  successivamente al 1991 tratto in arresto e poi divenuto collaboratore di giustizia, ha riferito della visita degli allora giovani Cuffaro e Romano nella quale entrambi gli chiedevano apertamente sostegno elettorale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpion

    20 Aprile 2011 - 10:10

    Certo che vedere che proprio lei chiama altri esseri viventi decerebrati è la dimostrazione che nell'universo c'è molta ironia e che in questa società c'è troppa autoindulgenza. Ancora non si è reso conto di essere la barzelletta di questo spazi, per di più di fronte a centinaia di migliaia di persone. Per carità,non credo sia diverso da ciò che succede nella realtà, ma almeno, la prego, non cerchi di convincersi del contrario, abbia un pò di rispetto. Si renda conto che come elettore PdL lei non può pretendere più di tanto da se stesso.

    Report

    Rispondi

  • roccomartorana

    19 Aprile 2011 - 20:08

    Inoltre stiamo parlando di elezioni nel 1991 quando questo signore era uno stimato imprenditore correva con le porsche, da qualche hanno si scopre delinquente, e sopratutto dimenticano anche di scrivere nella sentenza che lo stesso siino non lo appoggio, e mi chiedo allora chi appoggiò, e come mai colui che appoggio non interessa a nessuno, mentre chi non viene appoggiato elettoralmente viene condannato??? Siccome siamo non in italia ma la statistica mondiale dice che per giustizia siamo doetro l'angola che vogliamo per cui rispettare le sentenze fino ad un certo punto. saluti

    Report

    Rispondi

  • siderum83

    19 Aprile 2011 - 19:07

    che dalla risposta che ti sei dato il disturbo di formulare ho la sensazione che di materia cerebrale mancante ne sai parecchio anche tu. Cosa significa questo (ormai banale) discorso del "tanto anche da voi succede"?! Se dovesse realmente accadere che andassero in galera anche quelli di sinistra, chiaro! Per il momento, tuttavia, si parla di Cuffaro e Romano...e quindi abbiate almeno la decenza di tacere! Saluti.

    Report

    Rispondi

  • jack1

    19 Aprile 2011 - 18:06

    fanno letteralmente pisciar dal ridere .....il bello è che ci sono una sbaraccata di sinistrati decerebrati che non sanno contare neanche le dita che hanno in una mano ..... Chissà, varrà lo stesso metro anche in campania con l'ndrangheta alla corte dei Bassolino e Jervolino .......e in Puglia Vendola????? A no , loro no, non sono mica del cdx...... in mezzo a sti decerebrati facciamoci una rista sopra in attesa delle elezioni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog