Cerca

Ascoli: su Carmela 35 coltellate, anche dopo morte

Trovata seconda sim card, cellulare spento dopo aggressione. La donna non è stata uccisa a Ripe di Civitella

Ascoli: su Carmela 35 coltellate, anche dopo morte
Melania è stata accoltellata 35 volte, anche dopo il decesso, che non è avvenuto a Ripe di Civitella. Con sé aveva due sim card, una addosso e una nel cellulare, che è stato spento dopo l'aggressione. Sono le novità che filtrano dalle indagini sull'omicidio della 29enne Carmela 'Melania' Rea, scomparsa lunedì pomeriggio da Colle San Marco ad Ascoli Piceno e ritrovata mercoledì a Ripe di Civitella, nel Teramano.  La seconda tessera sim è stata rinvenuta fra gli indumenti della donna. Il cellulare aveva ormai la batteria scarica, ma la nuova card, di cui il marito non era a conoscenza, potrebbe fornire elementi utili per ricostruire gli spostamenti della donna. Altro indizio: il cellulare sarebbe stato spento dopo l'accoltellamento.

CORPO SPOSTATO - L'autopsia terminata giovedì21 all'istituto di medicina legale ha chiarito che Melania non è stata uccisa nel luogo del ritrovamento. La donna è morta di dissanguamento a seguito delle 35 coltellate che le sono state inferte, la maggior parte delle quali alla gola, mentre alcune sono arrivate dopo la morte. A Ripe di Civitella, tuttavia, non vi sono tracce di sangue, il che ha portato gli ispettori del Ris ad ipotizzare uno spostamento del cadavere. Melania sarebbe stata uccisa altrove e poi trasportata in quell'area pic nic poco frequentata, probabilmente da quella stessa persona che ha poi consentito il ritrovamento del cadavere telefonando ai carabinieri da una cabina pubblica di Teramo.

FORSE DROGATA -
Melania potrebbe anche essere stata drogata, legata e imbavagliata. Per avere la risposta si attendono i risultati degli esami sul liquido presente nelle siringhe che Carmela Rea aveva conficcate nel seno e nel pube. E' stato comunque chiarito che non vi sono tracce di violenza sessuale, solo sevizie. Carmela è infatti stata picchiata, il suo volto sfigurato e sul collo e sulla coscia sono state incise svastiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • saraelle

    23 Aprile 2011 - 09:09

    Queste nuove notizie inquadrano meglio la situazione e confermano i dubbi che personalmente ho avuto fin dal primo momento sulla dinamica della scomparsa. Penso che se l'indagine andrà avanti ne arriveranno anche altre. Molto probabilmente la cosa si è svolta in modo un po' diverso da come è stato detto all'inizio: la prima versione, cioè un agguato di un serial killer a una persona asssentatasi un attimo per andare in bagno, francamente non è molto credibile...

    Report

    Rispondi

blog