Cerca

Padova, colpito con catene un consigliere

Appoggiava una lista civica vicina al Pdl. I ragazzi del centro sociale lo hanno accerchiato e picchiato. Ora è al pronto soccorso

Padova, colpito con catene un consigliere
Vittorio Aliprandi, consigliere comunale di centrodestra, è stato aggredito di fronte al Duomo di Padova da giovani armati di catene. Ad accerchiarlo sarebbe stato un gruppo di ragazzi del centro sociale Pedro. Con il consigliere c'era anche il figlio 24enne, entrambi sono rimasti contusi nello scontro e poi ricoverati in osservazione al Pronto Soccorso dell'ospedale di Padova. La Digos ha subito individuato e fermato due aggressori, che sono stati portati in questura.

I PRECEDENTI - Fra Aliprandi e i ragazzi del centro sociale c'era già più di qualche ruggine. Lo scorso sabato 9 aprile Aliprandi e il figlio si erano scontrati con i pedrini prima di una manifestazione sul precariato, poi annullata perché i giovani del centro sociale avevano sfasciato un banchetto di raccolta firme della Lega Nord.

CONDANNATO PER LA CAMPAGNA ELETTORALE - Il consigliere Aliprandi, eletto nelle fila della lista "Per Marco Marin" vicina al Pdl, è stato condannato a 10mila euro di sanzioni e al divieto di fare campagne elettorali per tre anni per frasi razziste scritte su Facebook contro i Rom. E' probabile che anche questa condanna abbia influito sulla rabbia dei pedrini.

SOLIDARIETA' LEGA - "È molto grave quanto accaduto oggi a Padova al consigliere comunale Vittorio Aliprandi, a cui esprimo la mia personale solidarietà. È un fatto esecrabile che ci riporta al clima di anni passati che vogliamo non ritornino più", questo l'intervento del governatore della regione Veneto Luca Zaia. Stessa partecipazione è stata espressa dal ministro dei Beni Culturali Giancarlo Galan: "Al consigliere va tutta la mia solidarietà per la vile aggressione subìta da parte di alcuni esponenti dei centri sociali. Questa esasperazione è il frutto di una politica che l'estrema sinistra vuole instaurare in tutto il paese e a cui tutte le istituzioni veramente democratiche si opporranno sempre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    22 Aprile 2011 - 14:02

    Io penso che giggino1977 avrebbe preferito risparmiarsi gli improperi, in cambio di cinque minuti a disposizione con quei antiberlusconiani.Cosa ho voluto dire?Si accontenti di qualche imprecazione,l'alternativa è peggio.

    Report

    Rispondi

  • schnee

    22 Aprile 2011 - 11:11

    In poche righe hai dato un'impietosa, ma reale, fotografia del nostro Paese. Non so se riderci su, oppure in maniera più sommessa, piangerci.. Sai di questi tempi scrivere come hai scritto tu, porta molte inimicizie. Da parte mia hai il sostegno e, telematicamente parlando, la mia amicizia e condivisione di vedute. Ti saluto cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • Lillognogna

    22 Aprile 2011 - 11:11

    Hai scritto questa frase: Che gentaglia sti antiberlusconiani comunisti di m...! Penso che potevi proprio risparmiartela. La violenza non è fatta solo di sprangate. Anche le parole a volte posssono essere molto violente. E le offese gratuite non ti danno più ragione.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    22 Aprile 2011 - 10:10

    Come mai in questo caso nessuno si indigna? Napolitano,l'indignato speciale,come mai tace? E quelli della cosiddetta destra,che fanno,sono diventati muti,oppure non hanno a disposizione organi di stampa,Tv,presidenti di questo o quello,direttori di TV ,di testate giornalistiche,centri sociali antagonisti etc? Tutto è nelle mani delle sinistre allora e dei nemici del PDL o della lega? Dove stanno i "bergamaschi" e gli schioppi che millanta Bossi? Gli è che di sicuro ci sono le bande comunfasciste che bastonano di qua e bastonano di là,restando impuniti. Prova ne sia il razzo che colpì il sindacalsita CISL Bonanni,per fortuna al petto. Che fine ha fatto quella pasionaria? Tutto tace,anche il sommo colle. Ed ecco anche la riprova che quando a Catanzaro è stato picchiato il povero bimbo italiano da due rom,nessuno si è strappato le vesti,una notizia come un'altra. Se invece solo insulti i rom,vieni bastonato dai tuoi connazionali. Una porcheria schifosa,vomitevole e ributtante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog