Cerca

Immigrati, siluro dall'Eliseo: "Italia pone problema"

Il consigliere di Sarkozy alla vigilia del vertice: "Se lasci entrare senza consultarti, dopo non puoi mandare le persone dai tuoi vicini"

Immigrati, siluro dall'Eliseo: "Italia pone problema"
Alla vigilia del vertice tra Italia e Francia sull'immigrazione, da Parigi arriva un nuovo siluro contro la linea dell'governo Berlusconi. In un'intervista al quotidiano Le Monde il consigliere speciale del presidente Nicolas Sarkozy, Henri Guaino, ha affermato senza usare giri di parole che il fatto che l'Italia abbia lasciato passare i migranti nordafricani "pone un problema. Se lasci entrare senza consultarti - attacca Guaino - senza associarti con i tuoi partner, dopo non puoi mandare dal tuo vicino tutti quelli che hai lasciato entrare".

"CERCARE SOLUZIONE COMUNE" - Quindi il superconsigliere, dopo la bordata, utilizza toni più concilianti. Martedì a Roma "discuteremo tranquillamente e serenamente di questo. Tenteremo di trovare una soluzione comune. Nessuno può sopportare da solo il peso dei flussi migratori". Guaino sostiene che la Francia sia "uno dei Paesi più accoglienti al mondo", e poi classifica come "antiche, durature, profonde e amichevoli le relazioni franco-italiane". Guaino si dice certo che per le tensioni diplomatiche tra Roma e l'Eliseo sull'emergenza immigrati "tutto finirà per mettersi a posto". A chi gli ha chiesto un commento sulle accuse mosse dall'Italia alla Francia ("un Paese poco solidale") Guaino risponde affermando che sono "piccole frecciatine, un gioco diplomatico e politico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robbyieh

    26 Aprile 2011 - 06:06

    La Francia ha solo ragione al 100%. Grazie a loro forse entrera' in testa anche a noi (alla gente comune era chiarissimo fin da subito!) che l'unica soluzione del problema e' non fare entrare i barconi nelle nostre acque territoriali con qualsiasi mezzo. Punto e basta. Tutto il resto e' maledettamente sbagliato! E' per il bene dei paesi africani prima di tutto perche finche' non sapranno che la sola soluzione dei loro problemi e' a casa loro non inizieranno mai a evolvere!

    Report

    Rispondi

  • incredula

    26 Aprile 2011 - 00:12

    Cosa ci consiglia di fare Monsieur Carlà? Dovremmo forse sparare sulle carrette del mare?

    Report

    Rispondi

  • incredula

    26 Aprile 2011 - 00:12

    Cosa ci consiglia di fare Monsieur Carlà? Dovremmo forse sparare sulle carrette del mare?

    Report

    Rispondi

  • Dodds

    25 Aprile 2011 - 23:11

    Ci stanno dicendo che non sono stati consultati prima, per cui non c'è da meravigliarsi se chiudono le frontiere! Da non credere!! hanno veramente una faccia di ...bronzo. Ma perchè loro ci hanno avvertito quando insieme agli inglesi stavano organizzando il bombardamento della Libia? Bei vicini leali e sinceri che abbiamo, e dicono pure che le nostre nazioni sono sorelle! Questi hanno fatto in modo che non trapelasse niente su quanto stavano tramando contro Ghedaffi semplicemente perche volevano farci le scarpe e fregarci il primato di partner privileggiato dello stato libico. Altrimenti se avessero coinvolto l'Italia si dall'inizo su questa avventura, informandoci lealmente come una nazione amica avrebbe dovuto fare, visti i nostri interessi economici in quell'area, tutto questo casino con i profughi non sarebbe successo. Silvioo....non farti ingannare, non fidarti, questi sono infidi come i serpenti. Non concedere niente, anzi attaccali e cantagliene quattro al Sarkoserpente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog