Cerca

Il prof fa cantare Faccetta Nera: "La storia con la musica"

I genitori non vogliono che i figli intonino motivi fascisti. Ma nel repertorio c'è anche 'La canzone del Piave'

Il prof fa cantare Faccetta Nera: "La storia con la musica"
Il Prof fa cantare Faccetta Nera e i genitori insorgono. Dopo la polemica sui libri di testo comunisti portata avanti dalla deputata Gabriella Carlucci e l'invito di Silvio Berlusconi a non lasciare che i ragazzi vengano indottrinati dai professori di sinistra, Il Mattino di Padova racconta una nuova vicenda che rischia di aumentare la tensione.

CONTESTUALIZZARE CON LA MUSICA - Come riporato da Il Mattino, nell'istituto secondario inferiore Monte Grappa di Pove del Grappa, provincia di Vicenza, il professore di musica affianca le lezioni di storia con l'insegnamento di canzoni coeve. Così, per parlare ai ragazzi della conquista dell'Abissinia da parte dei fieri legionari in camicia nera, il professore ha distribuito ai ragazzi gli spartiti di Faccetta Nera e Giovinezza. "La storia va contestualizzata con la musica", spiega il quotidiano veneto.

C'E' ANCHE LA LEGGENDA DEL PIAVE - Anche la scuola si difende, con le parole dello stesso docente Nicola Meneghini. Quelle canzoni, come anche Và Pensiero e la Leggenda del Piave studiate per il periodo della prima Guerra Mondiale, rientrano "in un ciclo di lezioni che hanno cercato di contestualizzare i periodi storici anche a livello musicale". "Conoscere non significa nè abbracciare nè sposare una causa - chiarisce la preside della scuola, Luisa Caterina Chenet - La cosa è stata contestualizzata. Non c'è alcun indottrinamento. La nostra è una scuola seria. Forse è stata una scelta culturale un pò ingenua, ma l'insegnante non voleva certo sostenere alcuna posizione politica». Il docente di musica, però, già rilancia: per lo studio della seconda Guerra Mondiale i ragazzini troveranno sui banchi anche lo spartito di Lili Marlene.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    17 Settembre 2011 - 16:04

    Dopo 60 ANNI di bella ciao,e "L'internazionale"....arriva faccetta nera.A quando la canzone degli Arditi o quella dei sommergibilisti?

    Report

    Rispondi

  • Edea161090

    23 Aprile 2011 - 14:02

    che genitori deficienti, è pur sempre cultura. poi dopo anni di ragionamenti sono arrivata a capire che la cultura che sta politicamente a destra è sicuramente più sana di quella che sta a sinistra.

    Report

    Rispondi

  • migpao

    23 Aprile 2011 - 13:01

    "gira l'elica", vincerebbe il festival di sanremo ancora oggi.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    23 Aprile 2011 - 10:10

    che Faccetta non è una canzone "nata fascista", il fascismo se ne è appropriato. Esattamente come per Bella Ciao per il comunismo. Polemica stupida tirata in allo da qualche genitore con simpatie da centro sociale. Però il,prof avrebbe dovuto spiegare questo progetto ai genitori per evitare ciò che è successo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog