Cerca

Agente pestato dopo il rave: coma farmacologico

Grosseto, il 42enne Antonio Saltarelli è in fin di vita. L'altro carabiniere rischia di perdere un occhio. I 4 ragazzi arrestati per tentato omicidio

Agente pestato dopo il rave: coma farmacologico
Notte tranquilla all'ospedale di Siena per i due carabinieri aggrediti e pestati brutalmente all'alba di lunedì da quattro giovani a Sorano (Grosseto), dopo un rave party. Le condizioni di Antonio Saltarelli e Domenico Marino sono stabili, anche se il primo continua ad essere tenuto in coma farmacologico, mentre l'altro rischia di perdere l'uso dell'occhio destro, oltre ad avere riportato vari traumi in tutto il corpo, in particolare al volto. I due, dopo l'aggressione, sono stati portati in elisoccorso al Policlinico senese delle Scotte. Santarelli, 42 anni, è stato operato con urgenza alla testa con l'obiettivo di ridurre l'ampio ematoma. L'operazione, condotta dal professor Giuseppe Oliveri in Neurochirurgia, è durata un paio di ore.

L'ASSURDA AGGRESSIONE - I due militari sono stati pestati con calci, pugni e con un paletto di ferro, e poi lasciati in strada. I quattro ragazzi responsabili dell'aggressione, un 19enne e tre minorenni fiorentini tra cui una ragazza di 16 anni, sono scappati a bordo della loro auto, ma sono stati fermati quasi subito da una seconda pattuglia dei carabinieri, che per arrestare la corsa del veicolo, ha sparato alle due gomme posteriori. I quattro avevano anche rubato i verbali del loro controllo dalla prima gazzella. Sono stati arrestati per tentato omicidio. "Abbiamo perso la testa, abbiamo perso la testa": questo il loro primo commento al momento del fermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    27 Aprile 2011 - 22:10

    ...vuole crede più,che le punizioni a seguito di infrazioni gravi,(veri e propri atti delinquenziali)servano da deterrente...ecco quali sono i risultati! Per un fatto di questa portata,una bella scudisciata sul deretano funzionerebbe come non mai.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    27 Aprile 2011 - 21:09

    Non voglio giustificare il gesto che hanno fatto , che è di una gravità assoluta, ma voglio puntare il dito sui rave dove con droghe e musica sparata oltre i limiti si perde la cognizione di cosa è giusto o sbagliato. Perchè non si interviene a chiudere quelle pseudo feste. Questi ragazzi di cui uno appena maggiorenne avranno la vita rovinata come quei due carabinieri. Dove sono i controlli? Se tengo il volume del televisore a tono troppo alto mi arrivano lamentele carabinieri e vigili se organizzo un rave lo posso fare nella più totale impunità , come mai? Tutta la mia solidarietà alle famiglie delle vittime , spero che non avvengano più fatti del genere.

    Report

    Rispondi

  • biagele

    26 Aprile 2011 - 21:09

    il timore è che, visto i tanti precedenti, non saremo confortati nemmeno da una pena esemplare

    Report

    Rispondi

  • valter29

    26 Aprile 2011 - 20:08

    Onore ai due carabinieri che stavano adempiando il loro dovere per la nostra sicurezza. Spero ardentemente che possano cavarsela entrambi. Questi nostri militari, come le altre forze dell'ordine, rischiano la pelle tutti giorni ripagati con una paga pittosto misera specialmente se paragonata a quella di magistrati che con le loro sentenze consentono ai delinquenti di cavarsela a buon mercato magari con l'assistentato sociale. Da troppi anni abbiamo una legislazione troppo sbilanciata in favore dei delinquenti e in danno dei cittadini onesti e dei tutori della sicurezza pubblica. Propongo che le leggi attuali vengano modificate dai cittadini che hanno subito violenze dai delinquenti. Ma cosa hanno nella testa certi nostri giovani? Cosa insegnano loro la scuola e le famiglie? Altra proposta: nella riforma della scuola sia introdotta l'educazione comportamentale a partire dalle elementari come era ai tempi della mia fanciullezza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog