Cerca

Ciancimino ai pm: "Pizzini falsi? Non ne so nulla"

Interrogato per tre ore. Perquisita la sua casa: esplosivo in giardino. Ingroia: "Attendibile ma forse manovrato"

Ciancimino ai pm: "Pizzini falsi? Non ne so nulla"
"Non so nulla, non ho falsificato alcun documento". Massimo Ciancimino respinge così le accuse di calunnia aggravata nei confronti dell'ex capo della Polizia Gianni De Gennaro che hanno portato al suo arresto, giovedì a Bologna mentre stava partendo per le vacanze in direzione Francia. In tre ore di interrogatorio a Parma davanti ai pm palermitani Antonio Ingroia e i sostituti Nino Di Matteo e Paolo Guido, Ciancimino si è detto estraneo alla contestata falsificazione di un "pizzino" la cui fotocopia, secondo gli inquirenti, sarebbe stata manomessa con l'aggiunta artificiosa del nome di De Gennaro. "Ho presentato tantissimi documenti. Di moltissimi non conosco l'origine", ha risposto Ciancimino, supertestimone e sostenitore del teorema delle trattative tra Stato e mafia negli anni Novanta. Il gip di Parma deciderà domani sulla convalida del fermo e sull'eventuale misura cautelare.

LA PERQUISIZIONE - Nelle stesse ore in cui Ciancimino veniva interrogato, la sua casa palermitana veniva perquisita. Nel giardino dell'abitazione di via Torrearsa gli agenti hanno rinvenuto, nascosto, dell'esplosivo inviato "una settimana fa", come ammesso dallo stesso Ciancimino nel corso dell'interrogatorio. Il destinatario non avrebbe detto nulla "per non creare allarmismi in famiglia". L'esplosivo, dei candelotti collegati a dei fili, sarebbe stato prima immerso nell'acqua e poi interrato nel giardino dove l'hanno trovato gli artificieri della Polizia scientifica insieme a personale della Dia.

GLI ERSERCIZI DI STILE DI INGROIA - Il procuratore aggiunto Antonio Ingroia, il giorno successivo all'arresto dell'eroe di Annozero e degli anti-Cav Ciancimino, si spinge ad ipotizzaare l'esistenza di quello che definisce un "puparo" dietro al 'superteste' finito in manette con l'accusa di aver falsificato i pizzini che 'inchiodano' l'ex capo della Polizia, Gianni De Gennaro. "E' una cosa che si può pensare", spiega il pm riferendosi all'esistenza di un 'grande vecchio' dietro al figlio di Vito, ex sindaco di Palermo. Ma gli esercizi di stile di Ingroia non terminano con la prima dichiarazione. La toga infatti si spinge a sottolineare che "ci sono dichiarazioni di Cincimino che stanno in piedi a prescindere dalla sua attendibilità generica e che sono riscontrate da elementi specifici". Ingroia, incalzato dalla domande dei giornalisti, deve ammettere che "è chiaro che la credibilità di Massimo Ciancimino adesso è minata, l'accusa di calunnia pluriaggravata non è acqua fresca". "Se c'è una calunnia - prosegue Ingroia - sarei più preoccupato di scoprire se sono stato raggirato senza essermene reso conto. Quando i fatti si scoprono e si contribuisce alla verità non c'è motivo di preoccuparsene".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    23 Aprile 2011 - 17:05

    Se questo è il tuo giudizio sui furbastri togati, il giorno prima di Pasqua ( in pieno periodo del perdono) figuriamoci quando sarà passata la festa.Buona festa,buon pranzo e buona ........ ( non si può dire) Ciao Tigrin.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    23 Aprile 2011 - 14:02

    Sono solo calunnie.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    23 Aprile 2011 - 14:02

    Quando ero solo un ragazzino restavo affascinato da carosello in tv. Mi piaceva soprattutto quello dell'omino primitivo con la clava che veniva multato dal vigile perchè attraversava fuori le strisce pedonali e con il semaforo rosso. "Ma da dove viene lei", lo rampognava il vigile: "mi non so ,mi son furesto,rispondeva quello,per me tutto va ben,tutto fa brodo" .Aseguire la musichetta,"non è vero che tutto fa brodo,è Lombardi il vero buon brodo etc.". E così Ciancimino,l'ultimo rampollo dell'onorata famiglia,tanto caro a certi PM che con le sue panzane,stanno imbastendo la ragnatela con cui catturare il reprobo Berlusconi.Ora,preso con le mani nella marmellata,con il suo papiello taroccato,fa come l'omino del brodo Lombardi: "mi nun so, mi son furesto,così come trovai il papello, così l'ho portato ai Pm. Non su' stato io, a scrivere il nome di De Gennaro, so niente, mi son furesto". Ci saràun PM chi gli crederà all'omino primitivo?

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    23 Aprile 2011 - 12:12

    da un capo talebano con un fascio di carta smisurato che esibisco come urcarivelazione e prova risolutiva di chissà quali misfatti. Il pupazzone sentenzia ipso facto che è tutta roba prelibata da degustare con estasi finché non viene messo davanti all’evidenza che è lardellata di falsi. Allora faccio spallucce e, con qualche lacrima di circostanza, dico che si tratta di uno stock di merce assortita di cui per giunta non so neppure la provenienza e il Dottore Ingoia ingoia e sostiene che sono e rimango la bocca della verità, guarda caso perché sono manna per la feroce guerra di fiancheggiamento politico che neppure ha la decenza di tenere in doveroso riserbo ma che ostenta addirittura in pubblici comizi. E poi c’è chi storce il delicato nasino per il tanfo del chiusino ambrosiano rovesciato da Lassini e bisognerebbe pure starne a sentire gli sdegnati squittii senza batter ciglio. La cloaca togata gemella i flussi escrementizi di Palermo e di Milano, altro che! Anima cattiva

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog