Cerca

Il Pdl di Milano: "Lassini, se eletto si deve dimettere"

Caos sul candidato dei manifesti anti-Br. Il coordinatore lombardo Mantovani: "Dovrà fare un passo indietro"

Il Pdl di Milano: "Lassini, se eletto si deve dimettere"
L'odissea di Roberto Lassini, ogni giorno, conosce un nuovo capitolo. Prima era stato scaricato dalla candidata sindaco di Milano, Letizia Moratti, e poi anche dal suo partito, nonostante la solidarietà di Silvio Berlusconi. La 'colpa' di Lassini, quella di aver ideato i manifesti "Via le Br dalle procure". Oggi, sabato 23 aprile, l'esponente pidiellino viene scaricato senza mezzi termini anche dal coordinatore lombardo del partito, Mario Mantovani.

LA NOTA DI MANTOVANI - "Il caso Lassini è chiuso - scrive Mantovani in una nota firmata anche dalla vicecoordinatrice regionale, Viviana Beccalossi -. La legge elettorale non ha consentito la sua cancellazione dalla lista del Popolo della Libertà presentata a Milano, ma come ha rinunciato irrevocabilmente alla candidatura, così auspichiamo si dimetta da consigliere della città qualora eletto. E comunque non farà parte del gruppo conisliare del Pdl.

CONTROSENSI
- Lassini, infatti, potrebbe benissimo essere eletto, e la popolarità di cui ha goduto negli ultimi giorni potrebbe giocare a suo favore. Però, anche se - come ha ricordato Mantovani - la legge elettorale non prevede cancellazioni dalle liste già presentate, qualora Lassini risultasse eletto, verrà indotto dal Pdl a rinunciare immediatamente all'incarico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Romano_1939

    25 Aprile 2011 - 11:11

    Sono PDL.- E dico: Lassini a milano alle prossime amministrative, sarà il politico più votato e quindi visto che il popolo è sovrano, non si dovrà dimettere.- Il suo gesto ? suppongo che sarà stato motivato da qualche ingiustizia subita dai magistrati altrimenti non si spiegherebbe il tutto.- La magistratura, dico solo: vi ricordate del referendum di qualche anno fa in cui l,80 % degli italiani decretarono che costoro in caso di errori dovevano risarcire ? Che fine ha fatto quel risultato ? chi era l,allora presidente della repubblica ? Bo.....

    Report

    Rispondi

  • doblone

    25 Aprile 2011 - 11:11

    Stanno tornando,come nel 22 stan tornando!!italiani state pronti

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    25 Aprile 2011 - 11:11

    Se prende 10.000 voti vorrei vedere anche che si dimettesse, dando uno schiaffo a chi lo ha eletto. Per le dimissioni (revocabilissime, vero Mantovano?) c'è spazio per tutti gli altri, a cominciare dai leghisti di lotta e di governo, che mi sembrano sempre più sciacalli assetati di poltrone. Che se poi la smettessero di recitare sempre e dovunque quel pietoso mantra "Il federalismo..." che infilano anche nei discorsi sulle prossime vacanze e nei commenti sportivi, farebbero un piacere a tutti. PS: I commenti su eventuali difetti FISICI del Berlusca, oltre a dimostrare la pochezza e bassezza morale di chi li fa, mettono in luce l'inconsistenza di qualsiasi argomentazione politica dell'opposizione.

    Report

    Rispondi

  • tambo

    24 Aprile 2011 - 16:04

    meglio se si dimette mantovani!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog